Il problema non è il fipronil.

In evidenza

Claudio Della Volpe.

Il caso fipronil che si è scatenato in questi giorni fa intravedere, a chi lo legge fra le righe, alcuni dei meccanismi che si attivano attorno alla chimica e che condizionano la nostra esistenza come chimici e come cittadini.

Cosa è successo? Il fipronil è un insetticida   nome comune fluocianobenpirazolo è un insetticida ad ampio spettro che disturba l’attività del sistema nervoso centrale dell’insetto impedendo il passaggio degli ioni cloruro attraverso il recettore del GABA e il recettore del Glu-Cl. Ciò causa la ipereccitazione dei nervi e dei muscoli degli insetti contaminati.

La selettività d’azione del fipronil nei confronti degli insetti dipende da un’efficacia maggiore a livello dei recettori del GABA ma anche dal fatto che i recettori del Glu-Cl non esistono nei mammiferi.

Il fipronil è un veleno a lenta attività d’azione: una volta inserito in un’esca, l’insetto viene avvelenato ma non muore istantaneamente ma ha il tempo di ritornare alla colonia o nella tana.

Si lega al sito allosterico dei recettori del GABA e al recettore del Glu-Cl (quest’ultimo presente nell’insetto e non nei mammiferi), bloccando o alterando la trasmissione nervosa dell’insetto. Nei mammiferi e vertebrati può essere dannoso grazie ai metaboliti e al fatto che un uso scorretto ha recentemente provocato danni ai produttori di uova. Usato per la disinfestazione del pidocchio rosso (in realtà un acaro) nella produzione industriale di uova e allevamenti di ovaiole il Fipronil si è rinvenuto come residuo indicando così l’impiego illegale. Per la disinfestazione delle galline ovaiole, anche a livello industriale, è bene impiegare l’alternativa rappresentata dal calore

Tutto questo lo trovate su wikipedia.

E’ pericoloso per l’ambiente e ovviamente per tutti gli insetti impollinatori. Altre informazioni generali le trovate qui o qui.

Eppure si tratta di una sostanza che si usa negli animali da compagnia, come gatti e cani ma di cui è proibito l’uso per gli animali che entrano nel ciclo alimentare umano, come le galline.

La spiegazione è sempre la solita; usandolo opportunamente il fipronil eventualmente accoppiato con altre sostanza repellenti tiene lontani i parassiti dai nostri beniamini; se usato in modo massivo in animali da cortile però la dose che può raggiungere i tessuti degli animali e di seguito i nostri si avvicina pericolosamente a valori non tollerabili; inoltre in questo modo è più difficile evitarne la circolazione nel’ambiente; insomma il fipronil va bene se usato correttamente. Siamo sempre a quel concetto base che lega chimica e medicina: è la dose che fa il veleno. Semplice.

Cosa è successo?

La lotta al pidocchio rosso (e ai parassiti delle galline) diventa necessaria quando le condizioni di vita delle galline ovaiole non sono più quelle della nostra infanzia, l’orto di casa o l’orto del piccolo contadino, ma il grande capannone indstriale dove le galline sono ammucchiate letteralmente le une sulle altre; in questo caso l’uso dell’insetticida si rivela meno costoso del metodo fisico “termico”, ma è vietato dalla legge.

Si sa la concorrenza è dura e allora qualcuno si fa furbo.

The Public Prosecutor consider three Dutch persons suspects in the fipronil contamination scandal that resulted in millions of eggs being recalled from supermarkets. The suspects are two managers of pest control company ChickFriend and Nick H., whose company is suspected of delivering fipronil to the Barneveld company, NOS reports. ChickFriend is considered the source of the fipronil contamination in the Netherlands.

The authorities believe that H.’s company, called Pro-farma according to the Telegraaf, delivered fipronil to Chickfriend as well as a Belgian chicken farmer in feed form. Containers marked with the company’s name were found at ChickFriend. On Pro-farma’s website the feed delivered to the Belgian farmer is described as “positive for the immune system” of chickens.

H.’s home in Mill, Noord-Brabant was one of the addresses raided in the fipronil investigation on Thursday. H. was not home at the time. He told the Telegraaf from his vacation home that he is innocent. He blames Patrick R. – the owner of the Belgian company also believed to have delivered fipronil to ChickFriend – for everything. H. and R. used to own a company together, but had a falling out. According to H., his company’s name was found at ChickFriend because R. is illegally using it.

(http://nltimes.nl/2017/08/11/three-dutch-suspected-fiiponil-scandal)

Alcuni furbissimi venditori di insetticidi olandesi (Pro-farma e Chickfriend, a Barneveld un comune di 50.000 abitanti in Olanda, due dei cui dirigenti sono stati arrestati) ed altri ancor più furbi industriali delle uova Poultry Vision nel territorio fra Belgio e Olanda, hanno deciso di saltare il fosso.

Il sito web dell’azienda è al momento indisponibile (http://www.chickfriend.nl/).

Per capire da dove è partito tutto è necessario fare un passo indietro al 22 luglio, nelle sonnolente campagne del Gelderland, la zona rurale più ad est dei Paesi Bassi e della provincia di Anversa, in Belgio. All’alba, le autorità per la sicurezza alimentare dei due Paesi fanno contemporaneamente irruzione in diversi anonimi capannoni dell’industria agro-alimentare locale. Ma tanto gli olandesi quanto i belgi puntavano, rispettivamente, a due aziende del settore avicolo: Chickfriend e Poultry-Vision. La prima è la società olandese che ha prodotto il pesticida ottenendo all’ingrosso il prodotto mescolato con fipronil dalla seconda, che ha sede in Belgio e si occupa di pulire i pollai eliminando zecche e parassiti, che incidono negativamente sul volume della produzione.

Tanto la Federaal Agentschap voor de veiligheid van de voedselkete (FAVV), autorità per la sicurezza alimentare di Bruxelles, quanto la controparte olandese Voedsel-En Warenautoriteit (NVWA) cercavano conferme a un’informazione che il procuratore di Anversa aveva sul tavolo già da tempo: la presenza di uova contaminate da un pesticida vietato, l’ormai noto fipronil, un prodotto ampiamente utilizzato per animali domestici ma vietato nell’industria alimentare e classificato dall’Oms come “moderatamente tossico” per gli esseri umani. Quelle uova, avrebbero poi accertato nelle Fiandre, provenivano da allevamenti olandesi. Le due autorità non fanno un buco nell’acqua: nel giorno dell’ispezione, i belgi arrestano il proprietario di Poultry-Vision con l’accusa di frode e i colleghi nei Paesi Bassi mettono i sigilli a sei società che producono uova e alla Chickfriend. Il composto utilizzato dalla ditta di Anversa non sarebbe stato pesticida al 100%, ma una miscela di insetticidi consentiti e di fipronil.

Secondo gli inquirenti gli scenari possibili sono due: il primo è che la stessa Chickfriend non sapesse che stava utilizzando prodotti non consentiti, l’altro è che Poultry-Vision abbia offerto un prodotto economico a scapito della sicurezza dei consumatori con il beneplacito della società di Barnveld. Quest’ultima è la versione dell’autorità olandese NVWA, agenzia finita sotto il fuoco incrociato del Parlamento de l’Aja e della Commissione europea per non aver controllato a dovere la qualità delle uova immesse sul mercato unico europeo. D’altronde l’Olanda è il più grande esportatore di uova del continente e uno dei principali al mondo, con una fetta di mercato del 12%. Per questo motivo la gestione della crisi – fin dai primi focolai – a metà tra l’allarmismo e l’invito alla calma, è sembrata a tutti molto amatoriale. A partire dalla manciata di codici di uova da non mangiare pubblicati il 1° agosto sul sito di NVWA e dalle poche informazioni comunicate: sentita da IlFattoQuotidiano.it lo stesso giorno, l’autorità olandese aveva minimizzato tanto i rischi quanto la reale diffusione delle partite contaminate. Se il pericolo per la salute è rimasto comunque sotto la soglia di rischio, l’incidente con l’azienda di provincia è diventato un caso continentale.

(http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/08/12/uova-al-fipronil-allarmi-negati-e-tagli-ai-controlli-la-gestione-amatoriale-della-crisi-di-olanda-e-belgio/3790221/)

Qualcuno mi dirà: ma Della Volpe non lo sai che dal 2012 le galline non si possono più allevare in batteria?

C’è infatti una disposizione europea, ma che sfortunatamente non è rispettata nella maggior parte dei paesi.

Dice la LAV (http://www.lav.it/download.php?t=files&id=4453)

Ogni anno sul territorio dell’Unione Europea vengono allevate oltre 400 milioni di galline ovaiole, circa il’68% delle quali sono rinchiuse nelle gabbie di batteria degli allevamenti intensivi. La natura sterile e altamente restrittiva di queste gabbie non consente alle galline di esprimere la maggior parte dei normali modelli di comportamento, quali la ricerca del foraggio, la cova delle uova nei nidi, beccare sul terreno, distendere le ali. La mancata soddisfazione di tali primari bisogni determina negli animali un alto grado di frustrazione e stress.

Ogni gallina dovrebbe avere a disposizione uno spazio di soli 550 cm2, ma molto spesso, in violazione delle leggi, tale spazio è addirittura di 450 cm2, di poco inferiore a quello di un foglio a A4, nel quale è impossibile per l’animale compiere movimenti naturali, stirarsi, aprire le ali o semplicemente girarsi nella gabbia senza difficoltà. L’impossibilità di soddisfare bisogni etologici primari, unita all’elevato livello di produzione di uova cui sono sottoposti questi animali, determina nelle galline di batteria fragilità delle ossa e molte di loro soffrono per la rottura delle stesse nell’arco della vita di circa un anno, prima di essere inviate al mattatoio.

La Direttiva Europea del 1999 sulla protezione delle galline ovaiole negli allevamenti ha introdotto il bando delle gabbie di batteria convenzionali a partire dal 1° gennaio 2012. La Direttiva rappresenta una storica vittoria per il movimento animalista, ma l’enorme miglioramento delle condizioni di vita degli animali che questa comporta è minacciato dall’industria avicola, che chiede di ritardare ulteriormente il bando delle gabbie di batteria. L’industria è preoccupata dalla crescita dei costi ma la Commissione Europea, con un apposito studio sull’impatto della Direttiva, ha dimostrato che tali preoccupazioni non hanno ragion d’essere. L’industria avicola ha avuto ben 11 anni di tempo per organizzare una riconversione ma quasi nulla è stato fatto anzi, sono state perseguite politiche volte a posticipare tale data e ad ostacolare in ogni modo tale cambiamento.

Mentre è facile capire se le uova come tali provengano da una zona o da un’altra (il codice di provenienza è stampato su tutte le uova) è praticamente impossibile capire da dove provengano i derivati delle uova; la legge non protegge il cittadino su questo aspetto se non indirettamente.

Dice un esperto di questi temi Rolando Manfredini di Coldiretti:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/08/11/uova-contaminate-scandalo-detichetta-e-di-sostanza-coldiretti-lue-e-debole-e-incline-alle-ragioni-della-grande-industria/3789932/

E’ soprattutto una storia che si ripete col consumatore, che è il terminale ultimo di tutta la filiera produttiva, lasciato solo e senza possibilità di difesa. Nel caso specifico può cautelarsi dall’assumere le uova contaminate guardando il Paese d’origine sull’etichetta. Per tutti i prodotti derivati e lavorati però non c’è niente di simile: o prende le uova e si fa in casa la pasta e le merendine oppure deve fidarsi. Noi consigliamo sempre di rivolgersi a un produttore della filiera corta. Ma altri consigli non so darne, perché autorità e istituzioni non danno altre certezze”.

Perché in Europa la battaglia per avere una tracciabilità totale degli ingredienti non è mai passata. “Bruxelles l’ha vista come una sorta di attentato alla libera circolazione delle merci. Concetto che nasconde in realtà l’interesse degli industriali della trasformazione a potersi rifornire dove meglio credono e meno spendono, senza dover dare indicazioni. Tantomeno al consumatore finale”. Ed ecco servito il pasticcio perfetto: se l’uovo tossico è entrato nel circolo nei lavorati vai a sapere dove è finito.

“In realtà le autorità sanitarie europee hanno i mezzi per ricostruirlo e lo stanno facendo, come dimostrano i sequestri. Ma quello che non può farlo è chi se le deve mangiare, il cittadino” dice Manfredini che la sa lunga e con l’occhio addestrato unisce i puntini spazio-temporali. “Mi fa rabbia che queste cose succedano sempre negli stessi Paesi. Sarà un caso? Mi indigna come le autorità olandesi abbiano dichiarato in un primo momento che era stata rilevata una presenza ma che non c’erano problemi, in un secondo che il prodotto poteva essere moderatamente pericoloso e infine che quello stesso prodotto è molto pericoloso per i bambini. Insomma le informazioni centellinate, tardive, contraddittorie sembrano rese apposta per coprire delle responsabilità. Idem in Italia, dove il Ministero della Salute dice che non c’è alcuna partita alimentare contaminata e poi passa ai sequestri”

Sorvoliamo sulle sciocchezze tipo i titoli “uova infette” usato da RaiNews che dimostrano solo la confusione e l’ignoranza di chi li ha scritti ed usati. Contaminate al più, ma certo non infette.

La questione chiave non è la Chimica cattiva, le uova “infette” di fipronil come scrive beceramente Rai News, ma l’uso improprio di sostanze vietate a scopi di profitto. E’ il profitto non la chimica il responsabile di questa situazione, un profitto che condiziona anche le leggi europee e i controlli sulla loro applicazione; cosa aspettano i nostri politici ad OBBLIGARE al loro rispetto? noi chimici dobbiamo denunciare, denunciare, denunciare ogni violazione etica e legale senza aspettare che lo facciano altri.

Mentre tutti i giornali si affrettano a rassicurare che il fipronil non è poi così tossico, quasi nessuno denuncia PERCHE’ esso venga usato, in che condizioni e con che fini; sembra si possa dire, vabbè in fondo non è così tossico questo prodotto di sintesi e poi ce ne siamo accorti in tempo.

Ma scavando la verità è diversa: non è questione di chimica, questo prodotto si usa senza problemi in altri contesti, qua il problema è che chi produce uova e alleva galline non rispetta le regole perchè così fa più soldi e alcuni CRIMINALI non contenti risolvono i problemi prodotti da metodi di allevamento ILLEGALI usando prodotti chimici non permessi.

Il dito indica la Luna , non state a guardare il dito.

Siamo noi chimici PER PRIMI a dover denunciare queste pratiche criminali nell’uso del fipronil, ma, come cittadini, anche le pratiche scorrette di chi non si adegua alle leggi sull’allevamento delle galline.

Tra l’altro meno carne, meno gas serra; l’abbiamo scritto tante volte.

E qui al contrario vale la pena di considerare che milioni di uova mandate al macero sono una oscena distruzione di tonnellate e tonnellate di alimenti che avrebbero sfamato migliaia di persone, ma anche enormi problemi di smaltimento di rifiuti che sarebbe interessante capire se avviene recuperandone alcunchè; i tre furbetti dovrebbero pagare non solo il conto penale ma anche quello ambientale delle loro azioni. Voi che ne dite?

 

Api e pesticidi: una conferma autorevole.

Nota: si ricorda che le opinioni espresse in questo blog non sono da ascrivere alla SCI o alla redazione ma al solo autore del testo.

a cura di Andrea Tapparo ( andrea.tapparo@unipd.it )
 

tapparoQuesta che segue è una breve sintesi delle conclusioni dello studio realizzato dalla Task Force on Systemic Pesticides, che sarà a breve pubblicato (8 review) dalla rivista “Environmental Science and Pollution Research”. In coda il più ampio comunicato ufficiale in inglese della Task Force on Systemic Pesticides (http://www.tfsp.info/ )

 taskforce

 A livello internazionale si riscontra una crescente preoccupazione nei confronti degli insetticidi neonicotinoidi e del fipronil, sostanze ad azione neurotossica ampiamente impiegate in agricoltura nella profilassi e nel trattamento di molteplici parassiti in svariate colture. Oltre ad avere effetti diretti anche su organismi “non target”, quali ad esempio gli insetti impollinatori come le api, il rischio ambientale associato all’uso di questi insetticidi è relazionabile alla perdita di biodiversità, nonché di funzionalità e ruolo degli ecosistemi contaminati.

La Task Force on Systemic Pesticides, ha presentato il 24 giugno il frutto del più ampio approfondimento bibliografico sull’argomento: il Worldwide Integrated Assessment (WIA, 8 articoli, che costituiranno un numero speciale della rivista Environmental Science and Pollution Research di imminente pubblicazione) rappresenta infatti il primo tentativo di sintetizzare lo stato delle conoscenze sui rischi associati a tali insetticidi attraverso l’esame critico di oltre 800 pubblicazioni scientifiche (tutte sottoposte a revisione tra pari).

Questi insetticidi possiedono proprietà fisiche, chimiche e biochimiche che ne allargano il raggio d’azione ben oltre la specie coltivata/trattata e il luogo di somministrazione. Essi infatti agiscono a livello sistemico (penetrano e si distribuiscono all’interno della pianta), mostrano una discreta persistenza ambientale (mesi o anni) ed una elevata solubilità in acqua, tutti fattori che contribuiscono ad estendere la contaminazione al suolo, alle acque sotterranee e superficiali e alla vegetazione, sia quella specificatamente trattata che quella esterna all’area coltivata. In alcuni situazioni le concentrazioni ambientali dei neonicotinoidi più persistenti possono crescere nel tempo, ad esempio nei suoli o nei tessuti di alcune piante, a causa dei ripetuti trattamenti.

Sono attualmente note molteplici vie di esposizione a questi insetticidi per gli organismi “non target”, sia croniche che acute. Ad esempio le api possono venir direttamente contaminate in volo dalle polveri emesse dalle seminatrici pneumatiche durante la semina delle sementi conciate: la pellicola di insetticida che ricopre il seme si erode nel corso delle operazioni di semina producendo (è il caso della semina del mais) un particolato letale per le api bottinatrici che si trovassero a volare nei pressi della seminatrice. Più in generale si può osservare che, in relazione alla modalità di utilizzo e alle proprietà dell’insetticida, gli organismi sia terrestri che acquatici sono spesso ripetutamente esposti a concentrazioni tutt’altro che trascurabili. Tra questi vi sono importanti (sotto il profilo ecologico) organismi che vivono nei corsi d’acqua (incluse le zone ripariali, le zone umide, gli estuari e i sistemi marini costieri) e che ne garantiscono la qualità.

L’esame della letteratura esistente evidenzia inoltre che, a livello globale, l’attuale uso consentito (ed in ottemperanza delle prescrizioni) degli insetticidi neonicotinoidi e del fipronil ha portato a livelli di contaminazione ambientale spesso eccedenti le concentrazioni tossicologicamente rilevanti per un ampio spettro di organismi “non target”, quindi con prevedibili impatti negativi sulla qualità degli ecosistemi interessati.

Sebbene queste sostanze siano state utilizzate per decenni (a partire dagli anni 90) e mostrino propriètà così peculiari (sono sistemici, persistenti e mobili nell’ambiente) il quadro delle valutazioni che emerge dalla WIA è senza precedenti. Esso indica con chiarezza che l’attuale impiego su larga scala di tali insetticidi non è ecologicamente compatibile e non può costituire una strategia sostenibile di lotta ai parassiti delle coltivazioni. In altre parole, è evidente che le correnti pratiche agricole, sempre più vincolate all’uso esteso di tali prodotti, pongono seri rischi ad un gran numero di organismi e alle funzioni ecologiche che essi svolgono.

Semina Mais 3

Misure sul campo per determinare la concentrazione di pesticida durante la semina.

Ed è anche sempre più evidente che l’attuale uso di neonicotinoidi e fipronil risulta incompatibile con i principi che sono alla base della lotta integrata (integrated pest management, IPM): essi sono infatti spesso routinariamente applicati (come nel caso delle sementi conciate, che è un classico uso profilattico) anche in assenza di specifici parassiti o dei loro effetti misurabili sulla produttività agricola. Più moderne, sostenibili ed efficaci strategie di gestione dovrebbero invece essere valutate e introdotte, alternative che si richiamano ai principi delle produzioni biologiche e/o della lotta integrata.

A conclusione delle WIA si auspica anche che “la politica” riconosca l’entità dei rischi ambientali che, a livello globale, comporta l’uso di tali insetticidi e che agisca di conseguenza (rapidamente e in coerenza con il principio di precauzione) per promuovere una loro più consona regolamentazione.

WIA e Task Force on Systemic Pesticides

Questo studio (WIA) è stato realizzato dalla Task Force on Systemic Pesticides (TFSP), un gruppo di lavoro internazionale e multidisciplinare costituito da circa 50 studiosi. Il gruppo ha operato attraverso una serie di workshop specificatamente dedicati all’argomento: Paris (2010), Bath (2011), Cambridge (2012), Montegrotto-Padova (2012), Louvain-la-Neuve (2013), Padova-Legnaro (2013). I componenti della Task Force, che operano sull’argomento in assenza di confitti di interesse, appartengono ad agenzie o enti di ricerca pubblici (principalmente Università) o ad associazioni che si dedicano esclusivamente alla conservazione/protezione delle risorse ambientali.

TFSP 1

La Task Force al lavoro

La Task Force ha operato grazie alle risorse istituzionali dei singoli componenti, al libero contributo di alcuni cittadini e al supporto di alcuni enti finanziatori che, si sottolinea, non hanno avuto alcun ruolo nella progettazione, nella realizzazione e nella pubblicazione degli studi realizzati:

– Triodos Foundation’s Support Fund for Independent Research on Bee Decline and Systemic Pesticides (donations by Adessium Foundation – The Netherlands)

– Act Beyond Trust (Japan)

– Utrecht University (Netherlands)

– Stichting Triodos Foundation (The Netherlands)

– Gesellschaft fuer Schmetterlingsschutz (Germany)

– M.A.O.C. Gravin van Bylandt Stichting (The Netherlands)

– Zukunft Stiftung Landwirtschaft (Germany)

– Study Association Storm (Student Association Environmental Sciences Utrecht University)

– Deutscher Berufs- und Erwerbsimkerbund e.V. (Germany)

– Gemeinschaft der europäischen Buckfastimker e.V. (Germany).

Per approfondire:

gli altri articoli del blog:

https://ilblogdellasci.wordpress.com/2013/02/04/tonio-le-api-e-la-chimica/

https://ilblogdellasci.wordpress.com/2013/05/08/salviamo-le-api-ma-senza-demagogia/

un filmato youtube

http://www.youtube.com/watch?v=3QceID-Vb64

e qui di seguito il testo in inglese del comunicato della Task Force:

*******************************************************************************

MEDIA BRIEFING NOTES

 taskforce

WORLDWIDE INTEGRATED ASSESSMENT ON SYSTEMIC PESTICIDES

Concern about the impact of systemic pesticides on a variety of beneficial species has been growing over the last 20 years. While attention has mainly focused on the economically important honey bee, scientists and others have also registered growing alarm about the decline in many other insect species.

The main focus of this concern has been the group of chemicals called neonicotinoids (neonics), which were introduced as pesticides to agriculture in the 1990s and have now become widespread. Although a few restrictions have been put in place, for example, by the EU Commission, governments have wavered over whether the science is conclusive enough to indicate action.

The Worldwide Integrated Assessment (WIA) undertaken by the Task Force on Systemic Pesticides set out to provide a comprehensive, independent analysis of these chemicals and their impact on ecosystems and biodiversity, in order to inform appropriate action in the future.

The findings will be published in the peer-reviewed Journal Environment Science and Pollution Research shortly (expected in the next week/s). The conclusions of the analysis as they appear in the Journal are published today (24.6.14)

WIA

This is the first meta-analysis to be undertaken on two groups of systemic insecticides, neonics and fipronil and the first time that all the relevant information from studies all over the world has been pulled together in one place.

Some aspects of this analysis have been broadly acknowledged before (e.g. risks to honeybees), but some have not (e.g. risks to birds, earthworms, other pollinators and aquatic invertebrates).

Individual studies have focussed on impacts on particular organisms, habitats or locations (e.g. bees in France, waterways in the Netherlands, birds in the US) and relatively few have specifically focused on biodiversity and ecosystem impacts, so this analysis moves our understanding forward in a much more holistic and extensive way.

Where the available data enables this, the analysis extends consideration of the risks beyond individual species and groups, to whole communities and ecosystem processes.

Undertaken by 29 independent scientists from numerous disciplines, the WIA considered over 800 peer-reviewed publications.

KEY FINDINGS

Harm

  • Neonics persist – particularly in soil – for months and in some cases years and environmental concentrations can build up over the years. This effectively increases their toxicity by increasing the duration of exposure of non-target species.
  • The metabolities of neonics (the compounds which they break down into) are often as or more toxic that the active ingredients.
  • The classic measurements used to assess the toxicity of a pesticide (short-term lab toxicity results) are not effective for systemic pesticides and conceal their true impact. They typically only measure direct acute effects rather than chronic effects via multiple routes of exposure.  In the case of acute effects alone, some neonics are at least 5,000 to 10,000 times more toxic to bees than DDT.
  • The effects of exposure to neonics range from instant and lethal to chronic. Even long term exposure at low (non-lethal) levelscan be harmful. They are nerve poisons and the chronic damage caused can include: impaired sense of smell or memory; reduced fecundity; altered feeding behaviour and reduced food intake including reduced foraging in bees; altered tunneling behaviour in earthworms; difficulty in flight and increased susceptibility to disease.

Ecosystems

  • Neonics impact all species that chew a plant, sip its sap, drink its nectar, eat its pollen or fruit and these impacts cascade through an ecosystem weakening its stability.
  • The combination of persistence (over months or years) and solubility in water has led to large scale contamination of, and the potential for accumulation in, soils and sediments, ground and surface water and treated and non-treated vegetation.
  • In addition to contaminating non-target species through direct exposure (e.g. insects consuming nectar from treated plants), the chemicals are also found in varying concentrations outside treated areas. They run off into surrounding soil and aquatic habitats easily. This polluted water, along with the dust created during the drilling of treated seeds, can contaminate wild plants growing in agricultural field margins and hedgerows providing the potential for major impacts on a broad range of non-target herbivorous invertebrates living in or near farmland.
  • This provides multiple routes for chronic and acute exposure of non-target species. Organisms inhabiting farmland are being chronically exposed and so are aquatic organisms living downstream of farmland, including inhabitants of riparian zones, estuarine and coastal marine systems.
  • The large scale bioavailability of these insecticides in the global environment at levels that are known to cause lethal and sub-lethal effects on a wide range of terrestrial, aquatic and soil beneficial microorganisms, invertebrates and vertebrates, poses risks to ecosystem functioning and services provided by terrestrial and aquatic ecosystems including soil and freshwater functions such as litter break down and nutrient cycling, food production, biological pest control, and pollination services.

Species

  • Neonics and fipronil have impacts that extend far beyond the intended crop, plant and pest species.
  • They are causing significant damage and pose a series risk of harm to a wide range of beneficial invertebrate species in soil, vegetation, aquatic and marine habitats and are affecting ecosystem services as a result.
  • There is a lack of research into the impact on vertebrate species though the assessment revealed sub-lethal impacts of concern across a range of species including birds.
  • The risk of harm occurs at field exposure levels (ie. the amounts used in agriculture) and lower.
  • It is clear that present day levels of pollution with neonics resulting from authorized uses, frequently exceed ‘lowest observed adverse effect concentrations’ for a wide range of non-target species and are thus likely to have large scale and wide ranging negative biological and ecological impacts.
  • The evidence is also clear that neonics pose a serious risk of harm to honey bees and other pollinators.
  • In bees, field-realistic concentrations adversely affect individual navigation, learning, food collection, longevity, resistance to disease and fecundity. For bumblebees, irrefutable colony-level effects have been found, with exposed colonies growing more slowly and producing significantly fewer queens. Field studies with free-flying bee colonies have proved difficult to perform, because control colonies invariably become contaminated with neonicotinoids, a clear demonstration of their pervasive presence in the environment.

The most affected groups of species are:

Terrestrial invertebrates

Terrestrial invertebrates such as earthworms are exposed to potential contamination via all four routes (air, water, soil, plants) with:

  • high exposure through soil and plants
  • medium exposure through surface water and leaching
  • low exposure via air (dusts)

The assessment found that both individuals and populations can be adversely affected by low or acute (i.e. ongoing) exposure making them highly vulnerable at field realistic concentrations – i.e., the concentrations which can be found in agriculture. These effects range from behaviour modification such as feeding inhibitions to mortality.

These species provide a myriad of ecosystem services, including the regulation and cycling of nutrients, carbon storage, and support for plant growth and are dependent on the diverse and complex biological communities that are present in soils.

Insect pollinators

Insect pollinators such as bees and butterflies are exposed to contamination through all four routes with:

  • high exposure through air and plants
  • medium exposure through water.

The assessment found that both individuals and populations can be adversely affected by low or acute exposure making them highly vulnerable.

Pollinators exposed to contaminated pollen, nectar and water are harmed at field realistic concentrations.

Aquatic Invertebrates

The next most affected group are aquatic invertebrates such as freshwater snails and water fleas which are exposed via water and potentially plants, are vulnerable to low and acute exposure and which can be affected at the individual, population and community levels.

The moderate to high water solubility of neonicotinoids enables them to contaminate both surface and groundwater and hence leach into waterways, where high concentrations have depleted aquatic insect abundance and diversity.

The impacts identified on this group are reduced feeding behaviour, impaired growth and mobility.

Birds

Birds are the next most vulnerable with low and medium exposure via all four routes and affected at medium levels of exposure for both individuals and populations.

Others

Fish, amphibians and microbes were all found to be affected after high levels of or prolonged exposure. Samples taken in water from around the world, have been found to exceed ecotoxicological limits on a regular basis.

There is insufficient data to assess whether or not there is an impact on mammals or reptiles but in the case of the latter, the researchers concluded that it was probable.

taskforce2

Gaps

  • Almost as concerning as what is known about neonics, is what is not. There is little data about the quantities of systemic pesticides being applied, nor is there much screening of concentrations of neonics in the environment. Where screening has been carried out neonics and fipronil are often detected.
  • Toxicity to most organisms has not been investigated. E.g. toxicity tests have only been carried out on four of the approximately 25,000 known species of bee, and there have been hardly any studies of toxicity to other pollinator groups such as hoverflies or butterflies.
  • Toxicity to vertebrates (such as granivorous mammals and birds which are likely to consume dressed seeds) has only been examined in a handful of species.
  • Sub-lethal effects have not been studied in most organisms, yet they are known to be profound in bees, and for those few other species where studies have been done, sub-lethal doses of these neurotoxic chemicals have been reported to have (mostly) adverse impacts on behaviour at doses well below those that cause death.

Conclusions

  • The present scale of use of neonics is not sustainable
  • Their continued use can only accelerate the global decline of important invertebrates and, as a result, risk reductions in the level, diversity, security and stability of ecosystem services.
  • The findings of the WIA demonstrate that the current extensive use of this group of persistent highly toxic chemicals is affecting global biodiversity:
  • The large scale, prophylactic use of broad-spectrum systemic insecticides must be reconsidered.
  • The authors strongly suggest that regulatory agencies apply more precautionary principles and further tighten regulations on neonicotinoids and fipronil and start planning for a global phase-out or at least start formulating plans for a strong reduction of the global scale of use.

BACKGROUND

Neonicotinoid/fipronil Pesticides

 

Neonicotinoids are a class of neuro-active, nicotine-based insecticides which were developed in 1991 and brought into commercial use in the mid-1990s. Fipronil is also neuro-active and was developed at the same time.

Unlike other pesticides, which remain on the surface of the treated foliage, systemic pesticides, including neonicotinoids and fipronil, are taken up by the plant and transported to all the tissues (leaves, flowers, roots and stems, as well as pollen and nectar).  Products containing neonicotinoids/fipronil can be applied at the root (as seed coating or soil drench) or sprayed onto crop foliage.  The insecticide toxin remains active in the soil or plant for many months (or years), protecting the crop season-long.

Neonicotinoids/fipronil act on the information processing abilities of invertebrates, affecting specific neural pathways that are different from vertebrates. This makes them popular as broad-spectrum insecticides, as they are considered less directly toxic to vertebrate species including humans.

These systemic insecticides have become the most widely used group of insecticides globally, with a market share now estimated at around 40% of the world market.  Common compounds include acetamiprid, clothianidin, dinotefuran imidacloprid, nitenpyram, nithiazine, thiacloprid, thiamethoxam and fipronil, with global sales of over US $2.63 billion in 2011.

The market for seed treatments is expanding even more rapidly, growing from €155 million in the 1990s to €957 million in 2008, at which point neonicotinoids made up 80% of all seed treatment sales worldwide.

Neonicotinoids are still toxic even at very low doses. They have a higher persistence in soil and water than conventional pesticides remaining in situ for months on average, and this results in sustained and chronic exposure of non-target organisms, such as invertebrates. Because they are relatively water-soluble, they run off into aquatic habitats easily. Growing concern about their connection to bee colony collapse disorder has led to restrictions on their use in EU Countries. Concern about their impact on other non-target species including birds, has been growing for the last five years.

 

Task Force On Systemic Pesticides

The Task Force on Systemic Pesticides is the response of the scientific community to concern around the impact of systemic pesticides on biodiversity and ecosystems. Its intention is to provide the definitive view of science to inform more rapid and improved decision-making.

NOTES

Press Conferences releasing the findings will be held in Manila and Brussels on the 24th June, Ottawa on the 25thand Tokyo on the 26th.

For further information please contact:

(insert local details)

Mirella von Lindenfels (UK) + 44 7717 844 352