Effetto tunnel vs. soffitto di cristallo.

Nota: si ricorda che le opinioni espresse in questo blog non sono da ascrivere alla SCI o alla redazione ma al solo autore del testo.

a cura di Claudio Della Volpe

Intervista a Laura Gagliardi.

In meccanica quantistica vale una proprietà che non vale per la meccanica classica; una barriera è penetrabile anche se il suo valore di energia supera quello dell’energia che il sistema possiede; in pratica una particella può superare una barriera energetica, ha una certa probabilità di farlo, anche se la sua energia è inferiore al necessario; si chiama “effetto tunnel”.

Non so se hanno pensato a questo le tre colleghe che nei giorni scorsi hanno lanciato su Internet una petizione un pò particolare, questa:

https://www.change.org/petitions/scientific-community-stop-gender-discrimination-in-science

firmata da Prof. Emily Carter, Princeton University
Prof. Laura Gagliardi, University of Minnesota
Prof. Anna Krylov, University of Southern California.

Di che si tratta? Potete leggere parecchi dettagli sul blog dell’amica Sylvie Coyaud, Oca sapiens per il pubblico, che mi ha avvisato del problema, che da vero maschietto non conoscevo ancora. Un’articolo è stato pubblicato anche sul blog di Nature.

A Pechino il 6 giugno 2015 si aprirà il 15° ICQC, ossia International Congress of Quantum Chemistry; una occasione eccezionale, fra gli invited lecturer Roald Hoffman. Cosa è avvenuto? Come raccontano le tre suffraggette “the program features 24 invited speakers and 5 chairs and honorary chairs and does not include a single woman.”; la cosa è alquanto assurda perchè ci sono centinaia di donne che pubblicano in MQ e hanno ottenuto risultati prestigiosi quanto gli uomini. Il motivo, sostengono gli organizzatori, è che la singola donna invitata non ha accettato l’invito in tempo; scusa deboluccia visto che ci sono almeno 300 donne di alto livello elencabili fra i cultori della MQ nel mondo. In realtà si tratta del cosiddetto glass ceiling, soffitto di cristallo in italiano.

Il soffitto di cristallo è la barriera invisibile che impedisce alle donne di accedere alle posizioni di responsabilità nelle organizzazioni nelle quali lavorano. Secondo l’immagine del “soffitto di cristallo” le donne guardano in alto e non vedono ostacoli, perché l’atmosfera paritaria che sembra regnare nell’ambiente di lavoro appare ispirata a una competizione aperta. Ma non è così.

In un certo senso il soffitto di cristallo è il contrario dell’effetto tunnel; nell’effetto tunnel la barriera c’è, ma la si può attraversare anche se non se ne ha l’energia, il “diritto” potremmo dire; nel caso del soffitto di cristallo invece, la barriera non esiste, non c’è alcuna barriera visibile, gli strumenti ufficiali non la sentono, è tutto trasparente, ma poi in effetti la barriera c’è lo stesso, e, anzi, è totalmente insuperabile, anche se se ne ha l’energia, o il “diritto”.

Una delle tre protagoniste dell’episodio, Laura Gagliardi è una chimica italiana laureata a Bologna che lavora all’estero*, con un CV lungo varie pagine. Laura ha acconsentito a rispondere ad alcune domande; ecco le sue risposte.

D: Laura questo episodio è un episodio isolato o
casuale? Oppure secondo te è rappresentativo di un
modo di pensare che “consciamente” o
“inconsciamente” fa parte del mondo scientifico
internazionale?

lauragagliardi

Purtroppo non e’ un episodio isolato e casuale ma e’ un tipico esempio di un modo di pensare  che “consciamente” o “inconsciamente” fa parte del mondo scientifico internazionale. Del resto organismi direttivi, consigli di amministrazione e istituzioni come la IAMQS sono per lo piu` formati da uomini, che senza neanche volerlo, quando devono scegliere altre persone, le scelgono simili a loro. Gli uomini scelgono altri uomini. In questo caso non hanno riflettuto sulle conseguenze di un programma senza neanche una donna. Non hanno pensato che questo sarebbe stato molto frustrante per le donne in generale e specialmente per le giovani ricercatrici.

D: Tu che sei vissuta in Italia e negli Usa
ritieni che ci siano differenze significative a
riguardo della questione femminile, e in
particolare del “tetto di cristallo” (ossia la
difficoltà della donna di raggiungere posizioni
apicali) fra il nostro paese e gli USA o la
condizione internazionale della donna nel mondo
scientifico è più o meno la stessa dappertutto?

lauragagliardiIn USA c’e’ piu’ awareness del problema. Nelle universita’ vengono formate commissioni che si devono occupare appositamente di questi problemi, ossia di fare in modo che diversita’ e minoranze siano presenti. C’e’ la consapevolezza che piu’ una squadra e’ differenziata, meglio e’. Pero’ questi processi hanno bisogno di molto tempo, perche’ occorre cambiare la cultura e il modo di pensare alla base.

D:: Cosa ritieni occorra fare nel caso specifico
e cosa proponi di fare più in generale per
affrontare seriamente la questione?

lauragagliardi

Affrontare il problema a tutti i livelli. Per esempio gia’ alla scuola elementare  o media bisogna mandare un messaggio chiaro: occorre creare condizioni per cui le donne con famiglia possano anche lavorare ed essere competitive; e’ necessario promuovere azioni per raggiungere un buon equilibrio fra la vita professionale e quella famigliare; bisogna far capire che le ragazze possono essere brave anche nelle materie scientifiche e possono diventare scienziate brave quanto gli uomini. E’ un problema grande. Ci vorra’ tempo per affrontarlo. Il fatto che se ne parli e’ gia’ un successo.

Mi raccomando andate a firmare la petizione e soprattutto, date un calcio al soffitto.

per approfondire:

un precedente post su Donne e chimica su questo blog: https://ilblogdellasci.wordpress.com/2013/03/22/le-donne-in-chimica/

http://economia.unipv.it/pagp/pagine_personali/afuma/didattica/sem_capitalismo_cognitivo/Materiale%20Didattico/Femminilizzazione%20lavoro-Rosti%20saggio%201.pdf

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2014/02/23/Istat-stima-capitale-umano-italiano-vale-342mila-euro_10130102.html

————————————————————————
* Laura Gagliardi
University of Minnesota
Department of Chemistry
207 Pleasant St. SE
Minneapolis, MN 55455-0431
Email: gagliard@umn.edu
Web:  http://www.chem.umn.edu/groups/gagliardi
————————————————————————

Una domanda per i lettori: quante donne erano presenti al compleanno di Cannizzaro nel 1896?

compleannocannizzaro

R:: Una pIù di quelle che saranno invited speaker a Pechino 2015. E sapete chi era?

(si ringrazia del suggerimento il prof. Marco Taddia)

 Dagli Atti del XII Convegno Nazionale di Storia e Fondamenti della Chimica a cura di Franco Calascibetta e Luigi Cerruti, Firenze, 19-22 Settembre 2007; in Rendiconti della Accademia     Nazionale delle Scienze detta dei XL, Memorie di Scienze Fisiche e Naturali, Serie V, Vol. XXXI, Parte II, Tomo II, Roma, 2007
(Per gentile concessione dell’Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL, Roma)

Pasqualina Mongillo-Maria Bakunin una signora della chimica moderna parte I

Pasqualina Mongillo-Maria Bakunin una signora della chimica moderna parte 2

11 thoughts on “Effetto tunnel vs. soffitto di cristallo.

  1. Si tratta di Maria Bakunin, che nel 1909 inizia ad insegnare chimica applicata alla Scuola superiore politecnica di Napoli, nel 1912 vince il concorso di professore ordinario per la cattedra di chimica tecnologica applicata presso la medesima scuola e nel 1940 si trasferisce alla cattedra di chimica organica della Facoltà di scienze dell’Università di Napoli dove lavora fino al 1947.
    A lei si deve, tra l’altro, un forte contributo all’avvio a Napoli dello studio sui pigmenti melanici, studio che ha portato ad una scuola, quella Napoletana, punto di riferimento internazionale.
    http://www.espcr.org/eumelanet/

    Nel 1949 le viene conferito il titolo di “professore emerito”.
    http://www.treccani.it/enciclopedia/marussia-bakunin_%28Dizionario-Biografico%29/

    • Ricordiamo anche, per chi desiderasse approfondire, la biografia scritta da Pasqualina Mongillo (1959-2011):
      “Marussia Bakunin – Una donna nella storia della chimica”
      Rubettino, 2008

  2. Sull’argomento in generale in Italia ricordo il blog pubblicato il 22 marzo del 2013 al quale rimando per una puntuale riflessione sulla situazione in Italia per le materie chimiche. Buona lettura
    Gianfranco Scorrano

  3. Interessantissima la storia della vita di Marussia Bakunin, e tuttavia non trovo informazioni sulla famiglia. Se ne fece una? Ebbe discendenti diretti? E’ senza dubbio rilevante, proprio rispetto all’argomento del post…

    • Pasqualina Mongillo presentò una comunicazione su Marussia Bakunin al XII Convegno Nazionale di Storia e fondamenti della Chimica (Firenze, 19-22 Settembre 2007). Il testo per esteso è incluso negli Atti del Convegno, pubblicati sui Rendiconti della Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL, Memorie di Scienze Fisiche e Naturali, Serie V, Vol. XXXI, Parte II, Tomo II, Roma, 2007. Se Cosentino è interessato posso inviargli copia del contributo.

  4. L’ottimo post di Claudio Della Volpe e un episodio di cui sono stato involontario testimone alcuni giorni fa, mi hanno fatto riflettere sul ruolo dell’educazione nella creazione degli stereotipi di genere. Ho sentito una giovane mamma rimproverare con garbata decisione la sua bambina in questo modo: “Quante volte ti devo dire che non esistono giochi per bambine e giochi per bambini?”. L’accaduto mi fa pensare che coloro che non si fidano delle donne siano stati abituati a pensare che la scienza sia un “gioco” per bambini. Mi sono documentato velocemente sui progressi dell’educazione in questo campo e il rimprovero di quella mamma mi è parso un segno dei tempi di cui rallegrarsi.

    • Il contributo di Pasqualina Mongillo dal titolo: “Maria Bakunin – una ‘signora’ nella storia della chimica moderna”, presentato al XII Convegno Nazionale di Storia e Fondamenti della Chimica (2007), sarà disponibile a breve anche all’indirizzo http://www.gnfsc.it .
      Si ringrazia l’Accademia dei XL per la cortese collaborazione.

  5. Pingback: Due stelle di Natale. | il blog della SCI

  6. Pingback: L’8 marzo della SCI. | il blog della SCI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...