Chimica e alimentazione.

In evidenza

Luigi Campanella, già Presidente SCI

L’alimentazione cattura con sempre crescente interesse l’attenzione dei cittadini.

Il triangolo salute/ambiente/alimenti sempre più si identifica con le componenti essenziali della qualità della vita. Negli ultimi anni però nel web ci si imbatte spesso in “ricerche scientifiche” o “suggerimenti” da parte di esperti della salute che contribuiscono a diffondere informazioni sbagliate – o parziali – sulla nostra alimentazione.

Ad esempio un bicchiere di vino al giorno può fare realmente bene o è vero quanto da parte degli epidemiologi si sostiene e cioè che non esista nessun consumo di alcol completamente sicuro. Ed ancora l’olio di cocco è la panacea universale che credevamo tanto che l’abbiamo usato per tutto: cucinare, lavare i denti, idratare la pelle, etc.? Le calorie ad esso imputate sono in maggiore quantità rispetto ad altri oli.

Ed ancora gli zuccheri naturali non sono così sani come si crede rispetto allo zucchero raffinato: le calorie in gioco sono più o meno le stesse. Ci hanno convinto che il cioccolato fondente sia buono per la nostra salute: fioccano ricerche e articoli che lo eleggono ad alleato della salute su tutti i fronti. Forse, e diciamo forse, le ricerche finanziate dall’industria dolciaria potrebbero avere avuto in ruolo in tutto ciò?

I superfood in realtà non esistono. Spendere tutto lo stipendio in cavolo nero e avocado non ti farà arrivare a 150 anni. Il dottor Crandall Snyder dice, sui cosiddetti SuperFood che dovrebbero risolvere tutti i mali del mondo,: “Io consiglio sempre di risalire allo studio originale. E’ stato fatto su animali o esseri umani? Sono stati usati estratti o cibi industriali? Qual era il dosaggio e la frequenza? Lo studio teneva in considerazione correlazioni o rapporti di causa?

I carboidrati non sono i nemici giurati della tua dieta: ce ne sono di molto sani, come nei cereali nella frutta, nei legumi. Acqua e limone al mattino sono consigliati. Ma potrebbero addirittura nuocere: si pensi allo smalto dei denti.

Ma gli aspetti che oggi sono sotto la lente di ingrandimento nel tema alimentare sono anche altri. Il cibo è la prossima questione che l’umanità tutta (nei prossimi cinque anni sfonderà il tetto degli 8 miliardi) deve affrontare. Lo confermano i super esperti di Ibm Research, che si sono focalizzati sulla sostenibilità alimentare per individuare le “Cinque innovazioni in cinque anni” del 2019.

La sostenibilità di ciò che mangiamo è uno dei problemi più importanti che dovremo fronteggiare: +45% di popolazione e una riduzione del 20% delle terre coltivabili. Le cinque innovazioni Ibm toccano aspetti diversi della catena alimentare, dall’agricoltura di precisione allo smaltimento degli imballaggi. Il primo punto riguarda proprio il miglioramento del processo di coltivazione, unendo le forze di blockchain, dei dispositivi della cosiddetta Internet of Things e degli algoritmi di Intelligenza Artificiale sarà possibile evitare molti sprechi, valutando le decisioni migliori su come coltivare. Si potrà capire lo stato di irrigazione in un dato terreno, se va concimato o no, se ci sono parassiti e di conseguenza se usare pesticidi.

Secondo e terzo passaggio sono lo stoccaggio e il trasporto: un terzo degli alimenti va perso o va a male durante la distribuzione, circa la metà di tutta la frutta e verdura si degrada. La quarta e quinta tecnologia hanno a che fare con il controllo della qualità. In cinque anni gli ispettori potranno identificare i patogeni che si trovano nel cibo prima che diventino dannosi.

Le spese associate a costi medici per malattie che vengono dall’ingestione di cibo avariato sono sui nove miliardi di dollari l’anno. Richiamare cibi avariati costa alle società 75 miliardi di dollari l’anno. E causano 128mila ricoveri e 3 mila morti ogni anno, solo negli Usa.

C’è poi il problema del comportamento del cittadino rispetto al cibo. Fare la lista della spesa, leggere attentamente la scadenza sulle etichette, verificare quotidianamente il frigorifero dove i cibi vanno correttamente posizionati, effettuare acquisti ridotti e ripetuti nel tempo, privilegiare confezioni adeguate, scegliere frutta e verdura con il giusto grado di maturazione, preferire la spesa a km0 e di stagione che garantisce una maggiore freschezza e durata, riscoprire le ricette degli avanzi, dalle marmellate di frutta alle polpette fino al pane grattugiato, ma anche non avere timore di chiedere la doggy bag al ristorante sono alcuni dei consigli elaborati dalla Coldiretti e diffusi in occasione della Giornata nazionale contro lo spreco alimentare.

Secondo l’indagine Coldiretti quasi tre italiani su quattro (71%) hanno diminuito o annullato gli sprechi alimentari nell’ultimo anno mentre il 22% li ha mantenuti costanti e purtroppo c’è anche un 7% che dichiara di averli aumentati. Nonostante la maggiore attenzione il problema resta però rilevante con gli sprechi domestici che rappresentano in valore ben il 54% del totale e sono superiori a quelli nella ristorazione (21%), nella distribuzione commerciale (15%), nell’agricoltura (8%) e nella trasformazione (2%) per un totale di oltre 16 miliardi di euro che finiscono nel bidone in un anno. Anche se negli ultimi anni la sensibilità su questo tema è aumentata portando ad una riduzione del fenomeno, credo sia necessario continuare a investire in progetti di educazione alimentare per promuovere le buone pratiche e migliorare la sensibilità di noi cittadini e consumatori.

Collegate ad un comportamento virtuoso in materia ci sono tante iniziative benefiche, a partire dalle oltre 1090 tonnellate di frutta e verdura fresca recuperate dal Centro Agroalimentare di Roma (Car) e poi ridistribuite alle onlus della Capitale e della Regione Lazio. E’ di oltre 2 milioni di euro (ipotesi prezzo medio al dettaglio di 2 euro/Kg) la stima del valore di mercato dei prodotti recuperati e del potenziale risparmio.

L’impatto ambientale dei prodotti recuperati fornisce una stima delle risorse naturali impiegate in fase di produzione e quindi non sprecate: 2.207 cassonetti di rifiuti evitati; 354 piscine olimpiche di acqua non sprecate (acqua per produrre i prodotti recuperati); la produzione del recuperato inquinerebbe come la CO2 di quasi 10.000 viaggi in auto da Roma a Milano; 1.036 campi da calcio equivalgono alla superficie di territorio che sarebbe necessaria per compensare gli impatti dei prodotti recuperati.

Agricoltura 4.0.

Luigi Campanella, già Presidente SCI

L’innovazione tecnologica nel settore della coltivazione, che potremmo chiamare agricoltura 4.0, muove un enorme mercato economico: si stima infatti che nel mondo valga 7 miliardi, raddoppiato rispetto al 2017, di cui 400 milioni di dollari in Italia. Ormai Industria 4.0 ò divenuto un’espressione familiare a molti italiani. Non si può dire purtroppo la stessa cosa per Agricoltura 4.0 intendendo con essa non solo agricoltura digitale, come nel caso delle imprese gestionali, ma anche un approccio globale di sistema, che va dalla coltivazione alla raccolta alla gestione attraverso tecnologie innovative che consentono di valorizzare il significato di filiera Agricola.

Questa limitata percezione da parte del cittadino, se poteva essere giustificata dalla situazione reale fino ad un paio di anni fa,oggi lo è molto meno.La nacchina si è finalmente messa in moto: Un fenomeno globale che lo scorso anno ha visto 500 startup raccogliere 2,9 miliardi di dollari di investimenti: di queste un quarto sono attive nel campo dell’Agricoltura 4,0; nel nostro Paese il settore è cresciuto in un anno del 270% ed è rappresentato per l’80% da aziende esistenti che si sono innovate e per il restante 20% da nuove realtà (elettronica e sensori, software, robotica e droni, produttori indoor). Si tratta comunque di una nicchia rispetto al mercato globale perché il nostro mercato vale soltanto il 5% del mercato globale e il 18% di quello europeo (dati Osservatorio Smart AgriFood del Politecnico di Milano).

Ma l’agricoltura 4.0, anche in un mercato piccolo come il nostro, può dare risposte alle sfide climatiche e ambientali dei prossimi anni e fornire tecnologie che mitighino la mancanza di risorse e riducano gli sprechi, come per esempio le coltivazioni fuori suolo, l’idroponica, l’acquaponica, l’agricoltura urbana e il vertical farming.

La prima sfida è nutrire la crescente popolazione cercando il minor impatto ambientale possibile ed è stata tradotta in numeri da Daniel Podmiserg del Vertical Farm Institute. L’introduzione nelle aree urbane di coltivazioni verticali integrate ha impatto positivo su molte dimensioni della sostenibilità urbana, a patto che il modello agricolo riesca a valorizzare l’intero volume degli edifici, inserendo colture complementari.

La tecnologia del fuori suolo permette di ottenere efficienze elevatissime anche senza iperspecializzare la fattoria, a patto di far coincidere il luogo di vendita/consumo con quello di produzione: il vero Km 0.https://www.wired.com/2017/01/rise-vertical-farm-weeks-must-read-stories/

Dalle micro e nano plastiche nei mari si parla da tempo, ma il problema riguarda anche i terreni agricoli. Si parla delle microplastiche, che vengono ingerite dagli animali da cortile attraverso i vermi, che si occupano anche di diffonderle, e della nanoplastiche, che per le piccolissime dimensioni riescono a entrare in circolo nei vegetali. I pericoli potenziali provengono dalle sostanze chimiche nocive che si attaccano alle particelle di plastica, e in questo modo aggirano le barriere difensive degli organismi. Ancora in larga parte misterioso è invece l’effetto che le nanoplastiche più piccole, sotto i 20 nanometri, hanno sul funzionamento cellulare, per esempio mimando l’azione di determinati enzimi o interferendo sulle membrane.

L’inquinamento da microplastiche e nanoplastiche del terreno e delle falde acquifere.

Tante sono le fonti possibili: una di queste sono i teli usati per la pacciamatura, che si sta diffondendo per combattere meccanicamente le malerbe eliminando i diserbanti; un’altra il compost ottenuto anche con plastiche bio-based, che prima di essere assorbite si comportano come le plastiche tradizionali (anzi peggio, perché sono più bio-affini).Questi sono i primi risultati emersi dalla ricerca del team di Esperanza Huerta della Wageningen University & Research sulla sfida che la richiesta per maggiore produzione agricola con metodi tradizionali pone all’umanità.Per questa sfida, oltre all’educazione contro lo spreco e l’inquinamento, una soluzione radicale è rappresentata dall’ indoor farming, termine che racchiude in sé un alto sviluppo tecnologico, oltre a essere sinonimo di produttività, controllo sulla qualità e localizzazione della produzione. Se il problema è il suolo, perché non disponibile o a rischio di contaminazione o di sfruttamento non sostenibile, riduciamone la necessità per la produzione agricola. Questo innovato approccio alla produzione di cibo include mercati che vanno dai più tradizionali, ortofrutticoli, fino a quelli del non food, come la nutraceutica e la canapa. Oltre ai vantaggi spesso ricordati, rese elevatissime per metro quadro, riduzione dell’uso di suolo, acqua, fertilizzanti, azzeramento di pesticidi e diserbanti, il fuori suolo ne ha molti altri: uniformità della qualità, possibilità di controllare le caratteristiche dei prodotti, purezza dei principi attivi estratti, possibilità di utilizzare varietà ottimizzate che richiederebbero uso di prodotti chimici in grandi quantità, indipendenza dalle condizioni climatiche.

Un altro aspetto importantissimo riguarda la necessità di una buona legge sul consumo di suolo per fare i conti con serietà e responsabilità con il dissesto idrogeologico e l’alto rischio sismico che caratterizzano buona parte del nostri Paese. Va anche resa più equa e sostenibile la filiera alimentare ed è per questo che vanno rilanciati con forza due strumenti che vorremmo fossero supportati anche dalle norme dello Stato.

I prodotti Dop (più menzionati sono stati Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma, Grana Padano, Prosecco, Chianti e Barolo)e Igp hanno assunto un ruolo nuovo all’interno dei territori italiani diventando il baricentro di una crescita che non è solo economica.

Attraverso le analisi del Big Data, Mauro Rosati, il direttore generale della Fondazione Qualivita sintetizza così i risultati della prima ricerca sperimentale che associa i dati economici e sociali del comparto con le conversazioni digitali sul web e offre il primo report delle informazioni digitali sul food made in Italy: dall’analisi della “nuvola” emergono significative ricadute sulla crescita culturale, turistica e sociale del Paese; ad oggi infatti sugli 882 prodotti Food e Wine IG sono 501 quelli con un sito ufficiale (nel 2016 erano 412, per una crescita del +22%), mentre 420 hanno almeno un profilo social (contro i 268 del 2016, per un +60%);quel che conta è “il lavoro in rete che stanno facendo consorzi e singoli produttori che permettono di fare una promozione di sistema del cibo made in Italy”. I prodotti Dop: non si parla solo più di tradizione, ma anche di “arti, architettura, storia e ambiente ,della conoscenza generale di una comunità. Non è un caso, allora, che le aziende Ig siano in prima linea “con azioni che spaziano dalle ricerche scientifiche che migliorano l’impatto dei metodi di produzione agli studi per l’educazione alimentare e la salute dell’uomo, passando per il sostegno alle più significative attività ricreative delle comunità territoriali.https://novagricoltura.edagricole.it/agricoltura-4-0/

Cambiamenti climatici e agricoltura: quale futuro?

Mauro Icardi

Sabato 28 Ottobre ho assistito all’incontro scientifico dedicato alla Meteorologia e Climatologia delle Alpi organizzato dall’Associazione Forte di Bard in collaborazione con la Società Meteorologica Italiana e Equipe Arc-en-Ciel, METEOLAB 2017. Il cui titolo chiarisce già molto bene l’attualità e l’importanza del tema : “Cambiamenti climatici e agricoltura: quale futuro?”

Questo articolo vuole farne un resoconto, ma soprattutto cogliere i molti spunti e riflessioni che ne ho colto. A cominciare da quello a me più familiare. Quello sulla gestione attenta, programmata e consapevole dell’uso dell’acqua. Acqua e agricoltura è intuitivo siano strettamente legate.

E sia Luca Mercalli, che Laurent Vierin presidente della regione Valle d’Aosta lo hanno sottolineato. Per l’agricoltura, come per la gestione della risorsa idrica le programmazioni richiedono quasi inevitabilmente una prospettiva di lungo periodo. La raccolta di dati sulle esigenze e sui consumi, la ricognizione e verifica dello stato dell’arte di condutture e sistemi di pompaggio, o nel caso dei sistemi irrigui la rete dei canali, la progettazione e il reperimento delle risorse finanziarie possono richiedere un’altra importante risorsa. Il tempo. Non solo anni, ma in qualche caso decenni.

Le cronache dell’ estate 2017 ci raccontano invece, oltre che di un’estate rovente, di un continuo ed affannoso tentativo di porre rimedio alle emergenze idriche con provvedimenti di emergenza, con una sensazione di affanno, e con il contorno di un’informazione che a mio parere troppo spesso ricerca un sensazionalismo che non è utile. Che non aiuta a capire.

La valle d’Aosta ha pensato ad un piano straordinario di tutela delle acque ed ha costituito pochi giorni prima di questa iniziativa un tavolo tecnico per l’utilizzo razionale delle acque. Un importante primo passo.

In effetti al mio arrivo nella località di Bard ho potuto notare come fontane e lavatoi, tipici dell’ambiente di montagna fossero chiusi. Così come lo sono state le fontanelle un po’ in tutta Italia, da Roma , Verona e Parma questa estate.

Il caldo è finito. La siccità non ancora.

La giornata di studio è proseguita fitta di molte interessanti relazioni. Quello che è emerso ascoltando tutti i relatori è, a mio parere, riassumibile in un solo concetto: non è più tempo di indecisioni e di staticità. I problemi causati dai cambiamenti climatici stanno già mostrando segnali chiari, che interferiscono con la nostra realtà quotidiana, rispetto a come l’abbiamo sempre vista e pensata in passato. Cogliendo diversi degli spunti e delle cose dette in questa giornata, alcune risaltano con una chiarezza disarmante. Il modificarsi del regime delle precipitazioni, le minori giornate con innevamento al suolo tendono a modificare la fertilità del terreno agricolo. La saggezza dei nostri nonni lo diceva che “Sotto la neve pane, sotto la pioggia fame”. L’agricoltura di montagna, la produzione di prodotti di qualità è una risorsa, ma che è minacciata dal nuovo tempo “impazzito”. Nell’aprile di quest’anno la Valle d’Aosta ha visto azzerata la propria produzione di vini pregiati a causa di una gelata tardiva. La gelata ha colpito vigneti che erano già in fioritura avanzata a causa di un inverno mite che ha anticipato il ciclo vegetativo e lo sviluppo dei germogli nelle vigne. Quindi se la gelata è un fenomeno che si può verificare, e si è spesso verificato in passato nella regione alpina, l’inverno insolitamente mite (ma mi chiedo se sia il caso di usare ancora questo avverbio) è invece il vero fenomeno anomalo.

Anche lo sviluppo ed il ciclo vitale dei parassiti si modifica e cambia. Ci sono più cicli di deposizione e schiusa di uova, e quindi danni maggiori, e necessità di più interventi di lotta antiparassitaria.

La Valle d’Aosta si sta scoprendo territorio adatto alla produzione di un prodotto agricolo come lo zafferano , e a questo proposito sono stati molto interessanti gli interventi di due titolari di aziende agricole, Diego Bovard e Stefano Carletto che raccontano come la passione e l’inizio della produzione sia nata quasi per caso. Una coltivazione quella dello zafferano che richiede di effettuare pratiche antiche, quale per esempio il diserbo manuale. Il cambiamento del clima ha effetto anche al di fuori del settore agricolo. Trasforma la vocazione turistica delle località di montagna. Che vedono maggiori afflussi turistici nella stagione estiva, che in quella invernale ormai sempre più povera di innevamento naturale. L’idea di persone che, come è capitato questa estate, fuggono da città rese invivibili da un caldo mai registratosi prima dovrebbe essere uno stimolo non solo a riflessioni, ma anche ad atti molto concreti.

La chiusura della giornata di studio e divulgazione si chiude con alcune domande di rito del pubblico (che ha risposto numeroso a questa ormai ottava edizione di Meteolab), e con alcune considerazioni finali che cercherò di riassumere ed esprimere.

La scienza ha ormai fatto e continua a fare la sua parte. Le evidenze ci sono. Dall’IPCC al WMO (World Meteorological Organization) al NOA, alla NASA, solo per citarne alcune, tutti hanno prodotto studi, hanno raccolto dati e pubblicato grafici. Il cambiamento climatico è realtà.

scuola-primaria-e-de-amicis-progetto-di-educazione-ambientale-

Appurata questa cosa è incomprensibile la stasi che di fatto vediamo con i nostri occhi. Accordi sul clima disattesi, e tempo che passa senza azioni concrete. E allora vale la pena ribadire che ognuno di noi può adottare la filosofia del colibrì dell’omonima favola peruviana.

E’ questo è stato detto e ripetuto da Luca Mercalli ( che ce lo ricorda ormai da decenni). Ci sono atti concreti che si possono fare. Isolare la casa, installare pannelli solari , esercitare un consumo critico quando si va al supermercato, coltivare un orto, bere acqua del rubinetto, razionalizzare gli spostamenti e l’uso dell’auto. E a completamento di questo, vorrei aggiungere che si impara con i piccoli passi ad essere resilienti. E che non ci si deve spaventare dell’eventuale fatica che si può inizialmente provare quando si cambiano le abitudini. Anche con il concetto di fatica, che non è negativo, si può tornare a familiarizzare.

Altro concetto importante che riguarda invece l’attività di divulgazione, e che l’ottava edizione di Meteolab ci lascia come idea, è quella dell’interdisciplinarità. La salvaguardia di pianeta e clima trova resistenze dovute a falsi miti, a superficialità e banalizzazioni. E quindi è necessaria non solo la collaborazione continua tra le diverse discipline scientifiche, tra ricercatori, scienziati e tecnici. Ma anche quella che trovi sinergie con le scienze umane. Che trovi la chiave di comunicazione, gli strumenti che ci aiutino ad avvicinare un problema, che non è quello del cambiamento climatico, ma della “grande cecità” che proviamo davanti ad esso. Oppure quello della fase collettiva di rifiuto della realtà da parte di sempre più ampi strati della società. Una ecologia della mente che ci liberi da questa assuefazione al consumo sfrenato, visto a volte come l’unico traguardo della propria realizzazione personale.

La chiusura di questo articolo non può che essere un doveroso ringraziamento agli organizzatori e tutti i relatori di un’iniziativa di ottimo livello. Di una bella giornata. Siamo stati ancora istruiti e avvisati. I semi sono stati gettati. Magari riusciranno a germogliare anche in condizioni estreme, come il solo fiore di zafferano che, come ci è stato raccontato, è riuscito a germogliare alle pendici del Monte Bianco.

Meteolab 2017: questi i relatori presenti: Luca Mercalli, presidente della Società Meteorologica Italiana; Corrado Adamo, dirigente della Struttura Produzioni vegetali e Servizi fitosanitari dell’assessorato regionale agricoltura e risorse naturali; il prof Michele Freppaz dell’Università degli Studi di Torino; Edoardo Cremonese, dell’Area Operativa Cambiamenti Climatici dell’Arpa Valle d’Aosta; Odoardo Zecca, coordinatore del settore Viticoltura, ricercatore e insegnante dell’Institut Agricole Régional; Diego Bovard e Stefano Carletto, titolari di aziende agricole; Federico Spanna, presidente dell’Associazione Italiana di Agrometeorologia, e Gabriele Dono, presidente del Corso di Laurea Triennale in Scienze Agrarie e Ambientali dell’Università degli Studi della Tuscia.

Grazie!

Riflessioni etiche.

Nota: si ricorda che le opinioni espresse in questo blog non sono da ascrivere alla SCI o alla redazione ma al solo autore del testo.

a cura di Luigi Campanella, ex presidente SCI

La qualità dell’ambiente che ci circonda e dell’alimentazione di cui ci nutriamo sono considerati in tutto il mondo due essenziali elementi per una vita sana e felice.

Molte volte parlando di questi due elementi se ne considerano gli aspetti tecnici, qualche volta anche economici, molto di rado quelli etici, forse oggi più invocati nel caso dell’ambiente, di certo non in quello dell’alimentazione. L’uomo per sua natura è portato a conquistare quanto gli viene offerto e la natura è molto generosa, ma i vantaggi che derivano dallo sfruttamento di queste risorse pongono due domande di natura etica:

di quante di queste risorse consumate vengono ad essere private le generazioni successive?

Quanto i processi di sfruttamento non comportano alla natura stessa un secondo danno, quello del suo inquinamento con le conseguenze sulla salute, sulla biodiversità sull’igiene?

1IT_WFD_Banner_02

La risposta a queste domande per chi la vuole dare non può che passare dalla sfera della scienza, della conoscenza a quella della morale e dell’etica. La chimica con i suoi tradizionali due volti, quello filotecnologico e quello filoecologico in fondo ben sintetizza questi dilemmi. Lo sviluppo della tecnologia ha comportato un allargamento incredibile della potenzialità della nostra disciplina sul piano delle capacità di contribuire alla crescita civile ed economica della società, ma ha anche significato una crescente tecnologia capace di sfruttare risorse sempre più differenziate ed intime della natura, peraltro spesso con le produzioni, oltre che dei composti cercati,anche di rifiuti, spesso non innocui sul piano della tossicità. La natura verrebbe così offesa due volte. La chimica ha però da tempo avviato un nuovo itinerario di sviluppo con tecnologie “verdi” capaci di produrre con rispetto dell’ambiente. La rivoluzione biotecnologica si è in parte esaurita, ma le innovazioni di processo continuano ad arricchire la ricerca ed a coinvolgere aspetti economici non secondari. La flessibilità della nostra disciplina è una caratteristica che ne aiuta questa nuova “faccia”. Il problema reale è quello del punto di equilibrio fra le due facce e la sua individuazione non può che appellarsi all’etica di ogni chimico. Un esempio della ricerca di questo equilibrio può riferirsi al caso dei brevetti di farmaci essenziali: quale è il giusto equilibrio fra rispetto del diritto alla proprietà intellettuale dell’innovazione e quello più importante del diritto alla salute.

avastinlucentis

Meno stretto apparentemente è il rapporto fra etica e qualità e sicurezza alimentare. In effetti invece con un crescente consumo di alimenti,con una ricerca sempre più sofisticata di nuovi fonti alimentari e di nuovi specifici alimenti, con una tecnologia alimentare sempre più avanzata capace di integrazioni e complementi funzionali degli alimenti più tradizionali, con un progressivo trasferimento dall’ambiente al ciclo alimentare di molti inquinanti ben si comprende come gli aspetti etici siano ben presenti. Quanto è giusto che tecnologie alimentari essenziali siano trasferite a pagamento con cessione in cambio di aree naturali?Quanto è giusto sofisticare alimenti commerciali per innalzarne il valore e quindi il costo? Quanto è accettabile la cessione a scopo energetico di aree originariamente destinate a produzioni alimentari? La chimica anche in questo caso ha messo in mostra le sue due facce: quella tecnologica con processi sempre più avanzati ed efficienti, ma anche quella amica dell’uomo e dell’ambiente con metodi analitici di controllo e monitoraggio sempre più sensibili, accurati e precisi. Questa vocazione tornerà utile presto con il nuovo capitolo che sta per aprirsi degli OGM. Intorno ad essi si è aperto un dibattito anche all’interno della comunità scientifica. Forse la risposta non è nel sì o no, ma nel come e quanto e la chimica è la prima indiziata a rispondere a sostegno della sicurezza e della lotta alla fame nel mondo.

landmammals