Note sull’antropocene. 2. Le ipotesi. prima parte

Claudio Della Volpe

Nella prima parte di questo post (https://ilblogdellasci.wordpress.com/2017/10/18/note-sullantropocene-1-le-origini/) abbiamo introdotto la storia del meme Antropocene. In questa seconda parte introdurremo invece le varie ipotesi avanzate per stabilirne i confini storici; diciamo subito che ci sono tante diverse ipotesi, ma le principali sono quattro e le enumero in ordine di datazione dell’origine dell’Antropocene.

Ipotesi 1: In un libro del 2013 (1) Timothy Morton introduce il concetto di iperoggetto. L’iperoggetto è un oggetto tale per cui non può essere intrinsecamente conosciuto da una posizione esterna, in altre parole il soggetto ne fa parte per definizione. Il soggetto che esplora e conosce non può guardare gli “iperoggetti” dall’esterno, ma piuttosto, ne fa parte, ne è ospitato , circondato, legato, ci interagisce così fortemente che non può che esserne considerato una parte “interna”. L’universo è un iperoggetto. La società umana come tale è un iperoggetto, ma poniamo anche il riscaldamento globale o i “giri”oceanici che producono isole plasticose con i nostri rifiuti, essi sono iperoggetti perchè noi ci interagiamo fortemente, in un certo senso ne siamo parte integrante, siamo contemporaneamente il soggetto che vuole conoscerli ma anche quello che li produce.

L’iperoggetto inoltre non è solo grande nello spazio e nel tempo, ma è anche “viscoso”.

tale viscosità è il prodotto diretto del proliferare di informazioni. Quanto più sappiamo a proposito degli iper-oggetti, tanto più ci rendiamo conto che non potremo mai veramente conoscerli. Eppure, per quanto ci sforziamo di allontanarli, non possiamo separarci da loro” (p. 180).

In definitiva l’uomo come specie crea una enorme quantità di iperoggetti a partire dall’uso del fuoco (circa un milione di anni fa, Homo erectus) che già ha avuto un enorme impatto sulla biosfera; ma il momento chiave secondo Morton è la invenzione dell’agricoltura circa 10.000 anni fa o meglio dell’agrilogistica, una organizzazione della vita sociale che è caratterizzata da un “certo numero di sotto-variabili: l’eliminazione di contraddizioni e anomalie, l’innalzamento di confini tra umano e non-umano, la massimizzazione dell’esistenza a scapito d’ogni altra considerazione, inclusa ogni qualità dell’esistenza stessa. Ora che l’agrilogistica copre quasi interamente la superficie terrestre possiamo vederne gli effetti come in una reazione di polimerizzazione: ebbene, sono catastrofici

Si tratta come vedete di una concezione un po’ filosofica; Morton propone una società contemplativa per uscire dai problemi dell’agrilogistica, una proposta difficilmente accettabile, un po’ elitaria diciamo così.

Se si cercano dati fisici, precedenti o successivi all’inizio dell’Olocene (11700 anni fa) si trovano varie date possibili, dagli effetti del fuoco a quelli dell’estinzione della megafauna a quelli dell’inizio vero e proprio dell’agricoltura fino all’introduzione del riso e dei ruminanti che potrebbero aver modificato la percentuale di metano in atmosfera, ma su tutti ci sono sufficienti dubbi da esludere una chiara individuazione come inequivoco confine dell’Antropocene al momento.

Ipotesi 2: in un articolo del 2015 (2) Simon Lewis e Mark Maslin propongono come limite temporale dell’Antropocene la scoperta del’America da parte di Colombo, anzi tutto il periodo che ne segue, definito come “Columbian exchange”, lo scambio colombiano. In realtà l’articolo di Lewis e Maslin è da leggere tutto intero e dà una descrizione completa e precisa dell’azione umana al di là della singola ipotesi che sostiene poi; lo consiglio caldamente a chi volesse farsi un’idea precisa e riccamente documentata della situazione (magistrale il paragrafo a pag. 172 intitolato The geological importance of human actions).

L’arrivo degli europei nei Caraibi nel 1492 e l’annessione delle Americhe causò il più grande scambio di popolazioni degli ultimi 13000 anni, con la formazione della prima grande rete globale di commerci fra Europa, Cina, Africa e le Americhe e la susseguente miscelazione di bioti prima separati, conosciuta come “lo scambio colombiano”.

Il più vistoso effetto fu certamente quella che si potrebbe definire la globalizzazione del cibo che è descritta nella figura precedente, che diede luogo a scambi di semi e pollini ma anche di scheletri di animali che si ritroveranno nei secoli in varie sedi.

Oltre a ciò ci fu l’effetto di ridurre drasticamente la popolazione umana sia in America, ma anche in Africa. Si stima che dei circa 60 milioni di persone che vivevano in America ne sia rimasto dopo oltre un secolo meno del 10%. a causa delle malattie importate dagli europei (contro le quali quelle popolazioni non avevano difesa), della schiavitù , della fame, etc.. Occorre anche considerare (questo è una mia considerazione) che l’apertura dei territori del Sud e centro America diede il via ad una tratta atlantica degli schiavi che riguardò oltre 10 milioni di persone che costituivano come ordine di grandezza qualcosa come la metà della popolazione africana di quel periodo.

Si stima che la sola decrescita della popolazione centro e sud americana comportasse l’abbandono di una enorme quantità di terreno coltivato a latitudini cui corrispondeva una enorme produttività biologica, con la conseguente rigenerazione di oltre 50 milioni di ettari di foresta, savana boscosa e prateria con un assorbimento di carbonio a causa di questo effetto di rivegetazione del suolo pari a 5-40 Pg, ossia miliardi di ton equivalenti, in 100 anni. Simile contributo dalla tratta degli schiavi, anche se la situazione sembra più complessa ((http://nrs.harvard.edu/urn-3:HUL.InstRepos:3710252 e https://econpapers.repec.org/paper/csawpaper/2014-02.htm).

Questo suggerisce che l’episodio ha contribuito in modo significativo ad un evento globale , ossia la riduzione della concentrazione di CO2 di 7–10 p.p.m. (1 p.p.m. CO2 = 2.1 Pg di carbonio equivalente) fra il 1570 e il 1620 documentato nelle registrazioni ad alta risoluzione delle carote di ghiaccio antartiche (si veda parte c di due figure più in alto). La riduzione della CO2, badate, il contrario di quel che sta succedendo adesso.

Si tratta dell’evento più importante nella storia della CO2 sia in velocità di variazione che in dimensione nella storia pre industriale degli ultimi 2000 anni.

Gli autori propongono di considerare i fenomeni globali dello scambio colombiano, ossia la riduzione di CO2 di 7-10 ppm nella carota di ghiaccio del Law Dome, la prima presenza di fossili al di quà e al di là del’oceano del mais e altri fenomeni simili come segnali inequivoci del fenomeno, elencandoli in dettaglio.

Essi concludono che questo “incontro” delle popolazioni dei continenti vecchio e nuovo e l’omogeinizzazione mai prima avvenuta dei loro bioti rappresenti un evento estremamente importante per la storia del pianeta; trovano anche un nome per questa ipotesi la ipotesi Orbis dalla parola latina per mondo e Orbis spike sarebbe il segnale della riduzione di CO2; il motivo di questa scelta starebbe nel fatto che solo dopo il 1492 i due emisferi del pianeta si sono “connessi” tanto che molti altri scienziati si riferiscono a questo periodo come all’inizio del “sistema mondo”.

Nel prossimo post discuteremo le altre due ipotesi principali prese in considerazione per l’nizio dell’Antropocene, la rivoluzione industriale e il periodo delle esplosioni atomiche in atmosfera..

(continua)

(1)Timothy Morton, Hyperobjects: Philosophy and Ecology after the End of the World, Minneapolis: U Minnesota P, 2013.

(2) Defining the Anthropocene doi:10.1038/nature14258

Simon L. Lewis & Mark A. Maslin 12 MARCH 2015, VOL 519 , NATURE, p.171

Un pensiero su “Note sull’antropocene. 2. Le ipotesi. prima parte

  1. Pingback: Note sull’Antropocene.2.Le ipotesi. Parte seconda. | La Chimica e la Società

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.