Riflessioni agricole leggere.

Sapete cosa sono le zone agricole vocate? Sono quelle zone dove le amministrazioni locali incoraggiano e tutelano la coltivazione di un’unica varietà vegetale. Per fare un esempio, a Latina solo un certo tipo di kiwi (Actinidia deliciosa, cultivar Hayward) coltivato con certi criteri in un’area ben specifica può avere la denominazione protetta “Kiwi Latina” con tanto di adesivo sul frutto.

kiwilatina Quel kiwi venderà di più, ed agli altri produttori di kiwi forse converrà smettere di coltivare il proprio e passare a quello di marca. Raramente è stato invocato il principio della biodiversità per eliminare le aree vocate. Eppure gli studi di settore, come ad esempio un rapporto del I.U.C.N. (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura), ci dicono che una delle ragioni che la mettono in pericolo è proprio l’agricoltura stessa, che permette sia al contadino che alle grandi aziende agricole di scegliere le poche varietà e specie da coltivare (probabilmente le più convenienti) sottraendo spazio e quindi lasciando estinguere le altre meno interessanti dal punto di vista commerciale.

fagiolimarroni

fagiolineriDel resto, noi al supermercato compriamo sempre le stesse cose: perché i contadini dovrebbero coltivare qualcosa che non compreremmo? Se tutti comprano fagioli marroni, chi coltiverebbe quelli neri? La diminuzione della biodiversità è anche colpa delle nostre scelte.

Diverso l’atteggiamento nei confronti degli OGM spesso accusati di mettere a rischio la biodiversità. Eppure esistono molte varietà OGM utilizzate in tutto il mondo, quindi ci sono tante varietà vegetali in più. In effetti gli studi scientifici condotti risultano a volte contrastanti nei risultati: alcuni confermano che le varietà OGM prodotte non hanno effetti diversi da quelli di qualunque altra varietà vegetale “normale”, altri sono molto più prudenti e comunque invocano il principio di precauzione.

Gli OGM sono costruiti prendendo una varietà già nota e modificandone pochi geni in maniera mirata. Gli ibridi invece sono incroci casuali tra i geni di due varietà differenti: puo essere più sicuro cambiare tutti i geni a caso invece che pochi geni in maniera mirata? E perché sarebbe assolutamente sicuro mangiare un bel piatto di pasta di grano duro? Parte di quel grano è di varietà creso, ottenuta da una mutazione radioattiva nel 1974.

creso

In più la serenità di giudizio è compromessa dal fatto che alcuni di questi studi, peraltro i più documentati, sono stati finanziati da multinazionali alternativamente a favore o contro gli OGM (Monsanto,Auchan,Carrefour).

(luigi campanella)

One thought on “Riflessioni agricole leggere.

  1. Breve (che già di per sé non è un difetto), ma succoso articolo. Ho particolarmente apprezzato le considerazioni sugli OGM, la cui demonizzazione non mi ha mai molto convinto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...