Probiotici si o no?

Luigi Campanella, già Presidente SCI

Dalle barrette alle polveri proteiche i probiotici hanno avuto in quest’ultimi tempi un vero e proprio boom a favore della salute in tutti i gusti di alimenti. Consumando questi benefici batteri se ne ricevono vantaggi in molte delle funzioni del nostro organismo, dalla digestione alle funzioni del cervello;ma senza alcun riguardo rispetto a quali forma e dimensioni di questi probiotici siano da preferire.In molti casi però le persone non traggono da essi il vantaggio atteso ed addirittura in qualche caso specifico possono ricavarne dei danni. Alcuni studi di recente pubblicati sul giornale Cell indagano proprio questo, il rapporto fra benefici e danni che possono derivare dal loro uso incontrollato. E’ stato così dimostrato che in molte persone il tratto gastrointestinale rigetta probiotici generici prima che essi possano cominciare ad agire. Ancora peggio nella competizione microbiologica i probiotici somministrati possono prevenire il ristabilirsi dell’equilibrio probiotico naturale,possibilmente compromesso, ad esempio, a seguito dell’assunzione di antibiotici. Questo significa passare da una filosofia del compra e consuma rivolta a generici probiotici commerciali ad una più personalizzata. Questo non significa un ridotto interesse verso i probiotici tenuto conto del fatto che, a maggior ragione nella nuova visione, vantaggi certamente ne derivano dal loro uso, tanto è vero che il 60% dei medici li consigliano e 4 milioni di americani-è l’unica statistica sul tema che ho trovato- li consumano.

Dal fatto che molti di essi siano venduti come supplementi alimentari e non siano soggetti alle restrizioni e regolamenti delle agenzie del farmaco potrebbe derivare una corrispondenza non garantita fra realtà e quanto dichiarato dai produttori:lo studio sembra superare questo rischio in quanto probiotici testati realmente contenevano le culture,fino a 11 insieme, dichiarate. Quella che invece cambia è la risposta individuale che può essere di accettazione o di espulsione dei probiotici somministrati in ragione del proprio patrimonio naturale probiotico già presente. E’ quindi una combinazione del microbioma naturale, di quello aggiunto e del sistema immunogenetico umano a determinare lo specifico stato di una persona rispetto alla resistenza e alla colonizzazione da parte dei probiotici. E’ stato poi anche rilevato che in molti casi le componenti colturali di un probiotico si comportano in modo diverso, positive alcune, negative altre. Infine nei test eseguiti è emerso che il trattamento prolungato nel tempo con probiotici può produrre danni rispetto alla rigenerazione del patrimonio batterico, anche dopo 6 mesi dall’assunzione.

https://www.cell.com/cell/pdf/S0092-8674(18)31102-4.pdf

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.