Storie di macromolecole ed energia.

Nota: si ricorda che le opinioni espresse in questo blog non sono da ascrivere alla SCI o alla redazione ma al solo autore del testo.

a cura di Giorgio Nebbia

Che cosa lega il Texas, la Lombardia e il Gujarat ? Il galattomannano. L’estrazione di metano dagli scisti consiste, come è ben noto, nell’iniettare negli strati di scisti, mediante pozzi orizzontali, acqua sotto pressione contenente in sospensione circa il 10 % di sabbia e altre sostanze capaci di sgretolare e di decomporre le rocce degli scisti. L’acqua viene resa più viscosa con agenti addensanti fra cui si è visto che si prestava bene la gomma di guar ottenuta da una pianta coltivata soprattutto in India e nel Pakistan.

220px-Galactomannan

Il guar, dal nome botanico Cyamopsis tetragonoloba, è una pianta erbacea leguminosa che produce dei semi simili ai piselli che, da tempi antichissimi, venivano macinati e trasformati in una farina alimentare. Successivamente si è visto che dalla farina greggia era possibile separare, con una resa di circa il 30 percento, una polvere, impropriamente chiamata “gomma”, di colore da giallastro a chiaro, che, aggiunta all’acqua, ne faceva aumentare la viscosità.

Il principale componente della gomma di guar è una macromolecola di galattomannano 1,2, costituita da catene di molecole di mannosio unite da legami 1,4; ogni due molecole di mannosio una è unita con una molecola di galattosio con un legame 1,6; il galattomannano 1,2 ha peso molecolare di circa 150.000-250.000 dalton. La gomma di guar è utilizzata da tempo per aumentare la compattezza dei gelati e di molti altri prodotti ed è ammessa come additivo alimentare addensante con la sigla europea di E412. La gomma di guar è stata utilizzata anche per prodotti cosmetici e in altri campi e veniva normalmente prodotta in ragione di circa un milione di tonnellate all’anno.

220px-DL-Mannose.svg 361px-DL-Galactose_num.svg

Nel 2000 il suo prezzo era di circa 1000 euro alla tonnellata; con l’aumento del numero dei pozzi che estraggono metano per fracking degli scisti, molti dei quali nel Texas, è aumentata la richiesta mondiale e la speculazione sulla gomma guar il cui prezzo è aumentato bruscamente arrivando nel 2012 a circa 10.000 euro alla tonnellata, con riflessi negativi sui fabbricanti italiani di gelati e prodotti alimentari, molti in Lombardia. Come reazione subito i coltivatori indiani, molti nello stato del Gujarat, hanno aumentato la coltivazione di guar, ma anche gli industriali petroliferi hanno cercato altri additivi addensanti per le perforazioni e il prezzo della gomma guar è crollato nel 2014 al valore più ragionevole di circa 2000 euro alla tonnellata.

Ma il metano da fracking degli scisti è tutt’altro che tranquillo. Gli agricoltori vicini ai pozzi protestano perché gli altissimi consumi di acqua portano via acqua all’irrigazione; gli ambientalisti protestano perché le acque che ritornano in superficie dai pozzi sono inquinate e devono essere sottoposte a processi di depurazione prima di essere immesse nei fiumi o nel sottosuolo. Ci sono stati anche dubbi che le operazioni di fracking delle rocce sotterranee e l’asportazione del metano possano provocare subsidenza del suolo o provocare terremoti.

Questa breve storia dei rapporti fra agricoltura, industria agroalimentare e industria energetica in così lontane terre del pianeta è un esempio degli effetti della globalizzazione, i cui vantaggi sono anche fragilissimi perché spesso la speculazione non rende a lungo. Infine insegna che ogni impresa “economica”, che è sempre basata su risorse naturali, merci e processi tecnico-scientifici, in cui la chimica entra sempre, deve essere valutata con attenzione per evitare di uscire da una trappola per cadere in un’altra.

per approfondire:

http://www.lucidcolloids.com/pdf/8617_glimpses-of-galactomannans.pdf

http://tribune.com.pk/story/622071/corporate-results-pakchems-profit-binge-ends-with-crash-in-guar-price/

http://timesofindia.indiatimes.com/city/jaipur/Guar-prices-expected-to-rise-in-January/articleshow/27050056.cms

http://articles.economictimes.indiatimes.com/2012-05-21/news/31800809_1_guar-prices-commodity-futures-futures-market

http://www.forbes.com/sites/christopherhelman/2012/07/17/fracking-boom-means-good-times-for-indias-guar-farmers/

One thought on “Storie di macromolecole ed energia.

  1. Il guar e il suo costituente dal nome bizzarro hanno anche un altro forte legame con la Lombardia: sono tra le più comuni basi per addensanti da impiegare nella stampa tessile. Le paste da stampa serigrafica sono tipicamente formate da una soluzione-dispersione acquosa di un polisaccaride, che non solo deve garantire facilità di preparazione e proprietà reologiche controllate, ma deve anche lasciarsi eliminare facilmente e possibilmente a bassa temperatura dopo il vaporizzaggio e la fissazione del colorante.
    Il Comasco, dove peraltro la stampa ink-jet diretta di alta qualità ha recentemente rimpiazzato ampie fette della serigrafia, ma anche il Varesotto, il Monzese ed altre zone della Lombardia dove si continua a stampare tessuti, sono ancora grandi consumatrici di queste farine, i cui derivati vengono tra l’altro preparati da aziende di queste zone.
    Visto com’è piccolo il mondo?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...