Briscole, tromboni e trombette.

Claudio Della Volpe

Qualche mese fa abbiamo segnalato su questo blog le posizioni di alcune riviste e di alcuni scienziati sulla elezione di Donald Trump* alla presidenza degli USA; posizioni molto critiche.

In questi giorni abbiamo la conferma di alcuni di quegli effetti e di quelle previsioni, in parte catastrofiche.

La prima è che Trump ha cominciato a revocare la precedente dirigenza e a nominarne una nuova; in particolare ha nominato il nuovo capo dell’EPA: Scott Pruitt.

Nel corso di un’intervista condotta dall’emittente CNBC, Pruitt ha risposto a una precisa domanda sul ruolo della CO2 e in generale dell’attività umana rispetto al riscaldamento climatico

I think that measuring with precision human activity on the climate is something very challenging to do and there’s tremendous disagreement about the degree of impact, so no, I would not agree that it’s a primary contributor to the global warming that we see,” ha detto alla CNBC; “But we don’t know that yet. … We need to continue the debate and continue the review and the analysis.”

Nei fatti non c’è alcuna “mancanza di consenso”, né tantomeno “enorme”. Negli ultimi anni tutte (e sottolineo il tutte) le principali organizzazioni scientifiche hanno concordato che siano le attività umane a contribuire più di ogni altro fenomeno al surriscaldamento del pianeta, attraverso le emissioni di CO2.

La stessa pagina web dell’EPA afferma “Il diossido di carbonio è il principale gas serra che sta contribuendo al recente cambio climatico

Il punto di vista di Pruitt è agli antipodi di quello di NASA e NOAA .

The planet’s average surface temperature has risen about 2.0 degrees Fahrenheit (1.1 degrees Celsius) since the late 19th century, a change driven largely by increased carbon dioxide and other human-made emissions into the atmosphere,” hanno affermato NASA e NOAA nel gennaio 2017.

Il Sen. Brian Schatz, co-presidente della Senate Climate Action Task Force, ha violentemente criticato Pruitt per i suoi commenti definiti “extreme” and “irresponsible.”

Anyone who denies over a century’s worth of established science and basic facts is unqualified to be the administrator of the EPA. Now more than ever, the Senate needs to stand up to Scott Pruitt and his dangerous views,” ha affermato.

Come ci racconta Il Post: Pruitt ha del resto una lunga storia alle spalle di negazionismo del riscaldamento globale. Da procuratore generale dell’Oklahoma, Pruitt fece causa all’EPA per 13 volte contestando i suoi regolamenti per proteggere l’ambiente, ridurre le emissioni e regolamentare lo sversamento di sostanze pericolose nei fiumi. Nel corso degli anni, Pruitt ha inoltre ricevuto numerosi contribuiti e finanziamenti da parte delle aziende petrolifere. Secondo un articolo del New York Times, Scott Pruitt intende portare nell’EPA suoi ex collaboratori e conoscenti che negano il riscaldamento globale.

In passato Pruitt ha anche detto di essere contrario all’accordo di Parigi sul clima, il più importante e incisivo degli ultimi anni, già osteggiato dall’amministrazione Trump. Il nuovo capo dell’EPA vorrebbe inoltre rivedere le regole dell’agenzia che impongono ai produttori di veicoli di costruire motori più efficienti e meno inquinanti.

Già questo basterebbe a far capire che le preoccupazioni che avevo richiamato nel post di qualche mese fa erano ragionevoli. Ma quel che mi preoccupa ancor più sono le conseguenze di questo cambio della guardia americano sul resto del mondo visto il ruolo guida in politica che gli USA hanno sulle classi dirigenti di molti altri paesi.

In Italia abbiamo assistito al seguente episodio che coinvolge il Corriere della Sera, un giornale che sappiamo essere in prima fila nell’attaccare l’interpretazione corretta del global warming; il suo ex-direttore Paolo Mieli non le manda a dire. Ai suoi commenti ha risposto in maniera dettagliata Oca Sapiens, una delle più famose blogger italiane. Ma stavolta Mieli e gli altri giornalisti-ignoralisti (l’autrice dell’articolo in questione si chiama Serena Danna) l’hanno combinata grossa; sentite qua.

Il blog Climalteranti (a cui ogni tanto contribuisco) l’ha definita “L’infortunio della Lettura”. Infatti riguarda il supplemento La lettura publicato settimanalmente dal Corriere.

Ne trovate il testo integrale qui.

Ci racconta Climalteranti:

L’idea della giornalista, Serena Danna, non è affatto nuova: un “dibattito” alla pari fra un negazionista con poche o nulle competenze in climatologia e un esperto di clima. Ne abbiamo visti tanti in passato, anche in televisione. Essendo la quasi totalità dei climatologi certa che la terra si sia surriscaldata, dare spazio a una tesi largamente minoritaria, peraltro sostenuta da un dilettante in materia, è una cosa poco sensata. Come lo sarebbe dare spazio all’odontotecnico che straparla di vaccini. 

William Happer, definito “guida degli scettici del cambiamento climatico”, è una pedina minore del negazionismo climatico. Il termine “scettico” per Happer è scorretto sia dal punto di vista culturale che giornalistico: si tratta di un fisico nucleare senza alcuna pubblicazione sul clima, consulente di petrolieri e produttori di carbone e membro di numerose lobby statunitensi dell’energia da fonti fossili, che si è dichiarato disponibile a scrivere articoli a pagamento (250 $/ora) sui benefici della CO2 (sarebbe utile sapere se Happer ha ricevuto un compenso per questo “confronto”). La sua presentazione nella colonna informativa si conclude con “negli ultimi anni il suo lavoro si è concentrato sui dubbi relativi al riscaldamento globale e ai danni della CO2”, senza precisare che si è trattato di un “lavoro” da opinionista, senza alcuna pubblicazione scientifica a supporto.

Nell’intervista pubblicata da “La Lettura” del 26 febbraio 2017, intitolata “Credetemi, il clima non è surriscaldato”, William Happer ha rispolverato molti dei miti del negazionismo climatico, da tempo confutati dalle evidenze scientifiche disponibili. Come spiegato nel precedente post, nell’articolo dell’inserto culturale del Corriere della Sera (qui il testo) è stato proposto un finto confronto fra il fisico William Happer e il climatologo Mark Cane (raggiunto via mail, Cane ha dichiarato di non essere al corrente della presenza di un interlocutore nell’articolo, com’è raccontato qui). Molte delle affermazioni di Happer non sono state confutate nell’articolo, che ha anzi dato pari dignità, e più spazio e visibilità complessiva, alle sue opinioni rispetto a quelle del climatologo Cane.

Sarebbe difficile confutare punto per punto qui le affermazioni di Happer, per cui vi rimando per una confutazione puntuale delle ridicole posizioni di Happer a questo post a cui ho anche un po’ contribuito.

Ma la cosa grave rimane: uno dei principali giornali italiani ha “costruito” un falso confronto fra le posizioni pro e contro il GW disinformando nel merito i suoi lettori e addirittura tenendo non informato almeno uno dei suoi intervistati di cui ha confuso volutamente il ruolo scientifico : uno esperto di lunga data definito un ambientalista, e un non–esperto lobbista a pagamento per Big Oil, definito come la guida degli scienziati scettici. Non solo.

Leggendo l’articolo del Corrierone-La Lettura si ha l’impressione che i due discutano tra di loro, ma in effetti non sanno nemmeno di farlo, come scritto da Cane (si veda l’ultima parte di questo link); le loro frasi sono semplicemente giustapposte dall’autrice secondo il proprio intendimento e non si capisce se quelle frasi siano risposte a precise domande o meno. E questo spiegherebbe anche perché le frasi citate di Cane a volte appaiano del tutto fuori tema. Ma è questo un modo di fare informazione o disinformazione? Non sembra il massimo della correttezza dott. Fontana(direttore del Corriere), dott. Troiano (direttore de La Lettura), dott. Mieli (attualmente redattore) e dott. Danna (autrice dell’articolo)!

*Il titolo del post viene dal significato della parola inglese trump: briscola; il resto potete immaginarlo da soli.

Link utili:

https://www.desmogblog.com/william-happer

http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2017/03/05/californexit/

http://www.climalteranti.it/2017/02/27/linfortunio-de-la-lettura/