Scienziate che avrebbero dovuto vincere il Premio Nobel: Marietta Blau (1894-1970)

Rinaldo Cervellati

I am taking the liberty of drawing your attention to a case close to my heart. Since three years my colleague, the physicist Dr. Marietta Blau, lives in Mexico City…I know Miss Blau as a very capable experimental physicist who could render valuable service to your country.“

Albert Einstein

(parte della lettera scritta da Einstein al Ministro dell’Educazione del Messico nel 1941)

Chi è stata e cosa ha fatto dunque Marietta Blau? Nasce a Vienna il 29 aprile 1894 da Mayer (Marcus) Blau e  Florentine Goldzweig Blau, una famiglia ebrea benestante. Suo padre, famoso avvocato ed editore musicale attivamente impegnato nei circoli culturali della Vienna di fine secolo, promosse la sua educazione. Dopo aver ottenuto con distinzione il diploma di maturità dal liceo femminile gestito dall’Associazione per l’Educazione Estesa delle Donne, Marietta studiò fisica e matematica all’Università di Vienna dal 1914 al 1918; ottenne quindi il dottorato nel marzo del 1919 discutendo una tesi sui raggi gamma.

Marietta Blau

Dal momento che le opportunità di lavoro accademico in fisica erano molto scarse per le donne, si rivolse all’industria. Nel 1921 si trasferì a Berlino per lavorare presso un produttore di tubi a raggi X. Rinunciò a questa posto per diventare assistente presso l’Istituto di Fisica Medica dell’Università di Francoforte sul Meno. Questa fu l’occasione per Blau di lavorare in fisica medica, istruendo i medici sulle basi teoriche e pratiche della radiologia e di pubblicare articoli di ricerca nel settore. Entrambe queste attività si sarebbero dimostrate importanti più avanti nella sua carriera quando si occupò di radioterapia dei tumori e lavorò ad applicazioni pratiche di dispositivi di conteggio che utilizzavano sostanze radioattive, progettati da lei stessa.

Dal 1923 lavorò come ricercatore non retribuito presso l’Istituto per la Ricerca sul Radio dell’Accademia delle scienze austriaca a Vienna. Tra il 1923 e il 1937, Blau contribuì ad ogni aspetto essenziale della fisica delle emulsioni. Nel 1925 riuscì a distinguere le tracce di particelle alfa, protoni veloci ed eventi fondamentali in emulsioni commerciali, e nel 1927 determinò le energie dei protoni misurando le distanze fra le loro collisioni e i microscopici grani delle emulsioni. Per registrare le lunghe tracce di protoni veloci in modo più accurato, convinse il produttore cinematografico britannico Ilford a addensare le emulsioni usate nei suoi film, sperimentando ogni altro parametro: granulometria, ritenzione delle immagini latenti, condizioni di sviluppo ecc., al fine di migliorare la visibilità delle tracce lasciate da particelle alfa e protoni veloci.

Blau in laboratorio

A partire dal 1932, Blau e la sua assistente Hertha Wambacher determinarono le energie dei neutroni misurando le tracce dei protoni di rinculo in emulsioni contenenti sostanze grasse ricche di idrogeno; nel 1936 iniziarono ad usare emulsioni per studi quantitativi sui raggi cosmici esponendo pile di lastre fotografiche per diversi mesi ad un’altitudine di 2300 metri. Come previsto, registrarono le tracce di protoni e neutroni extraterrestri, ma con loro sorpresa scoprirono anche diverse “stelle di disintegrazione”, che potevano essersi formate solo da particelle cosmiche che disintegravano i nuclei pesanti nell’emulsione.

Questa scoperta suscitò scalpore tra i fisici nucleari e dei raggi cosmici di tutto il mondo poiché dimostrava che la tecnica delle emulsioni aveva raggiunto caratteristiche tali da permettere la registrazione di rari eventi nucleari ad alta energia, aprendo così la strada a ulteriori ricerche in fisica delle particelle. Per questo lavoro, Marietta Blau e Hertha Wambacher ricevettero il premio Lieben dell’Accademia delle scienze austriaca nel 1937.

Negli anni 1932-33 frequentò, con una borsa di ricerca dell’Associazione Austriaca delle Donne Universitarie, l’Istituto del Radio di Marie Curie a Parigi e il Centro di Ricerche di Göttingen.

Blau chiese diverse volte di diventare un membro regolare, stipendiato dell’Istituto di Ricerca, ma la sua domanda fu sempre rifiutata con la solita risposta: “Sai, sei una donna e una ebrea, le due cose insieme lo rendono impossibile”. Quindi per poter continuare a fare ricerca, Marietta Blau dipese dalla sua famiglia per il sostegno finanziario.

A causa della sua discendenza ebrea, Blau dovette lasciare l’Austria nel 1938 dopo l’annessione del paese alla Germania nazista, fatto che causò ovviamente un’interruzione della sua carriera scientifica. Si recò prima ad Oslo, poi grazie anche all’intercessione di Einstein, ottenne una posto di docente all’Instituto Politécnico Nacional di Città del Messico e successivamente all’Università di Vasco de Quiroga. Tuttavia, nell’economicamente disastrato Messico non aveva quasi nessuna possibilità di continuare la sua ricerca.

Nel 1944 riuscì a trasferirsi negli Stati Uniti, dove lavorò nell’industria fino al 1948, in seguito alla Columbia University, al Brookhaven National Laboratory e all’Università di Miami, fino al 1960. In queste istituzioni, è stata responsabile dell’applicazione del metodo fotografico per il rilevamento delle particelle in esperimenti con gli acceleratori di particelle ad alta energia.

Marietta Blau negli USA

Di solito Marietta era descritta come una persona ritirata ed estremamente modesta, che non cercava consensi e evitava la pubblicità. Solo in discussioni e discorsi scientifici perdeva la sua timidezza.

Fu nominata da Erwin Schrödinger (due volte) e Hans Thirring per il premio Nobel.

Nel 1950 il Nobel per la Fisica fu assegnato a Cecil Franck Powell con la motivazione: “per il suo sviluppo del metodo fotografico di studio dei processi nucleari e le sue scoperte riguardanti i mesoni fatta con questo metodo”. Ma Powell, come tutti gli altri ricercatori del settore, iniziò a utilizzare il film fotografico solo nel 1938 dopo che furono riconosciuti i vantaggi del metodo dell’emulsione. Sicchè anche la scoperta del pione di Powell era basata sui lavori di Marietta Blau. Quindi lei avrebbe dovuto essere inclusa, ma il suo nome non fu nemmeno menzionato da Powell.

A questo proposito Ruth Lewin Sime, scrive [1]:

Nel considerare la storia del 20° secolo, bisogna essere attenti agli effetti della persecuzione razziale e dell’emigrazione forzata sull’attribuzione e il riconoscimento del lavoro scientifico. Blau, in quanto ebrea, fu costretta ad abbandonare l’Austria nel 1938. Per 10 anni trascorse una fragile esistenza come rifugiata a Oslo, in Norvegia; Città del Messico, e New York, impossibilitata a perseguire la propria ricerca. Nel frattempo, a Vienna, i suoi ex soci, tutti i nazisti ferventi (inclusa Wambacher), espropriarono il suo lavoro e soppressero il suo nome.

L’emarginazione di Blau è evidente nel processo decisionale per il conferimento del premio Nobel per la fisica nel 1950 a Powell… Sebbene il Premio Nobel del 1936 per Victor Hess e Carl Anderson fornisse un precedente per dividere il premio tra una fondamentale scoperta iniziale e una che venne dopo, è evidente che le donne non erano obiettivamente considerate,…. la documentazione mostra che il comitato di fisica per il Nobel preparò una valutazione sfacciatamente inesatta che ha negato l’importanza e la priorità del lavoro di Blaue e Wambacher.

 

La necessità di un’operazione agli occhi, che non poteva permettersi negli Stati Uniti, riportò Marietta a Vienna nel 1960, dove lei, ancora una volta non pagata, diresse un gruppo di ricerca presso l’Institute for Radium Research.

Nonostante la sua precaria situazione finanziaria rifiutò di accettare una pensione offerta da Ilford e Agfa, che avrebbero desiderato contraccambiare il suo contributo allo sviluppo di emulsioni fotografiche.

Nel 1962 ottenne il premio Erwin Schrödinger dall’Accademia Austriaca delle Scienze, che però allo stesso tempo rifiutò di ammetterla come membro corrispondente.

Gravemente malata, presumibilmente a causa della frequente esposizione alla radioattività, Marietta Blau è morta nel 1970 nel reparto di terapia intensiva di un ospedale di Vienna. Come persona da contattare aveva indicato il custode del suo condominio.

Nessuna rivista scientifica ha pubblicato un necrologio dopo la sua morte.

Marietta Blau is the most tragic figure in the history around cosmic rays. Her life and her work were characterised by adversity and backlashes, yet her achievements and the results of her work excel those of many others, who were awarded the Nobel Prize in context with cosmic rays.

Georg Federmann

 

Siti consultati

Maria Rentetzi, Marietta Blau (1894-1970) ENCYCLOPEDIA https://jwa.org/encyclopedia/article/blau-marietta

R.L. Sime, https://www.academia.edu/4280335/Marietta_Blau_Pioneer_of_Photographic_Nuclear_Emulsions_and_Particle_Physics

  1. Rahmatian, Unlearned Lessons http://www.unless-women.eu/biography-details/items/blau.html

Bibliografia

[1] Ruth Lewin Sime , Marietta Blau in the history of cosmic rays., Physics Today, 2012, 65, 8.

https://physicstoday.scitation.org/doi/pdf/10.1063/PT.3.1728

3 thoughts on “Scienziate che avrebbero dovuto vincere il Premio Nobel: Marietta Blau (1894-1970)

    • Già, hai ragione, la storia di Marietta Blau è particolarmente triste non solo perché quelli erano i tempi e quelle erano le situazioni ma anche per il dopo, quando si è cercato di nascondere ciò che era successo. Fortunatamente questa operazione in parte non è riuscita, però oggi stiamo assistendo a una preoccupante ondata di razzismi e intolleranze in quasi tutta Europa cui sarebbe necessario mettere subito un freno…
      La storia della prossima scienziata non sarà così triste. Continua a leggerci e commentarci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.