Ancora chimica e sottomarini. Freon, killer a bordo!

Giuseppe Poeta Paccati

L’8 novembre 2008 si verificò un gravissimo incidente sul sottomarino* nucleare russo K-152 Nerpa della flotta del Pacifico provocata da un’avaria al sistema antincendio a Freon che provocò la morte per asfissia di 20 persone e 41 feriti tra il personale tecnico civile e quello militare.

Sottomarino russo Nerpa (K-152), oggi in dotazione alla marina indiana come INS Chakra

Costruito presso il cantiere di Komsomol’sk-na-Amure (unico sottomarino nucleare russo a non essere in costruzione nei cantieri Sevmaš di Severodvinsk), il sottomarino appartiene alla classe di sottomarini nucleari sovietici dal nome in codice NATO Akula, Progetto 971 Ščuka-B ed era destinato ad essere ceduto in leasing alla marina indiana.

I battelli di questa classe sono in grado di attaccare con successo sia gruppi di unità navali ostili (subacquee e di superficie), sia installazioni terrestri. Grazie ai due scafi in acciaio amagnetico più distanziati del normale, in caso di incidente, hanno una maggiore probabilità di evitare danni allo scafo interno che è, a sua volta, diviso in otto compartimenti. Dotati di un reattore nucleare OK-650B da 190 MW (100’000 hp) per la propulsione che consente una velocità di 20 nodi in emersione e 35 in immersione, sono costruiti con materiali e tecnologie pensate appositamente per rendere minima la loro traccia acustica e renderli più difficilmente localizzabili in immersione.

L’unità incrociava nel golfo di Pietro il Grande, una vasta insenatura lungo la costa russa nell’estremo oriente, situata nella parte nordoccidentale del mare del Giappone per svolgere un programma di collaudi e, per questo motivo, l’equipaggio che era a bordo il giorno dell’incidente era molto più numeroso del solito: 208 persone di cui 81 militari e 127 ingegneri civili dei cantieri navali Amursky, responsabili della costruzione e dell’allestimento del sottomarino.

I compartimenti di un sottomarino russo sono presidiati da stazioni di erogazione di gas freon R-114B2 (dibromotetrafluoroetano, noto come khladon in russo) per estinguere rapidamente gli incendi in spazi chiusi.

Dibromotetrafluoroetano, R-114B2, Halon 2402, CAS Number 124-73-2   (1,2-isomer)

Alle 8:30 PM (ora locale), durante la prima prova di immersione, l’attivazione accidentale del sistema di estinzione del sottomarino causò la chiusura ermetica di due compartimenti adiacenti che furono saturati di gas estinguente prima che il personale lì presente potesse essere evacuato. Il dibromotetrafluoroetano, in alte concentrazioni, può causare narcosi, che progredisce per fasi in eccitazione, confusione mentale, letargia e, infine, asfissia. Molti dei feriti hanno sofferto degli effetti delle ustioni da congelamento causate dal gas.

  1. Personnel working in front section of submarine affected when fire extinguishers set off unexpectedly
    2. Affected area may have been sealed off, trapping personnel inside. There were more staff than usual on board as submarine was undergoing tests
    3. Fire extinguishers release freon gas, which displaces breathable oxygen, causing workers to suffocate

http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/7718156.stm

Il dibromotetrafluoroetano è un liquido incolore con punto di ebollizione di 47,2 °C.

Dal 1994 il protocollo di Montreal prevede l’eliminazione, la produzione, l’utilizzo e il commercio delle sostanze dannose per l’ozono stratosferico (ozone-depleting substance, ODS). Il dibromotetrafluoroetano ha un elevato potenziale di distruzione dell’ozono (ozone-depleting potential, ODP).

Il Potenziale di eliminazione dell’ozono (Ozone Depletion Potential o ODP) di un composto indica la capacità di danneggiare lo strato di ozono rispetto a quella esercitata da un composto preso come standard di riferimento, il triclorofluorometano (R-11), cui viene dato il valore di ODP pari a 1,0. Ad esempio, in questa scala, il clorodifluorometano (R-22), ha un ODP di 0,05 mentre il dibromotetrafluoroetano di 6.[1]

Secondo le testimonianze dei sopravvissuti, le vittime non sarebbero state avvertite in tempo perché l’allarme sonoro di segnalazione di pericolo d’incendio sarebbe scattato solo dopo che il gas aveva già iniziato ad essere erogato nei compartimenti. Alcune delle vittime sono state trovate che indossavano i loro kit di respirazione di emergenza mentre altre, si stabilì in seguito, non furono in grado di attivare i kit respiratori d’emergenza prima di rimanere asfissiate.[2]

Gli esperti individuarono due principali spiegazioni del disastro: un malfunzionamento del sistema antincendio di bordo e l’errore umano. Secondo questa seconda ipotesi un membro dell’equipaggio avrebbe attivato il sistema “senza permesso o alcun motivo particolare”.

Questa grave accusa sarebbe però destituita di fondamento perché il membro dell’equipaggio che era stato accusato risultò essere uno specialista esperto e competente. L’attribuzione delle responsabilità all’equipaggio sarebbe il tentativo della marina russa di individuare un “capro espiatorio”[3] Alcuni ufficiali della marina in pensione riferirono alla stampa che era impossibile che una persona soltanto fosse l’unica responsabile dell’incidente perché il sistema antincendio doveva ricevere più livelli di conferma prima di poter essere attivato.

L’incidente al K-152 Nerpa è stato il peggior incidente per la Marina russa dopo la perdita del sottomarino a propulsione nucleare K-141 Kursk avvenuta nel 2000 nel Mare di Barents durante un’esercitazione militare navale in cui perì tutto il suo equipaggio di 118 uomini.

  • (NdP. Un sottomarino a differenza di un sommergibile è una unità che viaggia essenzialmente sott’acqua, con prestazioni migliori che in superficie , mentre il sommergibile, viceversa, è una unità che viaggia essenzialmente in  superficie)

[1]          http://gestis-en.itrust.de/nxt/gateway.dll/gestis_en/031750.xml?f=templates$fn=default.htm$3.0

[2]          Halpin, Tony (13 November 2008). “Crew member blamed for Russian submarine disaster”. London: The Times.

[3]          “Russia accused of cover-up over gassing of 20 sailors on nuclear submarine”, Daily Mail, 13 November 2008.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.