Donne da ricordare e cose da ricordare per le donne (e per gli uomini).

Claudio Della Volpe

Nei numerosissimi post pubblicati in questo blog e scritti da Rinaldo Cervellati, dedicati alle donne scienziate che avrebbero potuto vincere il Nobel od avere comunque un ruolo di primo piano in ambito scientifico si è evidenziato ripetutamente il percorso difficile e lungo che si è seguito a partire dalla metà dell’800 fino ad oggi (non è ancora terminato) verso una effettiva parità delle opportunità di genere.

In occasione del 27 gennaio, giornata della memoria, quest’anno riprendiamo dall’oblio i nomi di alcune donne che si occuparono di Chimica nei momenti più bui per il nostro paese.

L’oscurità per le donne era cominciata presto, appena dopo la conquista del potere da parte del movimento fascista. Basta guardare la sequenza legislativa.

Negli anni fra il 1900 e il 1919 era iniziato, a partire dalla cosiddetta legge Carcano un percorso di emancipazione:

la legge 242/1902 che introduce il congedo di maternità, limita a dodici ore giornaliere l’orario massimo di lavoro per la manodopera femminile, vieta alle donne i lavori sotterranei e proibisce l’impiego delle minorenni nel lavoro notturno e per mansioni pericolose e insalubri;

fu seguita dal Regio decreto 1905 che apre alle donne l’insegnamento nelle scuole medie; dalla legge 816/1907 che vieta alle donne il lavoro notturno in ottemperanza alla convenzione di Brema del 1906;

poi la legge 520/10 che Istituisce la Cassa di Maternità per dare un sussidio fisso uguale per tutte durante il congedo obbligatorio

ed infine la Legge 1176/1919, la legge Sacchi, che cancella l’autorizzazione maritale e ammette le donne ad esercitare tutte le professioni, escluse quelle che «implicano poteri pubblici giurisdizionali o l’esercizio di diritti e di potestà politiche o che attengono alla difesa militare dello Stato»

Anna Maria Mozzoni antesignana dell’emancipazione della donna in Italia

Anna Kuliscioff

Maria Montessori

Eleonora Duse

Questo percorso emancipativo si interrompe bruscamente con il potere fascista; il governo più lungo nella storia dell’Italia unita, rimane in carica dal 31 ottobre 1922 al 25 luglio 1943; e già nel 1923 il neoministro Gentile realizza una famigerata riforma rimasta in vigore anche ben dopo la caduta del fascismo; in quella legge,

Regio Decreto 1054/1923, la cosiddetta Riforma Gentile (quella che ha escluso i chimici dall’insegnamento di Chimica nei licei) si inizia a proibire alle donne la direzione delle scuole medie e secondarie;

col Regio Decreto 2480/1926 si continua proibendo alle donne l’insegnamento della filosofia, della storia e dell’economia nelle scuole secondarie;

con le scelte economiche deflazionistiche che portarono alla cosiddetta quota 90 nel cambio si aumentarono le tasse del 20% sui salari e il 20 gennaio 1927 furono dimezzati con un decreto i salari femminili. Dopo l’instaurarsi delle crisi economica mondiale del 1929 la situazione portò ad ulteriori restrizioni per il lavoro femminile; nel 1933 al culmine della crisi si vietò alle donne (e ai pensionati) in cerca di occupazione di iscriversi nelle liste di collocamento. Negli anni successivi la pubblica amministrazione potè discriminare le donne nelle assunzioni, escludendole da una serie di pubblici uffici (Legge 22/1934) ed il Regio Decreto 15/10/1938, che vieta ai datori di lavoro pubblici e privati di assumere più del 10% di donne. Esclusi solo i lavori considerati particolarmente “adatti” alle donne. Tutte queste scelte restrittive oltre alle motivazioni economiche avevano come scopo di rafforzare l’idea che il compito delle donne era quello di stare a casa e fare e crescere i figli. In quindici anni, dal 1921 al 1936, la percentuale delle donne che svolgevano attività extradomestiche passò dal 32,5 per cento al 24 per cento. ( da L’avventurosa storia del femminismo di Gabriella Parca Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. – Milano – Prima edizione Collana Aperta maggio 1976)

Marussia Bakunin, figlia di Mikail e zia di renato Caccioppoli

C’è da ricordare che nel 1925 le donne ebbero la possibilità di votare nelle elezioni locali; ma tali elezioni vennero eliminate l’anno successivo. Dovettero aspettare il 1945 per avere il diritto di votare alle politiche.

E’ questo il quadro in cui dobbiamo valutare la forza di carattere e l’impegno profuso da quelle donne che nonostante tutto studiarono e si laurearono impegnandosi nell’insegnamento e nella ricerca.

Ricordiamo qui quattro casi che hanno a che fare con le discriminazioni ebraiche ma che non sono gli unici casi di donne discriminate ovviamente.

I testi sono stati estratti da un sito molto bello dedicato alle donne nella scienza che vi invito a leggere:

http://scienzaa2voci.unibo.it/

Vita Nerina (chimica) a Bologna;

Nerina Vita nacque a Bologna il 29 settembre 1891. Frequentò l’istituto tecnico “Pier Crescenzi”, ottenendo la licenza fisico-matematica con sessantaquattro punti su ottanta il 25 ottobre 1909. Nel 1910 si iscrisse alla Facoltà di scienze matematiche, fisiche e naturali dell’Università di Bologna, laureandosi il 14 novembre 1914, in chimica pura, con la tesi: Sulla trasformazione degli alcaloidi (studio sul seme del lupino) (108/110). Suo relatore fu il noto chimico Giacomo Ciamician.

Nell’anno accademico 1914-15, dopo la laurea in chimica, si iscrisse alla Facoltà di farmacia del medesimo Ateneo. Il 30 gennaio 1916 scrisse poi una lettera al rettore sottoponendogli la propria domanda di congedo per trasferirsi nella stessa facoltà a Parma, città ove era allora domiciliata in quanto assistente nel laboratorio di chimica di quella università. Nel 1934 ottenne l’abilitazione alla libera docenza: a quel tempo era aiuto presso la cattedra di chimica industriale nella Scuola superiore di chimica industriale di Bologna. L’anno successivo passò un brevissimo soggiorno presso la Stazione zoologica di Napoli per apprendere la cosiddetta ‘tecnica Warburg’ per la misurazione del consumo di ossigeno nelle cellule.

Nel 1939, a seguito delle leggi razziali, venne dichiarata decaduta dall’insegnamento. Con la sorella Elda si recò allora clandestinamente in Svizzera: tornò in Italia solo alla fine della guerra. Venne riammessa all’insegnamento il 7 giugno 1945.

Tra il 1959 e il 1960, la direzione della pubblica istruzione la sollecitò affinché regolarizzasse la sua posizione di libera docente; Nerina rispose di non aver proceduto a causa delle proprie condizioni di salute malferma.

Clara Di Capua Bergamini (chimica) a Firenze;

Allorquando, nel 1938, le leggi razziali promulgate dal regime fascista privarono i cittadini italiani di origine ebraica dei diritti civili  e politici, Clara Di Capua era aiuto ordinario di chimica analitica, libero docente di chimica generale nonché professore incaricato di chimica applicata presso la Facoltà di medicina dell’Università di Firenze. In quanto ebrea e nonostante si dichiarasse aconfessionale fu estromessa dal proprio incarico. A nulla valse la sua operosità scientifica per la quale un anno prima era stata premiata.  Aveva sposato Mario Bergamini, libero docente di odontoiatria nel medesimo ateneo. Nel 1944 venne reintegrata come incaricato, libero docente e aiuto.

Angelina Levi (farmacologia) a Modena;

Nata ad Ancona il 10 maggio 1892 da Guido e Sara Carola Castelli, nel 1929 entrò in qualità di aiuto ordinario e libera docente di farmacologia e tossicologia nell’Istituto di farmacologia dell’Università di Modena, diretto da G.M. Piccinini. Nel 1931 fu ammessa nella Società dei naturalisti e matematici di Modena. Qui esordì con una comunicazione tenuta il 30 gennaio circa le proprietà curative di un principio chimico, la periplocina, estratto da una pianta asclepiadea assai diffusa in Italia ma ancora poco studiata, la Periploca graeca; principio che, sembrava, potesse essere validamente usato nella cura delle affezioni cardiache.
Lo studio degli effetti di droghe digitaliche sul sistema cardio-circolatorio fu al centro di altre due comunicazioni, entrambe pubblicate nel 1933 negli «Atti» della Società, relative ad una sostanza estratta da una pianta del genere Acokanthera, proveniente dalla Somalia, e fatta pervenire al laboratorio di Modena, per le necessarie analisi tossicologiche, dall’Istituto di patologia coloniale. I risultati evidenziarono la presenza di principi cardioattivi, le strofantidine, da utilizzare come farmaco naturale.
Le indagini farmacognostiche e chimiche rappresentavano, infatti, il filone principale delle  ricerche della Levi, la quale si era altresì occupata di sperimentazione animale allo scopo di verificare gli effetti della somministrazione di preparati iniettabili a base di ferro, piombo e zinco in organismi affetti da neoplasie. L’idea di fondo era quella di controllare la risposta del sistema reticolo endoteliale (un insieme di cellule del sistema immunitario) al quale, correttamente, si attribuiva un’azione di difesa dell’organismo. Ne erano scaturiti un paio di lavori, rispettivamente del 1928 e del 1930, pubblicati sull’«Archivio di farmacologia sperimentale e scienze affini» e «Arch. Inter. de Pharmacod. et de Therap. ».
Aveva quindi testato l’azione dell’arsenico in una serie di sperimentazioni analoghe di cui diede notizia nel 1935 anche sul «Bollettino della Società medico chirurgica di Modena».
Nello stesso anno erano pure uscite, nelle pagine del «Bollettino della Società italiana di biologia sperimentale», altre due note nelle quali esponeva i risultati di ricerche istologiche compiute sugli apparati nervosi terminali del muscolo gastrocmenico (il più superficiale dei muscoli della regione posteriore della gamba) di rane sottoposte ad una intossicazione cronica da glicerina, stricnina e curaro. Due anni dopo, aveva raccolto dati anche rispetto alla caffeina e alla nicotina e proceduto ad un esame comparativo degli effetti istologici di questi cinque farmaci.
La sua attività, spesso condotta in collaborazione con allievi interni dell’Istituto, venne bruscamente interrotta nel 1938, allorquando, a causa delle leggi razziali promulgate dal regime fascista fu radiata dall’Università di Modena per la sua origine ebraica. Come conseguenza indiretta del provvedimento assunto dall’ateneo, ovvero in assenza di una precisa disposizione del Consiglio direttivo, perse la qualifica di membro della Società dei naturalisti e matematici, ove,  su proposta del presidente Giorgio Negodi e all’unanimità, fu reintegrata nel 1945.
Negli anni seguenti partecipò attivamente alla vita della Società ricoprendo all’interno del Consiglio di presidenza la carica di revisore dei conti dal 1951 al 1955; indi, di consigliere fino al 1957. Continuò altresì a pubblicare negli «Atti»: nel 1948 riferì sulle proprietà analgesiche dei derivati della Cannabis; mentre, nel 1949  illustrò l’azione di alcune sostanze farmacologiche (mianesina, tionarcon, stricnina) sull’attività colinesterasica del tessuto nervoso centrale e del sangue.

Ada Bolaffi (chimica biologica) farmacista

Questo nome è presente su internet come quello di una donna chimica che subì gli effetti della legge del 1938 sulla discriminazione antiebraica, ma non ci sono dati biografici precisi; è anche elencata in nota nell’articolo di Albini e Vita-Finzi citato in fondo; laureata a Firenze fu libera docente a Milano; chi ne sa di più?

 

Aggiungerei un altro nome, ricordato dal bell’articolo di Albini e Vita-Finzi, che sono due soci della SCI, sul tema generale degli effetti delle leggi razziali del 1938; in quell’articolo si testimonia come la collettività ebraica e le donne reagirono alle nuove limitazioni; l’articolo, che è liberamente scaricabile al link qui sotto, ricorda fra l’altro la storia esemplare di Lia Foà che studiò nei corsi organizzati dalla comunità ebraica e completò gli studi universitari prima a Losanna e poi a Pavia e che testimonia della volontà di reagire della comunità ebraica e delle donne.

Ed infine, anche se non era una chimica, ricordo qui Enrica Calabresi, zoologa a Ferrara, che per non farsi deportare si suicidò.

In questo post non ci sono fotografie delle donne citate perché non ne ho trovate.

Riferimenti.

https://womenforwomenitaly.com/donne-leggi-dal-1902-ad-oggi/

http://www.memorieincammino.it/file/2017/01/Una-storia-poco-nota.-Le-leggi-razziali-e-la-chimica.-Milano-1941-di-A.Albini-e-P.Vita-Finzi.pdf

http://scienzaa2voci.unibo.it/

https://www.storiadifirenze.org/?temadelmese=ottobre-1938-lespulsione-dei-docenti-ebrei-dalluniversita-di-firenze

Un pensiero su “Donne da ricordare e cose da ricordare per le donne (e per gli uomini).

  1. Fra le donne chimiche espulse per le leggi razziali vorrei ricordare anche Jone Foa’ e Anna Foa’, entrambe di Napoli, e per quanto ne so non parenti fra loro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.