Si fa presto a dire ricicliamo…… 2: i numeri del riciclo mondiale

Claudio Della Volpe

(Prima parte del post, qui)

Facendo seguito alle considerazioni generali della prima parte, esamineremo qui alcuni dati riguardanti la situazione e l’evoluzione della circolarità per il mondo nel suo complesso e per l’Europa a 27. Sia per l’Europa che per il mondo nel suo complesso abbiamo a disposizione un articolo del 2015 pubblicato su Journal of Industrial Ecology che analizza la situazione al 2005 (fig. 1 e 2, legenda dei colori in Fig. 2).

Vediamo che la percentuale riciclata era in entrambi i casi molto ridotta 4Gt su un totale di 62 Gt e 1 su 6.7 nel secondo caso, con un vantaggio significativo dell’Europa che, secondo questa stima, riciclava circa il doppio dei materiali rispetto alla media del mondo intero, costituendone poco più di un decimo e questo vi da l’idea delle dimensioni reciproche fra Europa e Mondo (la popolazione europea di circa 550 milioni di persone era inferiore al decimo della popolazione mondiale che all’epoca era appena sotto i 7 miliardi mentre i suoi consumi sono al di sopra di questa soglia). Infine l’Europa a 27 importava circa il 18% del suo flusso materiale totale.

Questo confronto è relativamente facile in quanto l’articolo usa la medesima metodologia per i due casi.

Impressiona questa analisi delle nostre società come enormi reattori, ma descrive anche con chiarezza la sostanziale linearità del processo produttivo.

Ci sono due aspetti che aiutano a capire questi grafici e il loro senso.

Il primo è che buona parte della massa di materiale impiegata è combustibile. Serve a scopi energetici e dunque spiega anche perchè non viene riciclata e contribuisce a tener bassa la percentuale del riciclo attuale; l’altro aspetto è l’importanza dell’accumulo che viene ulteriormente analizzato nel lavoro successivo.

Fig. 1

Fig. 2

Nella fig.3, che è frutto di un diverso tipo di analisi, abbiamo una parte della rappresentazione usata nel testo The Circularity Gap Report; e vediamo come vanno le cose nel mondo al 2014, dunque dieci anni dopo i grafici precedenti; in entrambi i casi si tiene conto dell’accumulo complessivo, ma qui si valuta esplicitamente quanto vale questo stock di manufatti che ha ormai raggiunto gli 800 Gt. Il totale della stima raggiunge con questo secondo metodo, non immediatamente confrontabile con l’altro, oltre 90 Gt, mentre se consideriamo i dati “netti” (trascurando l’accumulo in stock) le cose non sono distanti, 68.5Gt; di queste 90Gt circa solo il 9% sono riciclate.

Molto difficile capire bene se c’è stata una evoluzione positiva o se le differenze nascono da metodi diversi di calcolo, incluso l’aumento dei dati complessivi che sarebbe impressionante.

Fig. 3

Fig. 4

Nella figura 4 qui sopra invece abbiamo una rappresentazione fatta dagli uffici statistici dell’Europa a 27 che da per il 2014 una stima di riciclo, udite bene, inferiore a quella del 2005 dell’altro lavoro, mentre i numeri globali sono simili; ossia solo 0.7 Gt di materiale sarebbero riciclate su un totale di flusso di 7.3; se fossero comparabili questi dati indicherebbero un peggioramento della situazione; e comunque fanno vedere che la situazione non è rosea perchè a questo punto sarebbe sostanzialmente omologa a quella del mondo nel suo complesso.

In media, dato che siamo oltre 7.5 miliardi, ciascuno di noi necessita di un flusso impressionante di materiali vari che a seconda delle stime si aggira un po’ sotto o un po’ sopra le dieci tonnellate annue e che ha lasciato dietro di se un accumulo calcolabile al 2014 in 100 tonnellate pro capite di manufatti che usiamo (case, auto, strade etc). Ma non basta!

Ciascuno di noi disperde anche il 90% del suo flusso annuo sul pianeta, ossia 9 tonnellate di materiale all’anno che infestano la biosfera a partire dall’oceano e dall’aria prima di tutto, mentre solo 1 tonnellata viene riciclata in qualche forma. Difficile stimare la quantità totale di rifiuti prodotti nel corso del tempo, ma i numeri sarebbero ancora più alti.

In sintesi per ogni uomo vivente sul pianeta ci sono alla grossa 100 ton di materiale accumulato sotto forma di manufatti, 10 ton di materiale processato all’anno e di queste solo 1 ton viene da riciclo.

I due aspetti che saltano all’occhio sono da una parte che il passaggio alle energie alternative potrebbe ridurre la quota di materiale disperso in ambiente da cui dipendono il GW e l’inquinamento; dall’altra l’accumulo di materiali come case ed oggetti durevoli è enorme, ma lo è ancor più se si pensa che l’accumulo riguarda solo una parte dell’umanità (consumo di suolo, costruzione di grandi e grandissime infrastrutture, saturazione del mercato delle costruzioni, etc) e dunque il pro capite è anche parecchio più alto di 100 ton con un gap fra paesi di antica e recente industrializzazione.

La sua crescita dunque è difficile da modificare nell’immediato, perchè una parte crescente di persone dei paesi emergenti sta uscendo finalmente dalla povertà ed entra nella classe media mondiale (e quel che ci fa arrabbiare è casomai che lo fa a spese della classe media dei paesi ricchi, e non piuttosto dei ricchi o dei super-ricchi di questi medesimi paesi). A questo proposito si deve guardare il famoso grafico dell’elefante.

Quello che stiamo vivendo in questi anni: i ricchi diventano sempre più ricchi, i nostri diritti sociali vanno a scomparire e nel contempo una parte enorme di umanità entra nel gioco (o nel giogo?) del mercato.

Quanto conta in tutto ciò la tendenza a considerare imprescindibile la continua “innovazione”, ossia cambiamenti casomai non epocali ma continui e spinti da un mercato che DEVE accumulare profitti o crollare? La creazione nei paesi cosiddetti “avanzati” di bisogni “innovativi” porta ad un accumulo incredibile sia di rifiuti che di stock. Pensate solo all’abitudine che abbiamo ormai di avere prodotti cosiddetti innovativi ogni anno (auto, cellulari, computers, etc, sono i famosi “eventi” mondiali delle grandi case, una chiamata a morto per l’ambiente): ma quanto sono effettivamente innovativi i prodotti innovativi? E di quanti di essi abbiamo effettivamente bisogno? Pensate solo ad un computer un po’ più veloce di prima e con una interfaccia un po’ più graziosa di prima che rende immediatamente “vecchi” anzi “obsoleti” (fa molto più figo!) tutti i precedenti, cambiate computer e dovrete cambiare tutte le periferiche: l’obsolescenza pianificata o forzata (come si legge dai giornali lo hanno fatto Apple e Samsung) è una base tradizionale di produzione industriale, che confligge terribilmente con le esigenze dell’economia circolare; la scomparsa del mercato dei ricambi e delle riparazioni è un altro aspetto.

Quante case sono veramente necessarie e quante invece sono sfitte, vuote per motivi di mercato e non di necessità?

Quante infrastrutture nuove sono veramente necessarie? Una corsia di autostrada in più serve veramente?

Le auto Euro n+1 ha senso sostituirle alle Euro n buttando al macero l’energia investita nel produrle? (circa 15-20ton di CO2 equivalente per ogni auto).

In tutti i casi c’è molto, moltissimo lavoro da fare, prima di tutto nell’analizzare con precisione la situazione ed i possibili rimedi.

Pensiamoci, ma in fretta per favore. Il clima e l’ambiente non aspettano più, sono stufi.

Nel prossimo post parleremo del riciclo dei singoli elementi della tavola periodica.

(continua)

Riferimenti:

1) The CIRCULARITY GAP report

https://docs.wixstatic.com/ugd/ad6e59_c497492e589c4307987017f04d7af864.pdf

2) Journal of Industrial Ecology October 2015 Pages 765-777

Volume19, Issue5 Special Issue on Frontiers in Socioeconomic Metabolism Research

https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/jiec.12244

3) statistiche europee

http://ec.europa.eu/eurostat/cache/infographs/circulareconomy/

http://dx.doi.org/10.1016/j.resconrec.2017.10.019

Resources, Conservation & Recycling 129 (2018) 81–92

Critical appraisal of the circular economy standard BS 8001:2017 and a dashboard of quantitative system indicators for its implementation in organizations

Stefan Pauliuk

https://wir2018.wid.world/files/download/wir2018-summary-english.pdf

Un pensiero su “Si fa presto a dire ricicliamo…… 2: i numeri del riciclo mondiale

  1. Pingback: Si fa presto a dire ricicliamo….3. Elemento per elemento. | La Chimica e la Società

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.