Lettera aperta alla SAIPEM.

In evidenza

Con il permesso dell’autore pubblichiamo qui una lettera inviata al Corriere e non pubblicata.

Vincenzo Balzani

Bologna, 22 agosto 2018

SAIPEM: mai sentito parlare dell’Accordo di Parigi?

Caro Direttore,

Leggo sul Corriere di oggi a p. 37 l’articolo di Marco Sabella che annuncia con entusiasmo il rialzo del titolo Saipem in seguito a contratti relativi alla estrazione di petrolio e metano in varie zone del globo, fra le quali Congo, Uganda e Nigeria.

Non un cenno al fatto che il governo Italiano è fra i 195 firmatari dell’Accordo sul clima di Parigi, che prevede di ridurre l’uso dei combustibili fossili e lo sviluppo delle energie rinnovabili per salvare il pianeta dai cambiamenti climatici. E’ un’ulteriore conferma di quanto ha scritto papa Francesco nell’Enciclica Laudato si’: “I combustibili fossili devono essere sostituiti senza indugioma la politica e l’industria rispondono con lentezza, lontane dall’essere all’altezza delle sfide”.

L’Africa ha un enorme potenziale di energia solare ed eolica, ed è nello sviluppo di queste energie che dovrebbe essere aiutata.

Secondo gli esperti, In base all’Accordo di Parigi la maggior parte delle riserve di combustibili fossili già note dovrà rimanere nel sottosuolo. Quindi, se l’Accordo di Parigi sarà osservato, Saipem avrà problemi economici perché parte delle sue attività saranno bloccate; forse chi ha acquistato le azioni Saipem non ha tenuto conto di questa eventualità. Se invece la politica permetterà alle aziende petrolifere di usare tutte le riserve, i problemi, purtroppo, li avremo noi,  abitanti della Terra.

Vincenzo Balzani

Professore Emerito, Università di Bologna