Nature award per il mentoring a Vincenzo Balzani.

Il 25 novembre è stato consegnato a tre scienziati italiani il premio annuale di Nature  “Mentore nella Scienza” al palazzo del Quirinale, per mano del Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano .

I tre vincitori sono stati la neurobiologa Michela Matteoli (Università di Milano), il  chimico Vincenzo Balzani (Università di Bologna) e il  fisico Giorgio Parisi (Università di Roma I, La Sapienza).

 Michela-Matteoli-and-President-300x200 Giorgio-Parisi-and-President-300x200

Vincenzo-Balzani-and-President-300x200

Riportiamo qui il discorso di accettazione di Vincenzo Balzani

Vincenzo Balzani

Nature Award for Mentoring in Science

25 Novembre 2013, Palazzo del Quirinale

Signor Presidente della Repubblica, autorità, colleghi, signore e signori, buon giorno.

Anzitutto voglio ringraziare il Presidente della Repubblica, che ci onora con la sua presenza, per il costante impegno a favore della scienza e più in generale della cultura. Ringrazio anche i dirigenti della rivista Nature per aver voluto conferire il loro prestigioso premio in questo luogo, che meglio di ogni altro rappresenta la nostra Italia.

Devo poi ringraziare moltissime persone: i giovani colleghi italiani e stranieri che hanno voluto presentare la mia candidatura, i più di cento ricercatori e scienziati di ogni parte del mondo che hanno passato mesi o anni nel nostro laboratorio, imparando, e anche insegnandoci, molte cose; ringrazio la gloriosa Università di Bologna e il nostro paese, l’Italia, che mi sono sempre sentito fiero di rappresentare nelle centinaia di conferenze tenute in tutto il mondo.

Ma il ringraziamento fondamentale va alla Divina Provvidenza che molti anni fa, quando frequentavo il liceo scientifico, mi ha fatto innamorare di una ragazza di nome Carla, che poi è diventata mia moglie, e di una scienza di nome Chimica, che ha permeato tutta la mia vita di docente e di ricercatore.

La ricerca scientifica è così bella che a volte strega chi di lei si innamora e lo avvolge fino a racchiuderlo in una torre, non sempre d’avorio, dove lo scienziato rischia di isolarsi. E’ accaduto anche a me all’inizio della carriera. Poi, col passare degli anni, mi sono reso conto che chi ha avuto il privilegio di studiare e di fare un mestiere così bello come quello del professore universitario non può rimanere chiuso nelle sue ricerche, per quanto belle e gratificanti esse siano.

C’è una responsabilità che deriva dalla conoscenza: lo scienziato ha il dovere di occuparsi dei problemi della società, deve contribuire a risolverli. Ha molti modi di farlo: con le sue ricerche, l’insegnamento, la divulgazione della scienza e anche partecipando attivamente al  governo della sua università, della sua città o della nazione. Questo impegno è oggi più che mai importante, perché viviamo in un momento cruciale della storia, caratterizzato da due grandi problemi, da due “insostenibilità”: quella ecologica, che trova il suo culmine nella crisi energetico-climatica, e quella sociale che vede sempre più allargarsi la forbice fra i ricchi e i poveri. Come ha scritto il premio Nobel Richard Ernst: “Chi altro, se non gli scienziati, ha la responsabilità di stabilire le linee guida verso un progresso reale, che protegga anche gli interessi delle prossime generazioni?”

Ho cercato e cerco ancora di trasmettere ai colleghi più giovani, due messaggi che hanno in comune la parola <fuoco>.

Uno riguarda la didattica: nel preparare le vostre lezioni, dico, ricordate la massima di Teofrasto: “Insegnare non è versare acqua in un vaso, ma accendere un fuoco“. I giovani hanno bisogno di maestri di vita che non insegnino solo la scienza, ma che facciano anche capire per che cosa la scienza deve o non deve essere usata: per la pace e non per la guerra, per ridurre e non per aumentare le disuguaglianze fra paesi ricchi e paesi poveri, per custodire il pianeta, non per distruggerlo, in modo che sia abitabile anche per le prossime generazioni. Questi concetti potrebbero, dovrebbero essere lampi di luce capaci di accendere un fuoco anche nei freddi programmi dei corsi scientifici.

L’altro messaggio riguarda la ricerca; prima di tutto dico ai giovani che per avere successo ci vuole creatività e passione; una grande passione, perché come ha scritto Albert Szent-Gyorgyi “Ogni scoperta consiste nel vedere ciò che tutti hanno visto e nel pensare ciò a cui nessuno ha mai pensato.”

Creatività e passione, dunque,  che i giovani scienziati dovranno usare per svolgere, fra gli altri, un compito molto importante, quello di re-inventare il fuoco: nel senso che il fuoco, cioè l’energia che sostiene lo sviluppo della civiltà, non potrà più essere ottenuto bruciando le  risorse che abbiamo trovato sotto terra, i combustibili fossili, ma dovrà essere creato utilizzando la luce del sole, che scende dal cielo.

Re-inventare il fuoco sarà un’impresa entusiasmante per le nuove generazioni. Grazie

http://blogs.nature.com/ofschemesandmemes/2013/11/27/nature-awards-for-mentoring-in-science-2013-at-quirinal-palace-in-rome

http://www.nature.com/naturejobs/science/articles/10.1038/nj7477-559a

One thought on “Nature award per il mentoring a Vincenzo Balzani.

  1. Grande Vincenzo,
    sei sempre il numero uno.
    Grazie per tutto quello che hai fatto per la chimica, in particolare quella italiana.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...