Inedito su medicina e omeopatia.

Vincenzo Balzani

Con il consenso dell’autore pubblichiamo un capitolo inedito riguardante la medicina e l’omeopatia.

I confini della Scienza

 

  1. La medicina

La medicina è una delle branche più importanti della scienza, per cui merita una discussione specifica. Si tratta di una scienza un po’ particolare perchè deve agire sull’uomo, che è fatto di corpo e di spirito. Mi limito a discutere il problema dei farmaci tradizionali e dei farmaci omeopatici.

12.1 il nostro corpo

Dal punto di vista puramente materiale (sottolineo: puramente materiale), il nostro corpo è un insieme molto complicato di reazioni chimiche. Addirittura in passato c’era la tendenza a paragonarlo ad una macchina: alimentazione mediante un combustibile, cabina di guida, produzione di energia, lavoro meccanico, scarico dei prodotti di scarto. Come in una macchina, può succedere che un componente non funzioni e allora si sostituisce il pezzo guasto, con un ricambio “originale” (un trapianto) o “non originale” (una protesi).

Abbiamo già visto che il nostro corpo è fatto di scompartimenti, le cellule, che sono molto piccoli, ma che a loro volta contengono tante cose ancor più piccole. Le ricerche di biologia molecolare hanno chiarito infatti che nelle cellule c’è un numero molto grande di dispositivi, congegni, macchine piccolissime, a livello molecolare (cioè, di dimensioni nanometriche) che funzionano mediante reazioni chimiche. Queste reazioni producono movimenti e generano segnali attraverso lo scambio di molecole e ioni. Così, ad esempio, i movimenti macroscopici dei nostri muscoli sono originati da movimenti su scala molecolare di proteine chiamate miosina e kinesina. Queste proteine si muovono sfruttando una reazione chimica, la trasformazione dell’ATP (adenosintrifosfato) in ADP (adenosindifosfato) e Pi (fosfato inorganico). I movimenti molecolari si possono mettere in evidenza con delle tecniche speciali escogitate di recente. L’ATP, che è un po’ il carburante di tutti i muscoli, a sua volta è prodotto da un altra “macchina”, un motore rotante, l’ATP synthase.

12.2 La medicina tradizionale

Vediamo adesso come si può schematizzare, nel modo più semplice possibile, il modo di agire di una medicina (un farmaco). Chiedo ai medici e a chi conosce un po’ questi problemi di scusarmi per le grossolane semplificazioni e approssimazioni, ma il mio scopo è semplicemente quello di mettere in evidenza alcuni aspetti della medicina tradizionale e di quella omeopatica.

I congegni e macchine molecolari che sono all’interno delle cellule hanno bisogno, per funzionare, di certe sostanze chimiche, ad esempio lo ione potassio (K+). Le cellule però sono delimitate da una membrana, una specie di muro che impedisce ai componenti della cellula di disperdersi e impedisce anche che nella cellula entrino componenti indesiderati. Il potassio può entrare solo attraverso opportuni canali molecolari (“porte” molto selettive) che attraversano la membrana. Supponiamo che una cellula sia “ammalata”, cioè funzioni male perché non contiene abbastanza potassio. Dico “supponiamo” perchè non sarà facile capirlo, ma supponiamo che sia vero, che lo si possa stabilire con certezza. Per “guarirla” dovrò farvi entrare più potassio. Vado dal medico che mi dice di mangiare cibi che contengono potassio e poi, sapendo che ben difficilmente cambierò le mie abitudini alimentari, mi prescrive il Polase, un farmaco a base di potassio. Prendo una bustina di Polase al giorno, e dopo una settimana supponiamo che io sia guarito (dico “supponiamo” perché a volte non si guarisce, o almeno non si guarisce subito). Dunque, se sono guarito la spiegazione sembra semplice: 1) sono guarito perché ho preso il Polase che contiene potassio; prendendo il Polase ho fatto entrare più potassio nelle mie cellule, che si sono rimesse a funzionare bene. Questa è la risposta più ovvia. Ma è proprio così? Se non avessi preso il Polase, non sarei guarito? O sarei guarito ugualmente, o addirittura sarei guarito prima? Sono proprio sicuro che nelle cellule non c’era abbastanza potassio perché ne mangiavo poco? Poteva anche essere successo che il canale attraverso cui può entrare il potassio, che è una struttura chimica complicatissima e sensibile ad un gran numero di fattori, si fosse un po’ stretto; in questa ipotesi la guarigione potrebbe essere avvenuta perché, ad un certo punto, a causa di altri fattori sconosciuti, il canale si è allargato nuovamente. In tal caso l’aver ingerito del Polase non mi avrebbe aiutato. Potrebbe anche essere successo che lo ione aspartato (o un altra sostanza secondaria presente nel Polase) abbia agito sulle proteine che costituiscono il canale attraverso cui entra il potassio impedendo al canale, che spontaneamente cercava di riallargarsi, di farlo più in fretta. In questa ipotesi, sarei guarito prima se non avessi preso il Polase; ma anche questo non posso dimostrarlo. C’è, infine, un’altra possibilità. L’uomo è fatto di carne (cioè di materia, di reazioni chimiche), ma anche di psiche: pensieri, immaginazioni, convincimenti e aspettative. Sappiamo tutti che una buona notizia ci fa star bene e che una cattiva notizia ci fa star male, attraverso meccanismi anch’essi basati su reazioni chimiche, ma complessi e del tutto insondabili. Dunque, come quarta ipotesi potrebbe essere successo questo: sono andato dal medico, che mi ha detto che la mia malattia era dovuta alla scarsità di potassio e che prendendo del potassio sarei guarito; mi ha prescritto un farmaco contenente potassio; io, ubbidiente, l’ho preso e sono guarito, ma sono guarito mediante un meccanismo psicologico, perché ho fiducia nel mio medico e so che mi prescrive sempre la medicina giusta. Se è così, sarei guarito anche se nelle bustine del Polase, anziché il potassio, ci fosse stato dello zucchero, o della farina, o qualsiasi altra cosa. E’ quello che in medicina si chiama “effetto placebo””: si crede di prendere la medicina giusta e si guarisce anche se, in realtà, non la si prende. Infatti (e anche qui schematizzo) per capire se un farmaco è efficace, si scelgono cento persone ammalate della stessa malattia e si dà a tutte una pillola uguale nell’aspetto e nel sapore; cinquanta pillole, però, contengono il farmaco, il principio attivo che cura la malattia, mentre le altre cinquanta non lo contengono. Solo il medico sa quali sono i cinquanta pazienti che hanno avuto la pillola “vera” e i cinquanta che hanno avuto la pillola “falsa” (placebo); i pazienti non lo sanno. In questi tipi di esperimenti si trova sempre che guarisce anche un certo numero dei pazienti che hanno preso la pillola “falsa”; guariscono perché il corpo umano in molti casi rimedia da solo, magari aiutato in modo misterioso dall’aspettativa e dalla volontà di guarire. Secondo studi recenti, per i problemi di depressione il placebo ha effetto positivo nell’80% dei casi.

12.3 La medicina omeopatica

Queste considerazioni si collegano direttamente alle cure omeopatiche. I principi fondamentali delle cure omeopatiche sono: 1) il simile cura il simile; 2) maggiore è la diluizione e più efficace è il trattamento; 3) la “succussione” (agitazione violenta) è essenziale per l’efficacia del trattamento. Torniamo all’esempio precedente. In caso di mancanza di potassio, il medico tradizionale prescrive il Polase: in ogni bustina ci sono, come c’è scritto sopra, 450 mg (poco meno di mezzo grammo) di aspartato di potassio. Se vado dall’omeopata, mi prescrive una cura omeopatica di potassio, cioè (anche qui schematizzo), mi fa bere una bottiglina al giorno di acqua contenente, mi dice, piccolissime quantità di potassio. Per curiosità, mi informo su quanto potassio contiene ogni bottiglina. Mi ha detto che ne contiene poco: ma quanto? Nel Polase c’è poco meno di mezzo grammo di aspartato di potassio in ogni bustina, e nella bottiglina della cura omeopatica? C’è scritto 30C. Cosa vuol dire? Vuol dire (ancora schematizzando, ma senza travisare il senso) che chi l’ha preparata ha preso mezzo grammo di aspartato di potassio (l’equivalente di una bustina di Polase) e l’ha sciolto in un litro d’acqua. In questo litro d’acqua c’è mezzo grammo di aspartato di potassio che a conti fatti significa 1022 molecole, cioè diecimila miliardi di miliardi di molecole (“molecola” nel caso dell’ aspartato di potassio non è un termine scientifico del tutto esatto, ma in questo contesto può essere usato per semplicità senza che il significato di quello che voglio dire venga modificato). Poi il preparatore della medicina omeopatica ha cominciato a diluire e a agitare la soluzione. Diluire vuol dire tenere una parte e buttare il resto. Nel caso delle preparazioni omeopatiche si opera con diluizioni 1:100, cioè si butta via 99/100 della soluzione e al rimanente 1/100 viene aggiunto solvente puro, di solito acqua. Dopo la prima diluizione 1:100, la quantità di aspartato di potassio nella bottiglia si è ridotta a 5 mg, e il numero di molecole a 1020, cioè cento miliardi di miliardi. Alla sesta diluizione c’è rimasto ben poco: 5 decimillesimi di miliardesimo di grammo, una cosa invisibile, meno di un millesimo di granellino di Polase, anche se il numero di molecole è ancora alto (10 miliardi). Ecco, alcuni preparati omeopatici hanno queste diluizioni (6C) e si fa fatica a concepire che possano avere un qualche effetto terapeutico. Ma il bello deve ancora venire, perché i preparati omeopatici considerati più potenti sono quelli che si ottengono non diluendo sei volte, ma trenta volte. A questo punto seguiamo come cala non più in numero di grammi, che giunge a frazioni incredibilmente basse, ma il numero di molecole, che all’inizio erano tante. Ebbene, alla decima diluizione rimangono 100 molecole, e all’undicesima ne rimane 1. Se a questo si effettua una ulteriore diluizione 1:100, è molto probabile che la soluzione non contenga più alcuna molecola. Se fossi stato così “fortunato” (1/100 di probabilità) di pescare nella diluizione l’unica molecola di aspartato di potassio ancora presente, questa “fortuna” non potrà continuare nella tredicesima, quattordicesima,….per cui c’è la “certezza” che giunti alla trentesima diluizione nella bottiglia non c’è più neanche una molecola di aspartato di potassio. In conclusione, nella “cura” prescritta dal medico omeopata, di potassio non ce n’è neppure l’ombra. La boccettina contiene solo acqua sbattuta, cioè acqua, acqua schietta. Quindi, quando compro una medicina omeopatica compro acqua pura, che non può avere nessun effetto chimico sul mio organismo. Eppure qualcuno guarisce. Nel caso della cura omeopatica si può certamente escludere quella che era stata la prima e più solida ipotesi della guarigione ottenuta con i metodi tradizionali (ingresso nella cellula di una maggior quantità di potassio) e anche un ipotetico effetto collaterale negativo della cura. Rimangono due casi: sarei guarito lo stesso (la più probabile) oppure sono guarito perché ho creduto nel medico e nella cura che mi ha dato. Di certo, non sono guarito per l’effetto di quella boccetta d’acqua pura sul mio organismo.

“L’efficacia” (quando c’è) delle cure omeopatiche e “l’effetto placebo” dimostrano quanto sia complicato l’organismo umano; dimostrano, se ce ne fosse bisogno, che non siamo solo “carne” e che la medicina non è una scienza “esatta”.

Samuel Hahnemann 1755-1843

12.4 La “memoria” dell’acqua

L’omeopatia va presa così com’è: dal punto di vista chimico e fisico, non ha alcun senso; se va bene, può avere un effetto psicologico. Ma i sostenitori dell’omeopatia, e in particolare quelli che producono e vendono medicine omeopatiche, giurano che queste medicine hanno un’effettiva azione scientifica, “chimica”. Secondo loro c’è proprio a livello scientifico, e non psicologico, una differenza fra l’acqua pura e le loro complicate preparazioni, che come abbiamo visto finiscono per arrivare all’acqua pura ugualmente. Se non ci fosse un fondamento scientifico, come si potrebbero far pagare tanto i farmaci omeopatici? Quindi, risultati scientifici in favore della omeopatia sono necessari per far aumentare il giro di affare.

Ecco che allora di tanto in tanto saltano fuori pubblicazioni (“lavori”) che vorrebbero dare una base scientifica all’omeopatia. Abbiamo già visto che se un lavoro scientifico viene pubblicato su una rivista poco qualificata nessuno lo legge e nessuno se ne cura; abbiamo anche visto che ci sono riviste scientifiche molto serie, che prima di pubblicare un lavoro chiedono il giudizio di esperti. I lavori scientifici che appaiono su queste riviste fanno colpo ed in effetti fece colpo, nel 1988, un lavoro di autori francesi, apparso sulla rivista scientifica più prestigiosa, Nature (volume 333, p. 816), che sostanzialmente dava credito scientifico alle cure omeopatiche.

Questi ricercatori francesi riportarono dei risultati, un po’ complicati da illustrare, che sostanzialmente dimostravano che l’acqua ha “memoria”. Sostenevano, cioè, che se un composto chimico (nell’esempio di prima, l’aspartato di potassio) viene sciolto nell’acqua e poi tolto via tutto con successive diluizioni, ebbene l’acqua , che ormai non lo contiene più, si “ricorda”, per così dire, che prima dentro ad essa c’era quella certa sostanza. Secondo questi ricercatori, rimarrebbe nell’acqua come una “impronta” della sostanza disciolta, e questa impronta conferirebbe all’acqua proprietà diverse da quelle dell’acqua in cui non ho mai sciolto quella sostanza. Molti capirono subito che questi risultati avevano sapore di magia più che di scienza, ma fecero scalpore lo stesso per l’autorevolezza della rivista su cui erano stati pubblicati, il loro possibile significato teorico e, soprattutto, perché avrebbero dato un senso scientifico all’omeopatia. Subito altri ricercatori provarono di ripetere l’esperimento, senza successo, dimostrando anzi che i ricercatori francesi avevano fatto vistosi errori di metodo tanto da rendere completamente infondati i loro risultati. Questa vicenda lascia l’omeopatia senza supporti scientifici e conferma che la scienza riesce a verificare o a smentire la validità dei suoi risultati.

6 thoughts on “Inedito su medicina e omeopatia.

  1. Questo commento riflette le mie opinioni personali, ma è anche frutto del confonto assolutamente positivo fra i membri della redazione del blog che ringrazio sentitamente.
    L’intervento di Vincenzo è certamente condivisibile senza se e senza ma: la omeopatia non ha una base scientifica ed al massimo ha un effetto placebo; tutti i principi che funzionano in modo riconosciuto lo fanno a concentrazioni del farmaco significative e misurabili (al limite di una sola molecola, un cancerogeno potrebbe essere tale anche a quel livello).
    Ci sono comunque tre punti da considerare per una risposta “sociale” al problema dei farmaci placebo o non più efficienti del placebo che sono i seguenti; l’oggetto del mio commento è dunque: acclarato che non c’è base scientifica cosa fare?
    1) l’effetto placebo esiste ed è usabile in terapia; se non usassimo i farmaci omeopatici dovremmo/potremmo usarne altri; di fatto quando il medico della mutua ci dava da ragazzi i “ricostituenti”, di solito vitamine, usava l’effetto placebo, così come a volte si fa con gli integratori alimentari ancora oggi; dunque di per se accettare che gli omeopatici siano solo placebo potrebbe non escluderne l’uso in determinate circostanze; pagarli fa parte della terapia perchè se uno sa che prende un placebo il placebo non funziona, dunque al massimo occorrerebbe come con gli integratori portarli fuori dal prontuario pubblico più che eliminarli. Inoltre la figura dell’omeopata considerato come medico che considera il paziente più che la malattia sono una figura e un punto di vista che anche la medicina ufficiale rivaluta.
    2) addirittura secondo Garattini “Ancora oggi probabilmente il 50% farmaci approvati dall’Ema non rappresentano reali novità. Ma dall’altra parte è nella sostanza della legislazione che questo è permesso, perché la normativa europea non è fatta nell’interesse degli ammalati ma in quello dell’industria.” Alla domanda: Può fare qualche esempio di trattamento terapeutico inutile? Garattini risponde:
    «Ce ne sono molti. L’assunzione di farmaci usati per malattie croniche (come le statine o gli antipertensivi) da parte di pazienti terminali cui questi farmaci non portano beneficio; l’ozono per l’artrite, gli ultrasuoni per i disturbi muscolari, le camere iperbariche usate per disturbi per i quali non ci sono evidenze di miglioramenti. Rientra in questo elenco anche l’abuso degli integratori alimentari, privi di prove di efficacia. Nessuno dice che non fanno nulla, che basterebbe cambiare stile di vita per stare meglio»
    L’Espresso http://espresso.repubblica.it/attualita/2017/12/21/news/meta-dei-farmaci-in-commercio-oggi-sono-del-tutto-inutili-1.315144 Dunque il problema è più ampio dei soli farmaci omeopatici e dovrebbe essere inquadrato in questo panorama.
    3) Infine c’è la questione memoria dell’acqua; anche questa è una ipotesi non confermata ma che vede alcuni gruppi di ricerca che ci lavorano seriamente, fra gli altri il collega Vittorio Elia di Unina e altri; tali misure sia termodinamiche che spettroscopiche che elettrochimiche se confermate dimostrerebbero che lo stato termodinamico dell’acqua può essere cambiato, posto in un nuovo stato metastabile da almeno due modi di azione non accettati finora: azione solo meccanica (la succussione) e contatto con superfici superidrofiliche; inoltre stati dell’acqua “interstiziali” , di acqua in strato sottile sono riconosciuti e possono avere un ruolo anche biologico. E’ da dire che anche se i risultati di Elia e altri fossero confermati, questa “memoria dell’acqua ” non dimostrerebbe la validità farmacologica dell’omeopatia.

    • “Se non usassimo i farmaci omeopatici dovremmo usarne altri; […] accettare che gli omeopatici siano solo placebo potrebbe non escluderne l’uso in determinate circostanze.”
      Queste sue osservazioni aprono la strada a riflessioni molto complesse. Ho già letto più volte testimonianze di pediatri che, di fronte all’insistenza di genitori eccessivamente preoccupati, decidono infine di prescrivere ai bambini un rimedio omeopatico per tranquillizzare i genitori stessi, ma evitando di imbottire i figli di farmaci “veri” quando non è necessario. Il rischio grave però, secondo me, è che nelle persone disinformate e totalmente prive di qualunque conoscenza scientifica si generi un ragionamento di questo tipo: “Il medico mi ha prescritto un rimedio omeopatico: questo significa che la medicina riconosce l’efficacia dell’omeopatia. Io ho assunto il rimedio omeopatico per il raffreddore e mi è passato: quindi è vero, funziona. Allora, visto che funziona e lo dice anche il mio medico, posso utilizzare l’omeopatia per tutte le malattie”. Purtroppo infatti le cronache recenti hanno riportato casi di otiti e altri disturbi seri “curati” con l’omeopatia, con esiti molto tristi. Con gli integratori che lei ha citato, questo non accadeva perchè era chiaro a tutti che non potessero curare niente di più grave della stanchezza; ma il nome di “farmaco” di cui si fregiano i rimedi omeopatici genera già abbastanza confusione, e temo che il loro impiego da parte dei medici possa peggiorare la situazione attribuendo a questi preparati una dignità terapeutica che non hanno.

  2. Carissimi, credo che nel testo siano saltati gli esponenti, per cui 10 elevato a 22 è diventato 1022 e 10 elevato a 20 è diventato 1020. Io ho capito, ma non vorrei che altri equivocassero. Per il resto, come scienziato, continuo a dar credito al conte Amedeo Avogadro e non agli omeopati.

  3. Perfettamente d’accordo con la sostanza e la forma dell’articolo di Vincenzo. Mi succede sempre, direi.
    Concordo anche con il Coordinatore e con quanto sostenuto da Garattini sull’argomento. Le argomentazioni scientifiche si possono confutare solo con altri esperimenti scientifici.

  4. L’omeopatia è una truffa legalizzata.
    I farmaci che servono vanno usati, quelli finti no.
    Punterei più sull’educazione alla salute che sullo sfruttamento del placebo, che capisco poco e trovo sostituibile da altre forme meno fuorvianti.

    Anche perché l’abitudine al consumo su larga scala di farmaci evitabili, porta a conseguenze sanitarie, ambientali e sociali che ci potremmo risparmiare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.