Colla Neanderthal: garantita 200.000 anni.

Claudio Della Volpe

(una parte del testo è tradotto liberamente dall’introduzione del lavoro citato appresso)

In altri articoli e post ho ricordato che la attività chimica dell’uomo è iniziata molto presto; a parte il fuoco, che risale a 1 milione di anni fa e che è addirittura precedente a Homo Sapiens Sapiens, essendo un ritrovato di Homo erectus, i ritrovamenti di Blombos dimostrano che 100.000 anni fa Homo Sapiens svolgeva in Sud Africa una attività chimica propriamente detta consistente nel preparare pigmenti e la svolgeva in un sito apposito, non usato per altre attività.

C’è un ulteriore prova di come la Chimica sia una attività “umana” in senso proprio, attinente ad altre specie di ominidi, diverse da noi ed è la produzione di adesivi da parte di Homo sapiens Neanderthalensis, una specie umana che ha preceduto la nostra nell’ambiente europeo che era all’epoca, attorno a 200.000 anni fa, seconda metà del Pleistocene, più difficile di quello africano da cui provenivano i nostri antenati propriamente detti (in pratica possiamo metterla così: mentre il clima europeo cambiava, i nostri antenati furono immigrati invasori che spodestarono i Neanderthal nell’ambiente europeo il cui clima andava lentamente riscaldandosi).

L’uomo di Neandertal che è diventato parte della nostra cultura, delle nostre storie, dei nostri modi di dire ci ha certamente lasciato anche eredità genetiche, ma soprattutto culturali; piano piano si evidenzia che le differenze fra noi e “loro” non erano poi così forti.

Oltre al fatto che aveva sensibilità artistica e che seppelliva i morti, ci sono parecchie evidenze sperimentali che Neanderthal gestiva il fuoco e produceva ed usava adesivi per bloccare le sue punte di freccia di pietra su un’asta di legno, una sofisticata attività da chimico e tecnologo.La produzione e l’impiego di adesivi per hafting (adesivi da traino, che consentono di attaccare un dispositivo ad un supporto, per esempio una punta ad una freccia o ad un giavellotto, un metodo sviluppato durante il Paleolitico che ha potenziato enormemente la capacità umana di procurarsi cibo) è diventato un punto focale nel dibattito sulle capacità cognitive e tecnologiche dei Neanderthaliani e degli esseri umani primitivi.

Journal of Archaeological Science 33 (2006) 1310e1318 A new Palaeolithic discovery: tar-hafted stone tools in a European Mid-Pleistocene bone-bearing bed, di Paul Peter Anthony Mazza et al.

Gli adesivi sono una delle più antiche tecnologie trasformative conosciute e la produzione di catrame è vecchia di almeno di 200 mila anni. Il catrame è sintetizzato dalla distillazione asciutta (distruttiva) di materiale organico, comunemente la corteccia di betulla (Betula sp.) o di pino (Pinus sp.). La distillazione della corteccia è considerata un processo complicato che richiede pianificazione, conoscenza dei materiali e l’astrazione. I più antichi strumenti di pietra a catrame conosciuti sono stati scoperti in un sito di Pleistocene medio in Italia, (Campitello, in Valdarno) durante un periodo in cui solo Neanderthaliani erano presenti in Europa. L’età di questi reperti è stimata in circa 200.000 anni, dunque ben più antichi di quelli di Blombos.

Sono stati trovati anche grumi e residui adesivi su utensili in pietra su due siti di Neanderthal in Germania, appartenenti a 40-80 ka e ~ 120 ka . L’evidenza diretta dell’uso di adesivi in Africa è più numerosa ma risale solo a ~ 70 Ka. Tali adesivi sono di composizione più complessa ma gli adesivi composti condividono molte analogie con la produzione di catrame di betulla e possono essere altrettanto sensibili agli additivi o post processi di produzione. La produzione di catrame nell’Europa paleolitica è a sua volta utilizzata per argomentare le somiglianze tra le capacità tecnologiche dei neanderthaliani e dei loro emulatori in Africa.

La corteccia di betulla è più adatta alla produzione di catrame rispetto ad altri materiali, ma l’assenza di betulle in Africa potrebbe essere una ragionevole spiegazione del diverso tipo di adesivo usato.

Nei periodi storici e moderni, il catrame è stato prodotto su una scala industriale utilizzando grossi tumuli di terra o in forni usando contenitori in ceramica o in metallo. Non è chiaro come è stato prodotto durante il Pleistocene quando i contenitori in ceramica sono rari o sconosciuti. I tentativi sperimentali precedenti alla produzione di catrame utilizzando la tecnologia aceramica o paleolitica spesso non forniscono dettagli. Inoltre, la resa in catrame risultante è sconosciuta o troppo piccola da misurare (ad esempio residui superficiali che rivestono una termocoppia) e quindi non sono sufficienti per bloccare in modo efficace uno strumento. Non possiamo comprendere appieno le complessità cognitive e ricostruire il grado richiesto di innovazione associato alla produzione di catrame se non sappiamo quali metodi di produzione erano disponibili.

Nel lavoro di cui parliamo qui, che è un lavoro di archeologia sperimentale si è cercato di riprodurre un metodo di produzione del catrame di betulla con metodi disponibili all’uomo di Neanderthal e in quantità sufficienti allo scopo.

SCIENTIFIC REPORTS 7-8033 Experimental methods for the Palaeolithic dry distillation of birch bark: implications for the origin and development of Neanderthal adhesive technology di P.R.B.Kozowyk et al. liberamente scaricabile qui. Un commento semplificato scaricabile qui.

Quindi se volete si è trattato di riprodurre i metodi di questi chimici-tecnologi primitivi che erano fondamentalmente dei costruttori di frecce e lance.

Gli autori hanno testato tre procedure diverse qui sotto rappresentate che danno produzioni crescenti con la complessità del metodo:

In tutti i casi l’elemento critico è riprodurre il contenimento “ceramico” che si è usato anche in tempi moderni; la metodologia richiama ampiamente la tradizione della produzione di carbone di legna che affonda anch’essa in una storia certamente millenaria; l’altro elemento chiave è il controllo della temperatura. La produzione di fuoco in modo ripetitivo da parte dei Neanderthal è stato spesso contestato ma test di questo tipo confermano che in effetti essi erano ragionevolmente capaci di un buon controllo del fuoco se sono stati in grado di produrre dispositivi come quelli ritrovati in Toscana e in Germania.

La cosa che ha più colpito me come scienziato che si occupa di adesione è che l’adesivo in questione è rimasto adeso al supporto all’aperto per 200.000 anni (il legno verosimilmente si è degradato e non conosco colle moderne in grado di assicurare una tenuta di questa durata); come chimico invece mi ha colpito il fatto che la chimica è in grado di svolgere qui un ruolo duplice: essa è contemporaneamente l’oggetto di studio ma è anche il metodo di indagine, è una specie di riscoperta delle proprie origini, del proprio punto di partenza, di quella enorme base sperimentale che si è poi elaborata in secoli e secoli per divenire solo di recente una teoria astratta.

Fra l’altro mi chiedo quanto invece potrebbe essere utile riproporre queste tecniche (quelle primitive o legate alla vita quotidiana) nell’insegnamento elementare della chimica a scuola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...