Il colore giallo.

In evidenza

Luigi Campanella, ex Presidente SCI.

Colori a base di sostanze minerali sono stati utilizzati sin dalla preistoria: gesso, ocra, nelle varie gradazioni dal rosso chiaro al giallo chiaro; neri ricavati da biossido di manganese o da carbone di legna, sono stati utilizzati per le pitture rupestri del paleolitico superiore, più raramente terre verdi e ossido di manganese marrone, ed eccezionalmente anche violetto di manganese.

A partire dal neolitico si amplia la gamma di minerali utilizzati per la pittura e la ceramica, e si creano vari coloranti a base vegetale o animale per la tintura di tessuti, quali il rosso di robbia, il blu indaco, il blu di guado, il giallo di reseda. Con lo sviluppo della tecnica metallurgica diventano inoltre disponibili nuovi composti metallici, come ossido salino e carbonato basico di piombo, antimoniato di piombo.

Gli Egizi sono stati il primo popolo a dedicare un particolare impegno nella preparazione di colori per la pittura. La “fritta Egizia” o “blu Egizio”, ottenuto per cottura in forno a 800-900o di una precisa miscela di calce, ossido di rame e quarzo, e successiva macinazione, partendo da minerali come calcare, malachite e sabbia, è il più antico pigmento di sintesi. Altro pigmento di sintesi è l’antimoniato di piombo, dal Seicento noto come giallo di Napoli, prodotto come ossido o carbonato di piombo e ossido d’antimonio, ottenuti mediante trasformazioni di minerali.

Alcuni pigmenti prodotti (inventati?) circa 4000-5000 anni fa sono rimasti dei colori fondamentali fino al 1700-1800. Per esempio la biacca rappresenta fino alla fine del 1800 un pigmento fondamentale della pittura.

Unico documento rimasto della pittura greca: La Tomba del Tuffatore a Paestum (480-470 a.C.)

Dell’epoca greca non sono rimasti documenti diretti dell’arte pittorica, ma solo ampie descrizioni (a parte la tomba del tuffatore e i dipinti su vaso).

In epoca romana, soprattutto a partire dall’epoca imperiale era disponibile una gamma sufficientemente ampia di pigmenti. Quelli più apprezzati erano il minio e il cinabro, estratti minerali che mescolati a ocre davano differenti toni di rosso, come quelli delle pareti pompeiane; il blu, il porpora, il verde estratto da una preziosa lega di rame e stagno utilizzata per produrre un bronzo dorato, il crisocalco; il giallo oro, il nero, il bianco, per il quale si utilizzavano almeno tre varianti di creta, distinguendo tra bianco brillante e bianco opaco. Si producevano anche colori splendidi, luminosi e resistenti, a partire da sostanze organiche, come il rosso porpora, che si ricava dalla secrezione di un gasteropodo del genere Murex, e un blu superbo, denominato vitrum, ottenuto dal guado, che si affiancava all’indaco e all’azzurrite, minerale composto di carbonato basico di rame. Anche i pigmenti gialli erano disponibili sin dall’antichità in molte varietà e in genere stabili e resistenti. Tra questi, terre gialle, solfuri come l’orpimento e il realgar, l’antimoniato di piombo e il giallo di reseda, un pigmento vegetale utile sia in tintoria che in pittura.

I pigmenti utilizzati nel Medioevo sono quelli ereditati dall’antichità. Minio e cinabro sono i due colori base del primo Medioevo (basti pensare alle miniature), insieme alla lamina d’oro, ottenuta semplicemente per battitura delle monete. Un importante nuovo pigmento è il blu oltremare prodotto dal blu lapislazzuli, importato dal lontano Afganistan, che si aggiunge all’azzurrite; da questa si sono ottenute diverse tonalità utilizzando differenti gradi di macinazione. I pittori medioevali fecero anche largo uso di sostanze organiche: tinture blu indaco e blu di guado cui aggiunsero il tornasole, oltre alla lacca di chermes, o cremisi, e alla lacca rossa del brasile.

Dal XI al XIV secolo la pratica della pittura passa dai monasteri alla città ed inizia l’attività professionale dei pittori, passando con Giovanni Bellini e con Tiziano, dalla tempera alla pittura a olio. I pittori erano costretti per dare luminosità ad aggiungervi biacca, divenuto segno rivelatore del passaggio dal colore medioevale a quello moderno. Ancora alla fine del Rinascimento i pittori preparavano direttamente nelle loro botteghe i propri pigmenti; così ai materiali di base si aggiungevano tutta una serie di materie come leganti e cariche.

I colori primari per il pittore sono il rosso (rosso-magenta), il blu (il blu-ciano) e il giallo. Ogni popolo in ogni tempo ha attribuito ai colori significati simbolici diversi e i nomi dati alle tinte variano da una cultura all’altra. Come racconta Manlio Brisantin, studioso dei colori, oggi il giallo affascina pittori, musicisti, stilisti, pubblicitari, consumatori, per la sua natura calda, luminosa, positiva. Ma non è sempre stato così. Nel passato il giallo è stato spesso associato a caratteristiche negative: era il colore della menzogna, del tradimento, della malattia, della follia.

Colore primario e perciò base di innumerevoli sfumature di colore, il giallo era uno dei colori prediletti dagli impressionisti, da Matisse e Gauguin, dai Fauves e dai rappresentanti dell’arte astratta come Mirò,che generalmente alla ricerca di colori vivi e contrari in buona parte a miscugli fra colori hanno trovato nel giallo le due caratteristiche cercate, colore caldo e preimario (insieme al rosso ed all’azzurro). Kandinskij nel suo “Lo spirituale è nell’arte” associa il giallo al triangolo, al misticismo e allo spirituale: colore dell’oro, del sole, del grano, del pane fragrante, dell’elevazione.

Orpimento giallo allo stato di minerale

Questo colore così pieno di significati, nasconde altri segreti che riguardano il mistero della sua composizione e produzione sin dall’antichità. Cennini lo definisce colore “artificiato” per poi ribadire, tuttavia, la sua provenienza non alchemica. Con il progredire della scienza moderna, questo colore divenne il centro di un dibattito sempre più appassionato che investì persino la prestigiosissima Acadèmie Royale des Sciences de Paris, dove vi si dedicano ancora oggi incontri enciclopedici, intrecciando la passione per settori culturali della conoscenza naturale all’attenzione per altri più coinvolti negli interessi economici dell’industria,come dimostrato dalle aree di studio più sviluppate nell’accademia,che vanno dalla biologia alla biofisica,dalla metrologia alla geodesia. Giallo di bario, giallo di cadmio, giallo di cobalto, giallo di cromo, giallo di marte, giallo di napoli, giallo di piombo-stagno, giallo di smalto, giallo di spincervino, giallo di stronzio, giallo di titanio, giallo di zinco, giallo indiano, giallo minerale, gomma gutta, lacca gialla, litargirio, massicot, ocra gialla, oro, oro musivo. orpimento, terra di siena naturale, terra d’ombra naturale, zafferano, sono i nomi dei pigmenti gialli più noti.

Nel XX secolo l’uso del colore deve essere messo in relazione soprattutto a Matisse (quello della forma probabilmente a Cezanne): colori basati sulla gioia indotta dalle tinte cobalto,cromo e cadmio della chimica del secolo prima.

Ulivi con cielo giallo e Sole di Vincent Van Gogh. 1889. SI trova in un museo di Minneapolis (USA)

La pittura acrilica, una tecnica nuova pittorica, è nata in epoca relativamente recente. Le prime ricerche ed i primi esperimenticon emulsioni sintetiche iniziarono intorno agli anni ventida parte di pittori messicani come Orozco, Rivera e Siqueiros,la cui esigenza era quella di avere colori con le caratteristiche di praticità come quelli ad olio,duttilità come quelli a tempera, trasparenza come l’acquarello e resistenza agli agenti atmosferici come l’affresco. Le vernici sono prodotte con polveri colorate (pigmenti) mischiate con una resina acrilica (quasi esclusivamente di origine chetonica) di essicazione variabile, generalmente veloce, a seconda delle resine, dei pigmenti e della fabbrica produttrice. Presentano vantaggi e difetti, ma hanno una caratteristica importante:a differenza delle tradizionali tempere, sono indissolubili una volta asciutti.

I colori acrilici sono tranquillamente mescolabili fra loro e come diluente è preferibile semplice acqua, utilizzabile anche per cancellare, prima dell’asciugatura, parti di colore. Alcuni tipi di colori acrilici sono sensibili alla luce che li fa schiarire, tipo i colori rosso-violacei e blu-violacei, perché creati con pigmenti derivati da composti chimici organici fotosensibili, a questo fenomeno si ovvia con una lacca di resina acrilica con filtro UV che protegge tali colori.

Per gli altri colori non c’è bisogno di fissativo perché la resina acrilica che li compone li fa resistere alla luce e agli agenti atmosferici, smog compreso. Si comprende allora l’importanza della scelta dei sistemi di illuminazione focali e generali all’interno dei musei e delle gallerie d’arte,in quanto da essa può dipendere la salvaguardia di opere d’arte pittoriche