Trattamento e recupero di acque piovane.

Nota: si ricorda che le opinioni espresse in questo blog non sono da ascrivere alla SCI o alla redazione ma al solo autore del testo

a cura di Mauro Icardi

La disponibilità di acque adatte per il consumo umano (cioè per usi sia potabili che domestici) sta diventando un problema sempre più grave, non solo nei paesi a clima arido, ma anche in Europa.
Uno studio del Joint Research Center della Commissione Europea prevede che nei paesi del sud Europa gli effetti del cambiamento climatico in atto potranno provocare una riduzione fino al 40% della portata dei fiumi. Nel frattempo la crescente richiesta di acqua da parte dei settori produttivi e dalla popolazione urbana potrebbe portare a situazioni di criticità che potrebbero sfociare in misure di razionamento e in eventuali aumenti dei canoni di fornitura.

california

La soluzione per affrontare questo preoccupante scenario potrebbe arrivare dallo sfruttamento delle acque piovane. Occorre precisare però che le acque recuperabili ed utilizzabili sono solo quelle che cadono sui tetti o su appositi bacini, escludendo quelle che cadono su aree pavimentate, strade e piazzali che possono avere carichi inquinanti decisamente elevati.
In effetti le prime acque meteoriche di dilavamento non diluiscono affatto le acque reflue, essendo esse stesse cariche di inquinanti dilavati dalle superfici di deflusso.
A Taiwan una recente legislazione obbliga ad installare sistemi di raccolta per le acque piovane in tutti gli edifici pubblici di nuova costruzione. Per i palazzi privati l’obbligo non sussiste ma è un requisito indispensabile per ottenere la “green building certification” che costituisce un notevole valore aggiunto per il mercato immobiliare.
Nella provincia cinese di Gansu sono stati installati tre milioni di “Shuijiao” (cantine d’acqua) cioè serbatoi interrati per garantire la fornitura di acqua potabile ad altrettante famiglie rurali.
Prima di parlare delle tecniche di trattamento dell’acqua piovana mi piace ricordare i miei anni di infanzia. Oggi sembrerebbe impossibile ma la casa dei miei nonni materni dipendeva per l’acqua da un pozzo esterno, situazione comune in molte cascine del Monferrato nella prima metà dello scorso secolo. Le piogge contribuivano non poco al riempimento e ravvenamento del livello di quel pozzo. Io ero incaricato di agganciare il secchio al gancio e di calarlo nel pozzo facendo scorrere la corda sulla carrucola quando restavo con i nonni durante l’estate. Qualche anno dopo mio padre e mio zio (suo fratello) dotarono mia nonna rimasta vedova di una pompa idraulica per evitarle questo compito che con l’avanzare dell’età risultava per lei sempre più faticoso.

pozzo

Anche se l’acqua piovana non è sempre potabile “tal quale” (soprattutto per la presenza di contaminazioni microbiologiche) i sistemi di filtrazione sono ben conosciuti sia nelle versioni tradizionali (filtrazione su sabbia, disinfezione con ipoclorito o raggi UV) , che nelle versioni più moderne basate su moduli di ultrafiltrazione e carbone attivo. Nel caso del pozzo di mia nonna veniva utilizzato un filtro a carbone di legna che ha sempre funzionato egregiamente. Ne sono la testimonianza diretta, visto che nelle giornate estive spesso bevevo frequentemente l’acqua di quel pozzo direttamente con il mestolo dopo aver calato e poi sollevato il secchio dal pozzo.
La presenza diffusa di sistemi di recupero dell’acqua piovana avrebbe un effetto “ammortizzatore” nel caso di precipitazioni brevi ed intense (le cosiddette bombe d’acqua termine entrato nel lessico corrente ma che personalmente non mi piace troppo).
I contaminanti di un’acqua piovana possono essere i più diversi dal dilavamento di inquinanti atmosferici (per esempio le “piogge acide”, fino al fogliame, escrementi di uccelli ed altri contaminanti microbiologici.
Il sistema di trattamento di queste acque dipenderà anche dall’uso che ne verrà fatto. Su un consumo medio giornaliero di 250 litri di acqua solo il 2% circa viene destinato all’uso potabile propriamente detto, cioè per bere, cucinare, lavare le verdure. Il 49 per cento è destinato ad usi igienici (bagno, doccia e lavaggio pentole e stoviglie. Per questo tipo di usi è comunque necessaria l’eliminazione dei solidi sospesi e della contaminazione microbiologica.
Per il restante 49% dell’acqua che si destina per esempio allo scarico del wc, all’innaffiatura e al lavaggio delle auto può essere sufficiente un semplice trattamento di decantazione e di filtrazione.

recupero_acque

I sistemi di recupero sono di solito costituiti da un serbatoio interrato che raccoglie le acque provenienti dalle gronde. Al di sotto della superfice del liquido si posiziona mediante galleggiante il tubo di aspirazione. La pressione per portare l’acqua alle diverse utenze è ovviamente fornita da una pompa idraulica , e a monte di questa si monta un filtro per l’eliminazione dei solidi sospesi. L’impianto si completa con uno scarico di troppo pieno con recapito in fognatura e da una connessione con la rete di acqua potabile, per sopperire ad eventuali periodi di siccità prolungata e per effettuare eventuali pulizie periodiche. Per usi igienici quali bagno o doccia si include nel sistema uno stadio di trattamento per abbattere la carica batterica. Se si opta per la clorazione o la sterilizzazione con ozono è necessario uno serbatoio di accumulo a valle. Metodi più moderni come lampade uv e microfiltrazione si possono installare direttamente sulla mandata della pompa stessa.
Se, come ancora spesso accade, l’acidità dell’acqua piovana è eccessiva (pH tra 5,5 e 6) e necessaria l’installazione di un filtro di correzione dell’acidità con riempimento di materiale granulare a base di carbonato di calcio. Un sistema di questo tipo con portate di 2000-3000 lt/h a costi che si aggirano intorno ai 4000 euro. Se si vuole poi destinare l’acqua piovana ad uso potabile andrà previsto il passaggio su carbone attivo e l’eventuale aggiunta delle sostanze minerali che di solito non sono presenti nelle acque piovane. Tutto l’impianto idrico dovrà poi essere sottoposto a trattamenti periodici di clorazione.
L’acqua può avere molteplici usi e quindi trattamenti differenziati. Da anni si parla di acqua e della necessità di preservarla e non sprecarla. L’acqua va conosciuta e sarà necessario nel futuro evitare di destinare acqua adatta all’uso potabile per lo scarico dei wc. Ogni fonte di approvvigionamento andrà gestita correttamente. Anche l’acqua piovana.

3 thoughts on “Trattamento e recupero di acque piovane.

  1. Ciao Mauro
    Articolo molto interessante.
    Più volte in passato mi sono interessato al problema dell’acqua e dei diversi modi in cui in passato si è cercato di risolvere questo essenziale problema per la vita della gente.
    Questo interessamento si è concretizzato nell’effettuare una ricerca nel mio paese di nascita, dove d’estate vado a trascorrere alcune settimane di ferie.
    La ricerca è visionabile al seguente indirizzo: http://www.decrescita.com/news/il-problema-dellacqua/
    Ciao
    Armando

    • Grazie Armando e ben ritrovato. Leggerò il tuo contributo con molto interesse. Tutto quello che riguarda il settore idrico è da conoscere e divulgare. A maggior ragione per me che vi lavoro.
      Mauro

  2. Ciao Mauro
    Questa estate ho trascorso alcune settimane di vacanze al mio paese di nascita e nel territorio circostante.
    Più il tempo passa e più mi rendo conto dell’importanza che l’approvvigionamento dell’acqua ha avuto in passato e che avrà in futuro.
    Questa estate ho visitato Matera (lo faccio ogni anno) e ho fatto una visita guidata al “Palombaro Lungo”, una enorme struttura sotto la piazza principale di Matera e che serviva per la raccolta dell’acqua piovana e di falda.
    Su questa visita (e su altre cose che ho visto) ho fatto un articolo che ho pubblicato sul sito di Decrescita felice social network.
    Ti invio il link all’articolo nel caso ti interessasse leggerlo: http://www.decrescita.com/news/la-voce-del-passato-durante-le-vacanze/
    Ciao Mauro
    A risentirci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...