Europa 2020: cosa pensano i cittadini europei.

Nota: si ricorda che le opinioni espresse in questo blog non sono da ascrivere alla SCI o alla redazione ma al solo autore del testo.

a cura di Luigi Campanella, ex Presidente SCI

Per contribuire ad affrontare i problemi ambientali che affliggono l’Europa e il mondo, la Strategia Europa 2020 contiene un forte impegno per la sostenibilità, in particolare gli obbiettivi del 20% del fabbisogno di energia ricavato da fonti rinnovabili e l’aumento del 20% dell’efficienza energetica.

La Commissione Europea, sia per informare i cittadini, sia per orientare i decisori politici, ha condotto una nuova indagine, a tre anni dalla precedente, volta ad indagare gli atteggiamenti dei cittadini verso le problematiche ambientali.

commissioneeuropea

Il questionario è stato somministrato, di persona e nella lingua materna dell’intervistato, nel corso del 2014 a circa 28000 cittadini provenienti da diverse fasce sociali e demografiche.

http://ec.europa.eu/europe2020/public-consultation/index_it.htm

I risultati confermano che la preoccupazione per le questioni ambientali non si è attenuata, infatti il 95% del campione intervistato ritiene personalmente molto o abbastanza importante la tutela dell’ambiente, anche perché pensa che incida direttamente sulla qualità della vita quotidiana (77%).

Per questo l’85% degli intervistati ritiene di poter avere un ruolo attivo da svolgere nella protezione nell’ambiente e la maggior parte ha iniziato ad avere comportamenti virtuosi quali una migliore separazione dei rifiuti destinati al riciclaggio (72%), la riduzione del consumo energetico (52%) e del consumo idrico (37%), mentre un terzo ha scelto di usare mezzi di trasporto alternativi rispetto all’auto (trasporto pubblico, bicicletta) e ha deciso di comprare prodotti locali.

La grande maggioranza degli intervistati però pensa che sia l’industria/grande impresa che il proprio governo non stiano facendo abbastanza per proteggere l’ambiente.Inoltre il 75% è disponibile a spendere di più per prodotti rispettosi dell’ambiente e questo è l’unico caso in cui l’Italia, con il suo 67% si discosta vistosamente dalla media europea.

Negli intervistati le preoccupazioni maggiori sono suscitate dall’inquinamento dell’aria (56) e dell’acqua (50%), mentre oltre quattro persone su dieci sono preoccupate dell’impatto sulla salute delle sostanze chimiche presenti nei prodotti di uso quotidiano (43%) e dalla crescente quantità di rifiuti (43%); più di un terzo invece si dice preoccupato dall’esaurimento delle risorse naturali (36%).

La quasi totalità (93%), inoltre, è favorevole al principio del “chi inquina paga” per cui ritiene che si debba andare verso un sistema di sanzioni pesanti che colpisca i trasgressori.

Relativamente all’informazione sulle tematiche ambientali, i due terzi del campione ha risposto che si sente ben informata. In molti paesi la percentuale è aumentata rispetto al 2011, solo in tre stati, Olanda, Gran Bretagna e Italia è diminuita rispetto agli effetti sulla salute delle sostanze chimiche presenti nei prodotti di uso quotidiano e all’inquinamento atmosferico (perfettamente in linea con quanto emerso nella domanda sulle maggiori preoccupazioni ambientali).

Il 40% ha risposto di aver fiducia negli scienziati, seguiti a ruota dalle associazioni per la protezione ambientale e la televisione.

Infine il 77% dei cittadini dell’Unione giudica che la normativa ambientale europea sia necessaria per proteggere l’ambiente nel loro paese e ritiene che sarebbero necessari maggiori finanziamenti UE destinati a sostenere attività rispettose dell’ambiente. Ma il dato più rilevante è che il 79% pensa che l’UE dovrebbe poter verificare che le disposizioni legislative in materia di ambiente siano effettivamente applicate in modo corretto nel proprio paese di appartenenza.

2 thoughts on “Europa 2020: cosa pensano i cittadini europei.

  1. Visti i risultati dell’inchiesta, mi pare che per quanto riguarda la fiducia negli scienziati questa lasci un po’ a desiderare. Non è la prima volta che succede. Forse dovremmo umilmente interrogarci sui motivi e magari tentare di migliorare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...