Composti alifatici su Cerere.

In evidenza

Diego Tesauro.

I siti di tutte le riviste scientifiche ed anche di alcuni quotidiani in tutto il mondo stanno divulgando la notizia, a seguito di un articolo comparso sulla rivista Science (1), che sono state rilevate presenze di composti organici alifatici nel cratere Ernutet del pianeta nano Cerere in una superficie di 1000 Km2. Cerere è il più grande dei nano-pianeti (o pianeti nani, questo il nuovo nome ufficiale per gli ex pianetini) della fascia asteroidale compresa fra Giove e Marte, secondo la più recente definizione della IAU; fu scoperto da Giuseppe Piazzi a Palermo il primo giorno del XIX secolo, prima ancora che fosse scoperto Nettuno, per cui fu definito come l’ottavo pianeta. E’ oggetto da circa due anni di osservazioni da parte della sonda ESA-NASA Dawn che mediante due spettroscopi (uno nell’IR e l’altro nei gamma) ci sta rilevando le caratteristiche della sua superficie.(sul blog si era parlato della scoperta di ghiaccio sul medesimo nano-pianeta).

Dall’analisi degli spettri IR ottenuti mediante lo spettrografo VIR è stato possibile rilevare le bande di assorbimento caratteristiche delle frequenze di stretching simmetriche e antisimmetriche del metile e del metilene caratteristici dei composti alifatici.

Perché tanta enfasi viene posta nell’osservazione di questa classe di composti? Negli ultimi anni, come era prevedibile, stiamo scoprendo che composti organici nello spazio sono presenti in moltissimi corpi del nostro sistema solare ed anche in nebulose esterne. I composti organici nello spazio vengono suddivisi in due classi la IOM (insoluble organic matter) costituita essenzialmente da idrocarburi aromatici e la SOM (soluble organic matter) costituita da composti pre-biotici come amminoacidi e composti azotati solubili in acqua. Questi ultimi si ritrovano principalmente in condriti carbonacee. L’ultima scoperta riveste interesse per diversi motivi. Innanzitutto l’osservazione di composti alifatici è più rara e più frequentemente nelle IOM vengono osservati composti di natura aromatica e cluster di molecole aromatiche, in quanto in questi composti il legame chimico è più forte e resiste alle condizioni energetiche estreme a cui sono sottoposte molecole nello spazio.

Inoltre la scoperta su Cerere permette di supporre che le molecole alifatiche, simili ai minerali di catrame o asfaltite, per la loro natura, non siano presenti a seguito di impatti di condriti asteroidali o comete nelle quali sono state rilevate molecole organiche anche complesse. Negli impatti l’energia in gioco non permetterebbe la sopravvivenza di composti del genere in quanto il legame chimico alifatico C-H non sarebbe stabile nelle condizioni fisiche di impatto. Studi cinetici (2) dimostrano infatti che a 100°C in 200 anni il legame C-H non è stabile e che questa stabilità si riduce a soli 90 sec a 400°C, temperatura raggiunta e superata negli impatti. Questa osservazione fa propendere per una natura endogena dei composti sul nano-pianeta.

Questa ipotesi è rafforzata dal fatto che gli spettri delle molecole sono stati rilevati in zone più ricche di carbonati e argille contenenti ammoniaca rispetto al resto del pianeta. Pertanto si ritiene che i composti alifatici siano prodotti da processi idrotermali, come quelli che possono anche produrre materiale organico sulla Terra (3), attivi nel passato Cerere, quando l’asteroide era più caldo in profondità rispetto ad ora. Ma resta sconosciuto il meccanismo che ha portato i minerali in superficie. Questo meccanismo di produzione di sostanze organiche potrebbe essere attivo anche in asteroidi, quali le condriti, anche se in questo caso, si propende piuttosto per una formazione dei composti organici nel gas interstellare. Questa ipotesi è suffragata dall’abbondanza isotopica degli elementi che le costituiscono (4).

La scoperta si deve ad un gruppo di ricercatori fra i quali spiccano numerosi nomi di italiani.

  1. C. De Sanctis et al. Localized aliphatic organic material on the surface of Ceres Science  355, 719-722 (2017)
  2. Kebukawa, S.Nakashima, M. E.Zolensky, Kinetics of organic matter degradation in the Murchison meteorite for the evaluation of parent-body temperature history. Meteorit. Planet. Sci. 45, 99–113 (2010).
  3. B.Williams, B.Canfield, K. M.Voglesonger, J. R.Holloway, Organic molecules formed in a “primordial womb.” Geology 33, 913–916 (2005).
  4. M. O’D.Alexander, M.Fogel, H.Yabuta, G. D.Cody The origin and evolution of chondrites recorded in the elemental and isotopic compositions of their macromolecular organic matter. Geochim. Cosmochim. Acta 71, 4380–4403 (2007).

Astrochimica: individuato ghiaccio sotto la superficie del pianeta nano Cerere

In evidenza

Rinaldo Cervellati

Il pianeta nano Cerere[1], che orbita nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove, ospita una grande quantità di ghiaccio sotto la superficie, afferma un team di scienziati guidati dal Dr. T.H. Prettyman del Science Planetary Institute nel corso del Convegno dell’American Geophysical Union il 15 dicembre scorso.[1]

fig-1-cerereIl ghiaccio, che probabilmente riempie i pori nel sottosuolo di roccia, si trova lì da miliardi di anni, confermando le previsioni fatte da alcuni astronomi 30 anni fa.

Thomas Prettyman

Thomas Prettyman

Gli scienziati hanno riferito questi e altri risultati raccolti dal veicolo spaziale Dawn[2] della National Aeronautics and Space Administration, in orbita attorno a Cerere, in una conferenza stampa il 15 dicembre scorso al convegno dell’American Geophysical Union a San Francisco.

Il veicolo spaziale è munito di uno spettrometro a neutroni e raggi gamma che fornisce informazioni sugli elementi che costituiscono la crosta del pianeta, tale strumento è stato già utilizzato nella missione Messenger che ha fornito informazioni su Mercurio. Uno schema semplificato del funzionamento dello spettrometro è mostrato in figura. In breve lo strumento misura il numero e l’energia dei neutroni e dei raggi gamma che raggiungono la sonda quando passa vicino al pianeta.

fig-3-spettrometro-a-neutroniI dati raccolti da Down nell’arco di cinque mesi hanno permesso una mappatura della composizione di Cerere rilevando la presenza di idrogeno anche alla profondità di appena un metro sotto la superficie del pianeta nano. Il ghiaccio è più concentrato ai poli di Ceres.

Norbert Schörghofer, uno scienziato della missione Dawn e astronomo presso l’Università delle Hawaii, ha infatti riferito che la sonda ha rilevato sacche di ghiaccio nei crateri permanentemente in ombra ai poli di Ceres, fenomeno che esiste anche su Mercurio e Luna [2].

fig-4-norbert-schorghofer

Norbert Schörghofer

Tutte le evidenze raccolte da Down stanno a indicare che un tempo Cerere aveva un oceano e che tracce di esso rimangono probabilmente ancora sotto la sua superficie ha detto Carol Raymond del Jet Propulsion Lab, vice ricercatore principale della missione.

fig-5-carol-raymond

Carol Raymond

Gli scienziati sono particolarmente interessati a corpi del sistema solare che possono contenere acqua allo stato liquido perché potrebbero essere ambienti in grado di ospitare la vita. Cerere, ha sostenuto Raymond, è probabilmente simile a Europa, una luna di Giove, o a Encelado, luna di Saturno, in termini di potenziale abitabilità.

Al convegno dell’American Geophysical Union è stata presentata un’altra ricerca, focalizzata su un corpo del sistema solare più vicino al nostro pianeta: Marte. Gli scienziati del Los Alamos National Laboratory hanno annunciato per la prima volta la scoperta di boro sulla superficie del pianeta rosso. La NASA ha individuato l’elemento in vene minerali di solfato di calcio. Se questo minerale è confrontabile con quello che si trova sulla Terra, ciò indicherebbe che molto tempo fa le temperature superficiali del pianeta erano 0-60 ° C, e che il terreno aveva un pH neutro-alcalino, in altre parole un ambiente abitabile.

Fonte: c&en Newsletters 21-12-2016

[1] T. Prettyman et al., Extensive water ice within Ceres’ aqueously altered regolith: Evidence from nuclear spectroscopy, Science  15 Dec 2016, DOI: 10.1126/science.aah6765

[2] T. Platz et al., Surface water-ice deposits in the northern shadowed regions of Ceres,

Nature Astronomy, 15 Dec 2016, DOI: 10.1038/s41550-016-0007

[1] Cerere è l’asteroide più grande della fascia principale del sistema solare, scoperto nel 1801, per mezzo secolo è stato considerato l’ottavo pianeta. Dal 2006 Cerere è l’unico asteroide del sistema solare interno considerato un pianeta nano, alla stregua di Plutone.

[2] La Missione Dawn è una missione basata su una sonda senza equipaggio sviluppata dalla NASA per raggiungere ed esaminare il pianeta nano Cerere e l’asteroide Vesta . Dawn è stata lanciata in settembre 2007 e ha raggiunto Cerere in marzo 2015.