“Tutto è chimica!”, breve intervista a Cristiana Capotondi.

In evidenza

La redazione del blog.

Abbiamo intervistato via mail Cristiana Capotondi, la brava e giovane interprete della fiction televisiva “Di padre in figlia”, cui avevamo già accennato in un breve post; Cristiana ha acconsentito a rispondere brevemente a qualche domanda in esclusiva per noi. La ringraziamo insieme alla signora Cristiana Mainardi che ha fatto da tramite.

 D. Signora Capotondi si è resa conto di questi aspetti almeno in parte contraddittori con alcuni “memi” attuali:
la chimica positiva, la scienza di “tutto è chimica” mentre oggi l’aggettivo chimico corrisponde spesso a sporco, inquinante, o comunque non è positivo, è contrapposto a naturale?  Lei personalmente cosa pensa di questo contrasto? Se ci fosse un seguito di questa fiction in tempi più vicini a noi lei crede che il personaggio che lei ha interpretato avrebbe dei ripensamenti? Avrebbe ancora il seggio di Galileo come punto focale della sua vita?

R. Credo che si debba informare la gente su ciò che significhi chimica. Ricerca, nuove possibilità e scienza senza la quale moriremo anche solo per una semplice influenza.

D.: Pensa lei che oggi la laurea e in particolare in una materia scientifica sia ancora uno strumento di emancipazione femminile? O che l’emancipazione passi altrove? un padre proibirebbe ancora alla figlia di studiare la chimica? Lei che rapporto ha avuto con la Chimica come materia di studio? Ha mai pensato di svolgere un lavoro di questo tipo?

R.:Le materie scientifiche sono la parte esposta di un lavoro umanistico ancora più profondo, ovvero rispondere alle urgenze della popolazione che sono sempre in divenire. Quindi, si mi piacerebbe lavorare in questa direzione e credo che lo studio delle materie scientifiche aperto alle donne sia una conquista.

D.: parlare bene di chimica in una fiction e non parlarne mai o quasi nelle trasmissioni più culturali o di servizio come report poniamo: lei crede che questa sia una scelta condivisibile del mezzo pubblico? Tutto sommato lei ha detto quella frase Tutto è chimica con splendido accento veneto (anche se è romana de roma) davanti a vari milioni di persone: quella scena l’avete fatta una volta o più volte? le è venuto naturale o no? le è sembrato “forzato”? la figura della chimica e non poniamo della fisica o della matematica, da dove è venuta fuori? ci può raccontare?
Cosa interpreterà prossimamente? Ancora figure da scienziata/ricercatrice e da donna in carriera o da donna tout court?

R.:Tutto è chimica, così funziona la vita. Con azioni e reazioni che ci cambiano a livello molecolare. È utile ragionare su queste tematiche anche per raccontare come l’uomo psichicamente incida sulla sua fisicità. È utile per rilanciare laicamente il concetto di uomo come sinolo storico.
Qualunque palco è adatto, che sia informazione o fiction.
L’idea della chimica nasce dalla sua utilità nel mondo della distillazione.
Lavorerò al nuovo film di Marco Tullio Giordana dal titolo Nome di donne.