Elizaveta Karamihailova (1897-1968)

Rinaldo Cervellati

Elizaveta Karamihailova è stata una pioniera della fisica nucleare all’inizio del XX secolo, istituì i primi corsi pratici di fisica delle particelle in Bulgaria ed è stata la prima donna a ottenere un titolo di professore in quel Paese.

Elizaveta nacque a Vienna nel 1897 da Ivan Mikhaylov, bulgaro, e Mary Slade, inglese, entrambi studenti all’università della capitale austriaca, lui di medicina, lei di musica. Elizaveta trascorse così gran parte della sua infanzia a Vienna, finché nel 1909 la famiglia si trasferì a Sofia, la capitale della Bulgaria, dove Ivan sarebbe diventato uno dei chirurghi più famosi del paese contribuendo alla costruzione dell’Ospedale della Croce Rossa, diventandone direttore a titolo gratuito. Con un padre chirurgo e una madre musicista, Elizaveta crebbe in un ambiente multiculturale, artistico e scientifico.

Si iscrisse al Sofia Girls’ College, dove si diplomò nel 1917, dopodiché partì per studiare all’Università di Vienna.

Elizaveta Karamihailova

Nel 1922 Karamihailova ottenne il dottorato in fisica e matematica discutendo la tesi “A proposito di figure elettriche su materiali diversi, in particolare cristalli”, sotto la guida di Karl Przibram. Karamihailova continuò il suo lavoro presso l’Institute for Radium Studies di Vienna, interessandosi particolarmente alla radioluminescenza. Nell’autunno del 1923 tornò brevemente in Bulgaria e lavorò come “ricercatore ospite” nell’Istituto di Fisica dell’Università di Sofia. Ben presto Karamihailova tornò a Vienna all’Institute of Radium Studies e iniziò un lavoro sulla trasmutazione degli elementi bombardati con particelle alfa. Nel 1931 Karamihailova e Marietta Blau[1] osservarono uno specifico tipo di radiazione precedentemente sconosciuta emessa dal polonio, che in seguito avrebbe portato James Chadwick alla scoperta dei neutroni. Nel frattempo frequentò corsi di ingegneria elettronica al Politecnico di Vienna.

Elizaveta Karamihailova in laboratorio

Poiché Elizaveta non era austriaca, non poteva essere assunta come assistente di ricerca, pertanto lavorò con un contratto temporaneo. Quando nel 1933 il contratto terminò, fu quasi costretta ad abbandonare la ricerca ma fu in grado di mantenersi attraverso lezioni private mentre continuava a lavorare in laboratorio senza retribuzione.

Nel 1935, dopo più di un decennio senza molte soddisfazioni, il talento di Elizaveta e il suo contributo alla scienza ottennero finalmente un riconoscimento. Fu infatti premiata con una borsa di ricerca triennale Alfred Yarrow Scientific, istituita per consentire alle scienziate di talento di proseguire la ricerca dal Girton College di Cambridge. Lavorò quindi al Cavendish Laboratory dell’Università di Cambridge, uno dei più importanti istituti di ricerca atomica e nucleare dell’epoca[2].

Karamihailova nel suo studio

Karamihailova tornò in Bulgaria nel 1939, dove fu nominata docente di Atomistica Sperimentale e Radioattività all’Università di Sofia. Istituì un corso di fisica atomica, introducendo le conoscenze acquisite nei suoi studi in Austria e Inghilterra e importando alcune delle sue attrezzature.

Karamihailova e suoi studenti

Lo scoppio della seconda guerra mondiale interruppe ogni ulteriore espansione delle attività di ricerca nucleare.

Nonostante il suo formidabile intelletto e la sua statura scientifica, Elizaveta era una persona semplice e amichevole che fraternizzava con i suoi studenti ed era rispettata e amata da loro. Non era particolarmente interessata alle correnti politiche che attraversavano il suo paese durante la seconda guerra mondiale. “Era anticomunista e aveva orrore per tutte le armi”, ha ricordato Mary Cartwright, una collega di Cambridge. Questa avversione avrebbe potuto costarle caro dopo l’invasione sovietica della Bulgaria nel 1944. Fu intrapresa un’epurazione dell’intero sistema educativo per eliminare gli anticomunisti. Elizaveta non fu rimossa ma il suo nome apparve in una lista di “scienziati inaffidabili”. Non perse la cattedra, ma fu trasferita all’Istituto di Fisica dell’Accademia Bulgara delle Scienze, dove ricevette il titolo di professore ordinario. Il divieto di viaggiare all’estero le impedì di interagire e collaborare con altri scienziati. Continuò tuttavia a lavorare nel campo della radioattività.

Omaggio a Elizaveta Karamihailova

I timori di Elizaveta sugli effetti delle radiazioni erano fondati e lei, come molti dei suoi colleghi ne subirono le conseguenze. Elizaveta Karamihailova morì di cancro nel 1968.

Opere consultate

Women in Science, European Communities, 2009, pp. 142-144

[1] Vedi il volume 2007 in bulgaro qui linkato.

[2] All’epoca i principali istituti di ricerca in fisica e chimica nucleare e delle radiazioni erano tre: L’Istituto del Radio a Parigi, in Francia, il Cavendish Laboratory a Cambridge, in Inghilterra e L’Istituto di Ricerca sul Radium a Vienna, in Austria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.